Pistoia da infarto! Easley piega Cantù sulla sirena

0

A lezione di Harakiri. Pistoia prima, Cantù poi. Pistoia nei regolamentari, Cantù al supplementare. Ma alla fine a far festa è il popolo di casa, in estasi grazie al tap-in sulla sirena di Easley che vale l’88-87 finale.

CRONACA

1° Quarto: In un PalaCarrara più bollente del solito parte forte la GTG, 5-0 dopo due minuti e una difesa stretta. Sotto Shermadini si fa sentire e prova a tenere Cantù subito in partita con 4 punti filati. World Peace fa il suo esordio al 5′ e non passa certo inosservato vista la pioggia di fischi su di lui. Dopo una parte centrale di primo quarto costellata di errori, le squadre prendono il ritmo giusto, soprattutto Pistoia che con Filloy e Brown trova il massimo vantaggio (16-10) a due dalla prima sirena. Scintille fra Milbourne e il Panda che infiammano ulteriormente un palazzo già caldo di suo. Oltre a questo poco altro accade e i primi 10 minuti si chiudono con Pistoia avanti 19-15.

2° Quarto: Il secondo quarto si apre con Cantù più decisa con Feldeine da tre e Abass dalla lunetta per il sorpasso brianzolo (22-21). Tra sorpassi e controsorpassi Pistoia torna sul +3 costringendo Sacripanti a chiamare time out per chiarire le idee ai suoi andati un po’ fuori giri. Al 15′ il coach lombardo concede a MWP altri minuti, e viene premiato subito col primo canestro dal campo, imitato da Jones costringendo questa volta il tecnico biancorosso a richiamare i suoi. Poi, come nel periodo precedente, il finale è caratterizzato dai molti errori, da ambo le parti, che vedono però Cantù ricucire lo strappo terminano il primo tempo in parità, 38-38. Bene Hall per i padroni di casa (già 4 assist per lui), per Cantù un buon Feldeine e un altrettanto positivo Shermadini.

3° Quarto: Più decisi i ragazzi di Moretti in apertura di secondo tempo, Easley prova a dare segni di vita con 4 punti filati. Ma si rimane sul binario del punto a punto. Shermadini esteticamente non sarà il massimo ma è di un concreto pauroso. Poi a scaldare ancora gli animi è il Panda che ingaggia un duello al limite del consentito col guaglione Amoroso. Ed ha la meglio il biancorosso, dando la solita impressione di solidità. Il Panda da tre fa rifiatare Cantù ma Pistoia prova l’allungo, punticino dopo punticino trova il +7 a 1’30”. Feldeine però con un gioco da tre rimette il punteggio (54-50 GTG). C.J. Williams rispedisce i brianzoli a 7 lunghezze con una bomba clamorosa. Finale di terzo quarto incandescente, Milbourne commette il quinto fallo, e fra errori si fila alla penultima sirena sul 57-52 Pistoia.

4° Quarto: La partenza è da fuochi d’artificio con l’alley oop sull’asse Hall-Brown, ma soprattutto la bomba di Filloy per il +10. Gentile non ci sta e con un’altra bomba fortunosa riporta lo svantaggio sotto la doppia cifra. Amoroso con 7′ ancora da giocare va sul quarto fallo, mettendo nei pensieri Moretti, già costretto dalla defezione di Milbourne a rotazioni limitate. Pistoia perde poi la testa dopo il +12: è Johnson-Odom il condottiero di Cantù che riporta i sui sotto di appena 5 lunghezze a 1’54” da giocare (73-68). Moretti preoccupato chiama time out. Johnson-Odom continua a segnare come un pazzo, gli risponde Easley, sempre +6 Pistoia a 40″ dalla sirena. MWP da segni di vita – deficitario il suo apporto sin qui – con un rimbalzone d’attacco. 2/2 dalla lunetta per lui. Poi Pistoia perde un pallone sanguinoso e Gentile la punisce in transizione da tre (76-75). Time out Pistoia con 14″ da giocare, partita ancora tutta da decidere. Inizia la girandola dei falli, Filloy fa 2/2. 78-75 e Feldeine subisce fallo sul tiro (dubbio) da tre. E non sbaglia mandando la partita ai supplementari.

Supplementare: MWP, con 5 punti filati, porta Cantù sul +3 (83-80). Pistoia sembra aver perso il bandolo. Sparecchia troppo e male dall’arco. Hall però la impatta proprio da tre. Poi il palazzo implode sull’ennesima decisione arbitrale discutibile: palla rubata da Filloy giudicata fallosa e 5o fallo per lui. Gentile fa 1/2 e 84/83 Cantù. Johnson-Odom poi da tre manda all’inferno Pistoia col +4 brianzolo. Time out biancorosso, tiro immediato di Brown e fallo subito dall’arco.  3/3 per lui, 87-86 per gli ospiti e time out Sacripanti. Rimessa di Gentile e gaffe clamorosa del più atteso, il Panda perde la maniglia in maniera bambinesca. Rimessa Pistoia, Hall orchestra, Williams tira maldestramente da tre, sbaglia ma sul tap in c’è Easley che fa esplodere il PalaCarrara per un 88-87 clamoroso.

GIORGIO TESI GROUP PISTOIA – ACQUA VITASNELLA CANTU’  88-87 dts (19- 15, 38- 38, 52- 57)

ACQUA VITASNELLA CANTU’: Johnson-Odom 21, Feldeine 13, Abass, Bloise ne, Laganà ne, Maspero ne, Jones 4, Shermadini 8, Buva, Gentile 14, Williams 9, World Peace 16. All. Sacripanti.

GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Easley 14, Brown 11, Williams , Mastellari ne, Moretti, Milbourne, Filloy 19, Amoroso 4, Magro 2, Hall 13. All. Moretti.

Fotogallery a cura di Claudio Brenna & Marta Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here