Pesaro mette la quarta: batte Casale e vola al secondo posto

0

La Scavolini Siviglia vince la quarta gara consecutiva( sei delle ultime sette) battendo sul parquet di casa la Novipiù Casale Monferrato con il punteggio finale di 79 a 72 volando cosi al secondo posto in classifica( in coabitazione con Cantù Bologna e Milano) al termine del girone d’ andata.

E’ stata una partita quasi interamente dominata e controllata dai padroni di casa che hanno subito scavato il break a proprio favore fin dalle prime battute complice anche l’ approccio soft degli ospiti che hanno più volte tentato di ricucire il gap con l’ utilizzo frequente della zona e di quintetti bassi senza però riuscire ad impensierire i pesaresi per almeno tre quarti(62 a 44 al 30′). Poi nell’ ultimo quarto i piemontesi, complice un parziale di 20 a 3 a proprio favore propiziato dall’ indemoniato Temple ed un concreto Malaventura si riportavano fino al meno uno con ancora 4 minuti da giocare ma li si spegneva la rimonta complice il risveglio dei padroni di casa sospinti dalle invenzioni di Hickman che con le sue giocate nel finale regalava meritatamente i due punti ai suoi.

Ancora una volta è stato il trio americano di Pesaro a fare la differenza,i tre mori hanno fatturato 59 punti, 15 rimbalzi e 7 assist oltre ad essere sempre decisivi nei momenti chiave dell’ incontro, il solido contributo di Lydeka e il grande impegno difensivo di Flamini hanno mascherato ancora una volta la pesante assenza di Cusin sotto le plance, Cavaliero ed Hackett pur risultando meno efficaci del solito hanno svolto lavoro sporco a supporto dei migliori.

Casale solo a tratti ha dato l’ impressione di poter stare pienamente nel match, ha iniziato molto male, coach Crespi è stato costretto fin da subito a ruotare tutti i suoi uomini alla ricerca del migliore assetto possibile, ha avuto buone indicazioni da Stefano Gentile che ha dato un minimo di ordine alla squadra al posto di uno spento Shakur, Temple ha mostrato tutto il suo talento nell’ ultimo quarto supportato da Malaventura ma ha avuto poco, troppo poco dai suoi lunghi, per nulla incisivi e perennemente in difficoltà.

1 QUARTO

L’ inizio è segnato dalla totale imprecisione al tiro di entrambe le formazioni, è White a firmare i primi canestri con 5 punti di fila, Lydeka fa 7 a 0 e dopo che Chiotti mette a segno i primi due punti della sua squadra dopo più di 4 minuti di gioco, è Hickman a spingere avanti i padroni di casa con 5 punti filati che fanno volare Pesaro sul più 10 dopo 6 minuti. Casale passa a zona ( 2-3 poi 1-3-1) e con l’ ingresso di Gentile da un pò di fluidità al proprio gioco offensivo, ne trae beneficio Temple con la sua prima tripla, i liberi di Hackett prima e il canestro in sospensione di Gentile chiudono il primo quarto sul 19 a 12.

2 QUARTO

Crespi insiste con la zona che costringe Pesaro a giocare a metà campo e a girare troppo per linee esterne senza avvicinarsi a canestro tirando con percentuali orribili da fuori e con Chiotti si riporta a meno 4 ( 20 a 16). Jones da tre punti segna il primo canestro dal campo per i marchigiani dopo 4 minuti ed oltre di gioco nel quarto, la sua tripla sveglia pure i compagni e prima Hickman poi Hackett riportano Pesaro sul +10. Casale sbaglia troppo in attacco vanificando di fatto quanto di buono fatto in difesa, White sale in cattedra con 5 punti filati ( 35 a 22), Jenning da fuori e Gentile dalla lunetta tentano di tenere a galla la loro squadra che chiude il primo tempo sotto di 13 lunghezze con il risultato di 40 a 27 in favore dei padroni di casa.

3 QUARTO

Parte bene Pesaro che tocca subito il più 15 con i liberi di Lydeka, la difesa di Casale si fa però più aggressiva  e contemporaneamente sale la fiducia degli uomini di Crespi in fase offensiva, Temple e Janning fanno male da fuori alla difesa di Pesaro( 46 a 39 ) al 24′. I biancorossi non si scompongono e sospinti da un parziale di 11 a 0 firmato dai tre USA si riportano sul più 18( 57 a 39), Malaventura con una tripla da una parte e White su assist di Hickman dall’ altra firmano gli ultimi canestri del terzo quarto che si chiude sul punteggio di 62 a 44 per i pesaresi.

4 QUARTO

Dalmonte lascia in panchina i suoi tre americani, Pesaro non trova mai la via del canestro e Casale in un amen confeziona un 10 a 0 di parziale che riporta in bilico il match( 62 a 54 al 33′). Tornano sul parquet i tre USA di Pesaro ma la musica non cambia, i padroni di casa sono contratti, Malaventura e Temple sono imprendibili per la difesa dei padroni di casa ed è proprio il libero del rookie di Casale a firmare il meno uno( 65 a 64 ) con ancora 4 minuti dal termine sul cronometro. L’ ambiente si fa caldo, il pubblico di casa sospinge Pesaro che proprio in questo momento riordina le idee e rimane lucida, Lydeka con 4 punti di fila ricaccia indietro i piemontesi, sul lato opposto Chiotti perde palla ed Hickman in contropiede riporta i suoi sul più 8( 73 a 65). Shakur fa 2/2 dalla lunetta, poi va in scena il Richard Hickman show, suoi i canestri e gli assist che spezzano in due la difesa di Casale e chiudono il match sul 79 a 72.

TABELLINI

PESARO  White 21  Hickman 22  Traini 0  Flamini 3  Cavaliero 0   Hackett 5  Lydeka 12  Jones 16

CASALE MONFERRATO  Malaventura 13  Gentile 7  Nnamaka 0  Pierich 0  Chiotti 9  Temple 22  Stevic 1  Ferrero 0  Shakur 13  Janning 7

TIRI DA 2    PESARO 17/26   CASALE 18/43

TIRI DA 3   PESARO 9/26   CASALE  7/17

TIRI LIBERI  PESARO 18/23    CASALE  15/19

RIMBALZI  PESARO 31   CASALE  29

ASSIST  PESARO  10   CASALE  3

VALUTAZIONE  PESARO 89   CASALE 60

MVP:  HICKMAN 22 punti  2 rimbalzi  4 assist  28 di valutazione   7/11 al tiro dal campo    4/4  ai liberi    e le giocate chiave che chiudono il match.