QF G4 – Una super Trento spazza via Venezia e forza la serie a gara cinque

0

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – UMANA REYER VENEZIA 61-51
Parziali: 19-14; 33-25; 45-36

Dolomiti: Marble 16, Pascolo 2, Mian, Forray 6, Flaccadori 1, Craft 9, Mezzanotte ne, Gomes 6, Hogue 12, Lechthaler ne, Jovanovic 9. All. Buscaglia.

Umana Reyer: Haynes 7, Stone, Bramos 15, Tonut ne, Daye 7, De Nicolao 7, Vidmar 2, Biligha ne, Giuri, Mazzola, Cerella 3, Watt 10. All. De Raffaele.

Ci vorrà Gara5 (lunedì sera, 20.45, al Taliercio) per determinare chi, tra Umana Reyer e Dolomiti Energia, andrà in semifinale. Trento rispetta ancora il fattore campo e Gara4 si chiude così 61-51.

Torna, almeno a referto, Tonut e coach De Raffaele cambia il pacchetto lunghi nello starting five (Daye e Vidmar insieme a Haynes, Stone e Bramos). Ci vogliono quasi 2′, a Marble, per sbloccare il punteggio con una tripla, risponde subito Haynes, con l’Umana Reyer che cerca il pitturato in un match con metro arbitrale tollerante. Marble segna ancora da 3, ma Vidmar e la tripla di Bramos portano avanti l’Umana Reyer: 6-7 al 3’30”. Marble rimane indiavolato (11 punti su 11 trentini al 5’30”), poi Forray completa un break di 7-0 (13-7 al 6’30”) e il primo fallo orogranata del match, un antisportivo di Daye, permette a Jovanovic e allo stesso Forray di trovare dalla lunetta addirittura la doppia cifra di vantaggio (17-7) al 7′. Watt ha un ottimo impatto, ben servito prima da Bramos e poi De Nicolao (17-11 all’8′) e un’altra tripla di Bramos avvicina ulteriormente l’Umana Reyer sul 18-14, con Flaccadori che chiude infine con il libero del 19-14.

Le triple di Gomes e Mazzola aprono il secondo quarto (22-17 al 12′), con coach De Raffaele che alterna i quintetti, provando anche la soluzione del doppio centro (Watt più Vidmar). Gomes da 3 e Hogue ridanno alla Dolomiti il +10 al 13’30” (27-17), poi si sblocca finalmente Daye, con la tripla del 27-20. Il punteggio rimane fermo per quasi tre minuti, con Daye che mette successivamente un libero, ma Trento risponde con Pascolo e Hogue (31-21 al 18′). Nel finale di tempo, Watt segna senza completare un gioco da tre punti e infine, dopo i liberi di Marble, fa 2/2 dalla lunetta, mandando le squadre all’intervallo lungo sul 33-25.

Al rientro in campo,c’è grande intensità difensiva in campo, con ben tre palle perse per parte prima della tripla di Bramos che muove il punteggio con una tripla al 23’30” (33-28), poi segna da 3 anche Haynes ed è time out Dolomiti sul 33-31 al 24’30”. Hogue sblocca i padroni di casa dalla lunetta, sfruttando il bonus speso dagli orogranata (36-31 a metà periodo). Il parziale di Trento continua con Jovanovic e Craft e il 10-0 significa massimo divario sul 43-31 al 27’30”. Haynes inventa, Craft risponde, poi De Nicolao conclude il periodo con la tripla del 45-36.

Nell’ultimo quarto sale anche il livello offensivo, con Trento che sfrutta il tredicesimo rimbalzo offensivo per mettere con Craft la tripla del nuovo massimo vantaggio: 50-37 al 31’30”. Bramos prova a reagire con due triple (5/7 per lui dall’arco), firmando il 52-43 al 32’30”, ma anche Marble segna da 3 e, dopo un libero di Daye, Hogue schiaccia di nuovo il +13 (57-44) al 34’30”. Esce per falli Vidmar, poi si riprende a segnare col contagocce: Hogue risponde a Watt (59-46 al 37′) e Craft chiude virtualmente il match al 38’30” col nuovo massimo margine trentino (61-46). In garbage time, due liberi di Daye, uno di De Nicolao (sull’antisportivo di Marble) e il canestro dello stesso numero 10 orogranata rendono solo meno pesante il passivo finale: 61-51.

Uff.Stampa Reyer Venezia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here