Ragland e Clark mandano in estasi il PalaDesio: Treviso battuta con una folle rimonta

Ragland e Clark mandano in estasi il PalaDesio: Treviso battuta con una folle rimonta

Cantù precipita a meno diciannove ma con un finale vietato ai deboli di cuore regola Treviso 77-74.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

Un canestro a trenta secondi dal termine di Clark e il libero supplementare successivo completano la pazza rimonta canturina costringendo Treviso alla resa. La De’ Longhi si smarrisce sul più bello e dopo una prima metà in cui Alviti e Tessitori fanno la voce grossa, è a inizio terzo che la formazione di Menetti spinta da Cooke vola via toccando le diciannove lunghezze di margine che sembrano scrivere la parola fine. Cantù però non molla e si rianima, spinta dalle giocate di Ragland, Burnell e Wilson chiudendo il terzo quarto a un possesso singolo di scarto. Ultimi dieci minuti vietati ai deboli di cuore: la formazione di Pancotto mette il naso avanti, ma Treviso con Logan la ribalta nuovamente prima che Clark (24 pt) decida di salire in cattedra con il 2+1 che varrà poi la vittoria canturina.

Cantù: Clark, Young, Pecchia, Burnell, Hayes
Varese: Nikolic, Logan, Cooke, Fotu, Tessitori

ALVITI LANCIA TREVISO – Avvio tutto di marca Treviso con Logan e Tessitori che scrivono il 2-7 iniziale. Cantù si riporta sotto grazie a Young mentre i primi tre punti di Clark valgono il primo sorpasso sul 9-7. Un break tutto di Uglietti rimette la Dè Longhi davanti mentre Pancotto da spazio a Ragland sul parquet di gioco. Cantù inizia a carburare, Wilson e Simioni propiziano il nuovo sorpasso mentre i primi due punti di Ragland archiviano la prima frazione sul 20-17. Tre punti di Alviti riaprono la contesa, con la Dè Longhi che una marcia completamente differente e spinta dal duo Alviti-Tessitori piazza un break che vale il 26-32 obbligando al timeout Pancotto. Young rimette in scia Cantù, ma Treviso riallungo con il solito Alviti e un positivo Cooke a mettere dieci punti di margine. Pecchia e Wilson limitano i danni, con i padroni di casa che vanno al riposo sul punteggio di 35-41.

PAZZA CANTU’, RIMONTA VINCENTE- Dopo l’intervallo è Treviso che riparte meglio, con i suoi lunghi che nel pitturato continuano a far la voce grossa scrivendo il 37-48. Pancotto chiama minuto, ma al rientro è ancora la squadra di Menetti a far la voce grossa con Fotu che banchetta come se non ci fosse un domani lanciando la fuga dei veneti sul 37-54 obbligando Cantù a un altro minuto di sospensione. Treviso tocca il più diciannove, ma Cantù risponde con sei punti in un amen per il meno tredici che rianima il pubblico sugli spalti. Pecchia timbra il meno dieci e l’inerzia sembra improvvisamente cambiata sul campo. Treviso sbanda, Burnell completa il 2+1 del 49-56 riaprendo completamente la gara. Cantù si esalta, il pubblico alza i decibel di tifo e con una magia di Clark arrivano altri tre punti per il meno quattro sul tabellone. Tessitori sblocca la De’ Longhi, ma Cantù continua a premere e il buzzer di Wilson vale un clamoroso 56-58 a tabellone. Tessitori e cookee aprono l’ultimo periodo ricacciando a meno sei la squadra di casa. Ragland riporta a contatto i suoi, ma Nikolic risponde con una tripla incredibile per il 60-67. Cantù alza la voce e con Pecchia e Burnell piazza un contro parziale di 7-0 che vale la parità a 3’35 dal termine. Menetti chiama timeout, Hayes decolla al rientro regalano il sorpasso alla formazione di casa ma Logan dall’arco timbra il 69-70. La gara diventa vietata ai deboli di cuore, con Ragland che replica con la stessa moneta per il 72-70 ma Logan la impatta nnuovamente mentre Cooke trova il tap in del 72-74 a 1’09”. Pancotto chiama minuto di sospensione, ma al rientro succede di tutto con la S.Bernardo-Cinelandia che spreca il primo possesso ma non il secondo con Ragland che lancia Clark con il numero dieci che trova il 2+1 che vale il 75-74 a ventisei secondi dal termine. Il finale è vietato ai deboli di cuore: Tessitori sotto canestro sbaglia il canestro più facile al mondo, Clark fa 2/2 con Pancotto a chiamare immediatamente fallo sistematico sul 77-74 a due secondi dal termine. In lunetta ci va Cooke: l’americano fa 0/2 archiviando di fatto la partita. Cantù si impone 77-74.

MVP BASKETINSIDE.COM: Clark
Cantù 77 Treviso 74

Cantù: Young 7, Procida ne, Clark 24, La Torre, Hayes 11, Wilson 10, Ragland 7, Burnell 7, Baparapè ne, Simioni 3, Rodriguez, Pecchia 8. All.Pancotto
Treviso: Tessitori 15, Logan 8, Alviti 8, Nikolic 5, Parks  ne, Imbrò, Chillo, Uglietti 9, Severini 3, Fotu 10, Cooke 16. All. Menetti

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy