#LBAF8 – Indomabile Olimpia! Milano travolge una stanca Pesaro e conquista una Coppa Italia dominata

Partita senza storia per i meneghini che si impongono su una stanca Carpegna Prosciutto, e conquistano la settima Coppa Italia della loro storia

di Alessandro Kokich

La finale delle Final Eight 2021 va al rullo compressore Olimpia Milano. La squadra di Ettore Messina ha dominato questo torneo infliggendo uno scarto complessivo di quasi 100 punti, alle 3 avversarie affrontate. Onore alle armi per una Carpegna Prosciutto stoica, che torna a Pesaro con 2 incredibili vittorie, ottenute contro avversarie di alto calibro. Il match di stasera ha visto le due squadre rimanere appaiate nei primi minuti di gara, prima che l’Armani Exchange abbia spinto sull’acceleratore, piazzando un parziale di 16-0 che ha chiuso la contesa nei primi minuti del secondo quarto. Il resto della gara è stata pura amministrazione per i meneghini che sono arrivati a queste Final Eight in uno stato di forma straordinario; non è stata da meno la VL che ha ribaltato il pronostico le prime due giornate ed ha raggiunto una finale che mancava da 17 anni.

Quintetti:

Milano: Delaney, Punter, Shields Leday, Hines

Pesaro: J. Robinson, Filloy, Drell, Filipovity, Cain

1° QUARTO: Parte aggressiva l’Olimpia con un 5-0, subendo però un controparziale di 0-6 guidato da Cain; Hines è il quarto marcatore in altrettanti canestri per i suoi firmando l’allungo del 12-6 dopo metà frazione, ma Filloy impedisce l’allungo locale sbloccando i suoi che segnano a minuti alterni. La VL fatica a segnare e si ostina al tiro pesante contro la difesa meneghina, ma i milanesi sprecano dall’altra parte, e non riescono ad allargare il divario sul +5 dopo 8’. Drell e Filipovity riducono il distacco ma il contropiede sulla sirena di Moraschini vale il 21-15

2° QUARTO: Datome si mette in proprio con un break di 9-0 nei primi 2 minuti, mentre nello stesso periodo di tempo, la Carpegna Prosciutto non arriva mai al tiro; questo si traduce in un 34-15 per una Armani che non sta sbagliando un colpo. Anche Delaney martella dall’arco, precedendo però il layup di Cain che chiude il break sul 37-17 dopo 15’, e genera 3 canestri di fila per i marchigiani. Datome spegne ancora la minima inerzia ospite e fa seguire una pioggia di triple che dimostrano lo strapotere lombardo; Pesaro fa quel che può ma all’intervallo il punteggio è di 48-21.

3° QUARTO: Shields e Leday non hanno pietà ed il vantaggio scollina i 30 punti; Cain non vuole comunque arrendersi ma il talento offensivo e difensivo della squadra di Messina è evidente. Filipovity sfrutta una rara disattenzione di Milano, Delfino ribatte a Leday, ma è ancora il pivot di Repesa a riportare il distacco sotto i 30 punti. La Carpegna Prosciutto trova continuità nelle due metà campo e riduce il passivo sul 60-33 al 26’, prontamente riallungato da 5 punti di Biligha; Moraschini firma un 2+1 ed insieme alla tripla allo scadere di Datome, il divario diventa impressionante sul 74-36.

4° QUARTO: Drell e Justin Robinson firmano i primi canestri della frazione, Leday continua a contendere il titolo di MVP della gara a Datome, mentre dall’altra parte uno stoico Cain non mostra arrendevolezza nonostante il -34; Delfino e Drell tornano a segnare dai 6,75 sul 80-50, Filloy ribatte a Moretti dall’arco, a 5 giri di lancette dal termine di questa gara. Il figlio di Paolo sfrutta al meglio questi minuti finali, cosi come Filipovity che con una tripla evita di scrivere con la sua Carpegna Prosciutto il record di meno punti realizzati in una finale di Coppa Italia (55). La squadra di Repesa mette in campo tutta la tenacia possibile come in questi ultimi 3 giorni, ma il divario tra le due compagini è troppo elevato, soprattutto in questo momento. L’Olimpia Milano vince la settima Coppa Italia della sua storia con il punteggio di 87-59.

MVP Basketinside: Luigi Datome (15 punti, 3/4 da 3, 5 rimbalzi, 26 di valutazione)

 

A|X ARMANI EXCHANGE MILANO – CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO: 87-59

Milano: Punter 13, Leday 13, Moretti 5, Moraschini 7, Rodriguez 1, Biligha 7, Cinciarini 2, Delaney 10, Shields 9, Hines 5, Datome 15, Wojciechowski. All. Ettore Messina

Pesaro: Drell 12, Filloy 5, Cain 15, J.Robinson 4, Tambone 4, Mujakovic ne, G.Robinson, Basso ne, Serpilli, Filipovity 12, Zanotti 2, Delfino 5. All. Jasmin Repesa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy