Pesaro rivede la luce, Stipcevic e Cavaliero spengono l’Enel

0

La Scavolini Banca Marche riscatta la bruciante sconfitta di domenica scorsa battendo sul parquet di casa l’Enel Brindisi con il punteggio finale di 94 a 90. I marchigiani hanno condotto dall’ inizio alla fine ed hanno meritato la vittoria grazie all’ottimo lavoro difensivo fatto sui giocatori ospiti più pericolosi , Gibson e Reynolds, costretti ad una partita ben al di sotto del loro standard, grazie a delle percentuali ottime dall’arco dei tre punti(17/32) ed una solidità mentale ritrovata dopo l’ultima sconfitta. Determinante la prestazione dell’ MVP Daniele Cavaliero, sempre lucida la regia di Stipcevic ed estremamente concreti gli usa Barbour e Kinsey per una formazione, quella pesarese , che limita al massimo l’utilizzo dei suoi lunghi con quintetti bassissimi e con un Amici sempre più concreto e sempre presente nei break positivi della squadra. Brindisi come dicevamo ha pagato lo scarso apporto dei suoi due gioielli Reynolds e Gibson, confuso contro la zona il primo e mai capace di entrare definitivamente in ritmo il secondo, buona la presenza sotto i tabelloni di Robinson e la consueta grinta di Ndoja. Pesaro fa un passo avanti verso la salvezza e riconquista fiducia ed autostima, Brindisi, che ha disputato fino ad ora un buonissimo campionato dovrà leccarsi le ferite e rimettersi in carreggiata per conquistare i play off, obiettivo nettamente alla portata del talentuoso roster di coach Bucchi.

Le pagelle: Stipcevic e Cavaliero guidano Pesaro, deludenti Gibson e Reynolds


MVP BASKETINSIDE: CAVALIERO 24 punti 3 rimbalzi 1 assist

TABELLINI
SCAVOLINI BANCA MARCHE PESARO Cavaliero 24 Stipcevic 22 Kinsey 18 Barbour 16 Thomas 0 Crosariol 5 Mack 8 Amici 0 Bryan 1 All. Markovski
ENEL BRINDISI Viggiano 3 Robinson 17 Reynolds 13 Formenti 8 Fultz 5 Ndoja 14 Simmons 10 Gibson 16 Grant 4 All. Bucchi

LA CRONACA
Decisa la partenza degli ospiti che si portano subito sul 6 a 2, Pesaro reagisce ma ha grosse difficoltà ad arginare l’ attacco brindisino con Viggiano che conferma il vantaggio (12 a 7), Markovski capisce che è ora di cambiare e piazza i suoi a zona con il risultato di mandare in bambola Reynolds e soci,Stipcevic dall’ arco firma il sorpasso( 15 a 14). Robinson buca la zona dalla zona centrale con estrema facilità ma Cavaliero inizia a bombardare dall’ arco ed i biancorossi si portano sul 23 a 18 prima e sul 28 a 21 del finale di primo quarto. Ancora Cavaliero a centrare la retina per il massimo vantaggio (33 a 21), Bucchi si affida alla sua panchina e grazie alla buona regia di Fultz, alla grinta di Ndoja e le triple di Formenti ritrova la parità a quota 45 prima che la Vuelle grazie a due azioni in contropiede riesca a chiudere avanti il primo tempo sul 51 a 45. Pesaro esce dal riposo con le polveri bagnate e non segna per quasi quattro minuti con Brindisi che si riporta a contatto, ci pensano Mack e Barbour a rompere il digiuno per i biancorossi,ci pensa il solito Ndoja a ricucire di nuovo e permettere di andare al mini riposo prima dell’ ultimo quarto sul 67 a 64. Nell’ ultimo quarto Brindisi riesce addirittura a mettere la testa avanti ( 70 a 71), prima Stipcevic e Cavaliero poi con 6 punti consecutivi riportano avanti i padroni di casa, Mack dilata il vantaggio fino al 90 a 80, i pugliesi reagiscono e grazie ad una fiammata di Gibson si riportano sotto solo di uno ( 91 a 90),ci pensa Kinsey dalla lunetta a mettere in ghiaccio il match per i padroni di casa. Finisce 94 a 90.