Milano difende splendidamente e asfalta Brescia

Partita mai nemmeno iniziata al Forum, principalmente per merito di una difesa di casa invalicabile per gli ospiti

di Stefano Bartolotta
milano brescia lba

Milano mantiene l’imbattibilità in campionato, in virtù di una netta vittoria casalinga contro Brescia ottenuta principalmente nella propria metà campo. L’attacco bresciano non è mai riuscito a prendersi dei tiri con un minimo di libertà, e così, con percentuali dal campo molto scadenti, non c’è stata alcuna possibilità per gli uomini di Esposito. La partita non è mai nemmeno iniziata, con un 17-3 in 6′ che ha dato l’impronta. Solo nell’ultimo quarto Milano si è rilassata, ma ormai la partita era ben indirizzata.

L’MVP è Michael Roll, autore delle due triple iniziali che hanno subito messo in chiaro come stavano le cose e protagonista anche in altri parziali che hanno affossato le speranze bresciane. Molto bene anche Shields, LeDay e Brooks. Brescia ha avuto un contributo decente solo da Cline e Bortolani, e ha pagato la prova particolarmente disastrosa di Ristic.

Quintetto Milano: LeDay, Roll, Rodriguez, Shields, Hines
Quintetto Brescia: Cline, Vitali, Chery, Ristic, Moss

Milano affronta questo turno di campionato dando un turno di riposo a Tarczewski e le due squadre partono subito bene in difesa, anche se Brescia, dopo i primi possessi, inizia a lasciare troppo spazio sul perimetro, con Roll che segna comodamente due volte da 3. Tutti i tiri di Brescia, invece, sono ben contestati, così nei primi 3’ abbondanti di gioco arriva solo un’estemporanea tripla di Moss, e il 10-3 che ne consegue potrebbe già essere rappresentativo della partita. Gli attaccanti di Brescia si muovono pochissimo senza palla, ed è troppo facile per Milano continuare a contestare efficacemente ogni tiro. Allo scollinare dei 4’ di gioco c’è già la doppia cifra di vantaggio sul 13-3, e Milano non ha la minima intenzione di allargare le maglie difensive. Brescia insiste nel cercare Ristic vicino a canestro ma, anche se tira da vicino, c’è sempre una buona opposizione difensiva che lo costringe a sbagliare. Dall’altra parte, invece, Milano segna anche quando Brescia difende bene, così dopo 6’, il vantaggio interno si allarga ulteriormente sul 17-3. Con i primi ingressi dalla partita, gli ospiti difendono ancora meglio e rendono le cose complicate all’Olimpia in attacco, ma i punti sul tabellone restano sempre 3, e di minuti, ormai ne sono passati oltre 7. Burns cerca la classica prestazione dell’ex, e in effetti riesce a fare alcune belle cose, ma nell’altra metà campo Brescia è già in bonus e Milano ne approfitta guadagnando falli dal post basso e convertendo in lunetta. Al termine del primo quarto, il punteggio è un eloquente 23-9.

Bortolani prova a dare la scossa ai suoi con una tripla e un gran rimbalzo, ma soprattutto l’attacco di Milano appare molto meno incisivo rispetto a quello dei 17 punti nei primi 6’. A Brescia, però, manca la continuità offensiva per poter sperare in una rimonta, e a Milano bastano un paio di triple di Shields e Moretti per cavalcare un confortante vantaggio (29-15 dopo 3’ abbondanti nel quarto). Brescia ha il merito di non lasciarsi andare, ma davvero la difesa di Milano è invalicabile per le possibilità degli uomini di Esposito, A metà quarto, Milano supera i 20 punti di vantaggio sul 36-15, e davvero è difficile immaginare che questa partita abbia ancora qualcosa di significativo da dire. C’è Cline che fa un paio di cose interessanti, ma, ancora una volta, ci vorrebbe ben altro per riaprire la partita. Non succede, infatti, più nulla di rilevante fino all’intervallo, e si va negli spogliatoi sul 44-24. Brescia ha una sola persa ma non può andare da nessuna parte con un 8/28 complessivo dal campo.

Brescia migliora le percentuali all’inizio del secondo tempo, ma anche Milano segn con facilità, e il vantaggio interno resta sempre attorno ai 20 punti. I frombolieri di casa, soprattutto Roll, sono in fiducia e vedono il canestro come una piscina. Il vantaggio si dilata ulteriormente fino al 58-34, e Ristic certifica il proprio statu di peggiore in campo commettendo un antisportivo su Shields. Esposito tenta un time out sul 64-35, giusto per non far sbracare completamente i suoi, ma subito Milano va oltre i 30 di vantaggio sul 66-35, e nessuno, in campo e in panchina, sembra ormai interessato a questa partita mai nemmeno iniziata. Al termine del quarto, il punteggio è 72-37.

Brescia inizia l’ultimo quarto con un parziale di 0-12, trascinata soprattutto da Cline, ma a metà quarto Milano è ancora in vantaggio per 74-49. La foga degli ospiti si placa, e Milano conduce in porto la partita con assoluta tranquillità. Si vede addirittura una tripla di Biligha e il punteggio finale è 87-56.

A|X ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO – GERMANI BRESCIA 87-56

TABELLINO MILANO: LeDay 15, Moretti 8, Micov 8, Roll 14, Rodriguez 6, Biligha 5, Cinciarini, Shields 16, Brooks 7, Hines 8, Datome

TABELLINO BRESCIA: Bertini ne, Cline 15, Vitali 2, Parrillo, Chery 3, Bortolani 10, Ristic, Burns 12, Moss 6, Sacchetti 4, Ancellotti 4

PARZIALI: 23-9, 21-15, 28-13, 15-19

PROGRESSIVI: 23-9, 44-24, 72-37, 87-56

BASKETINSIDE MVP: Michael Roll

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy