Parks è fantascientifico trascinando Treviso ad una rimonta incredibile!

Parks è fantascientifico trascinando Treviso ad una rimonta incredibile!

Il numero 11 è l’MVP di serata; la sua energia in uscita dalla panca unita ad una difesa solida dei veneti nella ripresa hanno fatto la differenza.

di Marco Novello

Dopo due trasferte consecutive, la De’ Longhi Treviso torna a calcare il parquet di casa; avversario di giornata per i veneti è la Grissin Bon Reggio Emilia appaiata ai biancoazzurri in classifica a quota 10. Assenza importante in casa Grissin Bon, non sarà della partita, infatti, il play Mekel.

 

QUINTETTO BASE DE’ LONGHI TREVISO: Nikolic, Fotu, Uglietti, Cooke, Tessitori

QUINTETTO BASE GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Vojvoda, Owens, Poeta, Upshaw, Fontecchio

 

Pronti via e Fontecchio punisce la disattenta difesa dei padroni di casa, ma il duo Fotu-Nikolic porta avanti TVB (5-3 dopo 2′). Reggio è molto imprecisa in questo avvio, la formazione di Buscaglia costruisce ottimi tiri per i vari Fontecchio e Vojvoda che, nonostante i piedi per terra, trovano solo il ferro. Owens pareggia per un istante la gara prima che uno scatenato Fotu faccia scappare Treviso sul 9 a 5. Poeta prende per mano gli ospiti, il play campano firma quattro pregevoli punti oltre a fornire un ottimo assist per la tripla del sorpasso di Vojvoda (9-10). La sfida in questo frangente risulta molto frizzante con gli attacchi che si fanno preferire alle difese; son, infatti, ben sei i canestri consecutivi, equamente distribuiti, messi a segno dalle due squadre. Reggio comunque registra la difesa chiudendo la via del canestro ai padroni di casa mentre riesce a mettere a segno un importante break di 6 a 0 che porta la formazione ospite addirittura sul +7 (15-22). La De’ Longhi è in rottura prolungata e Fontecchio ne approfitta, in penetrazione, per allungare il break in favore dei biancorossi. Il primo quarto di gioco si conclude 15 a 24.

 

Reggio Emilia ricomincia a mille all’ora pure il secondo quarto; Vojvoda e Johnson-Odom fanno letteralmente ciò che vogliono in attacco ed i biancorossi dopo 12′ comandano la partita per 17 a 32. Candi, con la bomba dall’angolo, aggiorna il massimo vantaggio ospite prima che Parks, con un’inchiodata, tenti di scuotere i suoi compagni (19-35). Johnson-Odom raffredda il pubblico trevigiano con una grande tripla, ma finalmente i veneti danno segnali di vita; Tessitori ed ancora Parks fanno a fette la difesa ospite arrivando comodamente al ferro (23-38). Buscaglia, vedendo l’ambiente creatosi, decide saggiamente di fermare il match con un minuto per interrompere il momento positivo dei biancocelesti. La scelta dell’ex coach di Trento inizialmente si rivela azzeccata con Poeta e Johnson-Odom (autore già di 12 punti fin qui) riportano avanti i biancorossi su un tranquillo +17, ma Treviso c’è e risponde colpo su colpo. Proprio quando l’inerzia sembrava esser cambiata i trevigiani si addormentano e lasciano nuovamente scappare i reggiani; Vojvoda aggiorna il massimo vantaggio reggiano sul +20 (29-49) prima della reazione d’orgoglio di TVB. Un mini parziale di 8 a 3 dei biancoazzurri fa terminare la seconda frazione sul punteggio di 37 a 52.

 

Fontecchio e Logan aprono le danze a questa ripresa, senza però che il vantaggio reggiano venga minimamente intaccato. La De’ Longhi pare esser uscita decisamente meglio dagli spogliatoi rispetto al team ospite, la squadra di Menetti finalmente difende con buona intensità mentre in attacco Fotu torna a scrivere il proprio nome sul referto di gara avvicinando i padroni di casa nel punteggio i padroni di casa. Ancora una volta Buscaglia capisce che il momento della sfida non è favorevole ai suoi e li richiama in panchina e come nella prima frazione la scelta del neo tecnico reggiano porta i frutti sperati. Poeta, in uscita dal time-out, si conferma glaciale dalla lunga distanza, il Palaverde comunque si fa sentire ed incita a più non posso i propri beniamini che in questo momento stanno producendo il massimo sforzo. Parks, in uscita dalla panchina, mette due bombe di fondamentale importanza riportando TVB sotto la doppia cifra di svantaggio per la prima volta in questa partita (59-65), ma il libero di Vojvoda fa tirare una boccata d’ossigeno agli ospiti ora avanti di 7 (59-66). Uglietti ed ancora Fotu rimettono definitivamente in gioco i veneti che al 30′ hanno quasi del tutto annullato il margine che sussisteva all’intervallo (63-66).

 

Il quarto ed ultimo quarto è veramente di fuoco; Parks martella ancora una volta dai 6.75 m, ma è Chillo con un facile appoggio a scrivere il primo vantaggio TVB in questa gara (68-66). Fontecchio, da sotto, interrompe la sterilità offensiva della squadra della città del tricolore pareggiando la sfida a quota 68 prima che Parks salga in cattedra per firmare in solitaria un parziale di 5 a 0 che porta Treviso su un incredibile +5, impensabile per quanto visto nella prima frazione di gioco (73-68). Reggio comincia a sentire la pressione e forza delle conclusioni dalla lunga distanza che però non trovano più il fondo del secchiello, dall’altra parte invece la De’ Longhi gioca con una sicurezza incredibile. Cooke e Parks segnano due canestri importantissimi, prima che il solito Fontecchio corregga l’errore di Poeta. Questa volta è Menetti che chiama un minuto di sospensione, Reggio infatti si è rifatta pericolosamente sotto dopo i canestri di Fontecchio e Johnson-Odom. Nikolic, con una bomba importantissima, porta nuovamente Treviso avanti di 6; Owens tuttavia riavvicinagli ospiti dopo il viaggio in lunetta. Parks si conferma un enigma irrisolto per la difesa ospite come, d’altro canto, è tale pure Johnson-Odom per quella di casa (82-80). Nikolic è letteralmente in trance agonistica; le due bombe del play serbo segnano infatti la fine del match che vede uscire Treviso vittoriosa per 91 a 83.

 

MVP BASKEINSIDE.COM: Jordan Parks. Il numero 11 questa sera è stato un fattore in uscita dalla panca; col suo atletismo unito alla precisione dalla lunga hanno fatto la differenza in favore di Treviso. Alla fine per l’americano di New York saranno 25 punti a cui si aggiungono ben 9 rimbalzi.

 

De’ Longhi Treviso-Grissin Bon Reggio Emilia 91-83 (15-24, 37-52, 63-66)
[Progressivo 15-24, 22-28, 26-14, 28-17]

De’ Longhi Treviso: A. Tessitori 7 (3/5 da 2, 0/1 da 3), D. Logan 10 (2/5 da 2, 2/6 da 3), D. Alviti 0 (0/0 da 2, 0/1 da 3), A. Nikolic 15  (0/2 da 2, 5/8 da 3), J. Parks 25 (5/9 da 2, 5/8 da 3), M. Imbrò (k) 1 (0/0 da 2, 0/2 da 3), M. Chillo 2 (1/1 da 2, 0/0 da 3), L. Uglietti 5 (2/4 da 2, 0/1 da 3), L. Severini n.e., I. Fotu 17 (7/10 da 2, 1/2 da 3), C. Cooke 9 (3/5 da 2, 1/5 da 3), all. M. Menetti

Grissin Bon Reggio Emilia: D. Johnson-Odom 20 (4/9 da 2, 2/6 da 3), S. Fontecchio 13 (5/8 da 2, 1/3 da 3), D. Pardon 2 (0/3 da 2, 0/0 da 3), L. Candi 3 (0/0 da 2, 1/2 da 3), G. Poeta 12 (3/6 da 2, 1/1 da 3), D. Vojvoda 11 (2/3 da 2, 1/5 da 3), L. Infante n.e., J. Soviero n.e., J. Owens 10 (4/5 da 2, 0/0 da 3), R. Upshaw 12 (1/3 da 2, 3/6 da 3), M. Diouf n.e., G. Mekel n.e., all. Buscaglia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy