Reggio prima va sotto ma poi vince di prepotenza il derby con la Fortitudo Bologna

Con un finale da squadra la Unahotel vince il recupero dell’8° giornata.

di Maurizio Rossi

Con 13 minuti di assoluto dominio Reggio vince una gara che l’aveva vista soccombere di anche 15 punti contro la Fortitudo Bologna. Una vittoria firmata da un sontuoso Taylor che con i suoi 28 punti ha guidato i suoi alla vittoria. Cade invece la Lavoro Più che guida la gara per quasi 3 quarti ma poi deve soccombere al ritorno veemente dei reggiani.

Reggio dimostra con questa vittoria che la squadra di Martino non muore mai, anche sotto di 15 lunghezze non si è mai data per morta e trascinata dal suo play ha vinto una gara con 13 minuti di assoluto dominio, meno bene però nel restante periodo della partita dove ha sofferto troppo le giocate per Happ e Saunders.

Quintetti iniziali :

Unahotels : Taylor,Elegar,Johnson,Johnson,Kyzlink

Lavoro Più : Whiters,Totè, Fantinelli,Banks,Aradori

Primo quarto: Partenza di marca bolognese con la tripla di Banks ed il sottomano di Happ, replica immediata reggiana con 5 punti di Taylor per il pareggio a quota 5. Primo sorpasso Unahotel con i tre liberi di Bostic, subito replicati dal primo canestro dell’ex Aradori. Si continua sempre punto a punto con caanestri solo dalla linea della cartià con ottime percentuale. Al 7° antisportivo di Macinelli e liberi di Bostic, 1 su 2 e nuova parità a quota 13. Allungo Fortitudo con Sauders, Mancinelli ed il primo canestro del ultimo arrivato Hunt, 13-19, con Reggio che fatica molto in attacco. Si chiude con il canestro di Taylor e la stoppata di Diuf su Banks, 15-20.

Secondo quarto : In questo quarto si incrive Baldi Rossi che grazie ai suoi 4 punti riporta Reggio al – 1 sul 21-22, tegola per Reggio con il terzo fallo di Bostic. Fortitudo scappa nuovamente al 14° con Whiters e Saunders (2+1) e primo minuto per coach Martino, 23-28. Reggio in attacco fatica molto a trovare soluzioni facili, mentre Happ in area reggiana fa quello che vuole. Break Unahotels con 2 triple consecutive di Taylor che riportano Reggio in avanti sul 33-32, questa volta è Dalmonte a chiedere minuto. Finale con Reggio che trova anche il +3 con la schiacciata di Elegar, ma Banks prima con gioco da maestro recupera 2 punti e poi Happ realizzando solo 1 dei due liberi a disposizione sigla il pareggio sul 35-35.

Terzo quarto: Avvio ancora favorevole alla Fortutudo con icanestri di Whiters e Happ, risponde Taylor con una gran tripla ma Fantinelli si mette in proprio e grazie ai suoi 5 punti di fila allunga a 6 le lunghezze di vantaggio per la Lavoropiù, minuto obbligato per Martino. Un vantaggio che arriva alla doppia cifra con il canestro di un Happ incontenibile per la difesa reggiana (39-49). L’allungo bolognese tocca anche le 15 lunghezze con la tripla di Whiters (43-58), ma in finale tutto reggiano che prima con Bostic (3+1) trova 9 e poi il solito Taylor infila la tripla per il – 6 a 50 secondi dalla fine. Chiude Diuf per il 54-58.

Quarto quarto: Ultimo quarto che inizia con Reggio che trova anche il meno 1 con la solita tripla di Taylor, ma prima Saunders e poi Whiters ricacciano al – 4 i reggiani 59-63. Si arriva anche al vantaggio Unahotel con la tripla di Bostic ed il sottomano di un Taylor già autore di 28 punti, minuto per Dalmonte per interrompere l’inerzia della gara. Un’inerzia che sembra ora in mano reggiana che trova il + 8 con 5 punti di fila di Baldi Rossi (75-67) a 100 secondi dalla fine. Il finale vede la Fortitudo reagire solo con Banks mentre Reggio chiude con 4 liberi a segno di Elegar e Candi per il 79-69 finale.

UNAHOTELS REGGIO EMILIA- LAVORO PIU’ BOLOGNA 79-69 (15-20,35-35,54-58 )

Unahotels : Bostic 13,Candi 7 ,Baldi Rossi 13,Porfilio,Taylor 28,Giannini ,Elegar 10,Besozzi, Johnson 2,Bonacini ,Diuf 6, ,Kyzlink 1.Allenatore Martino

Lavoropiù : Banks 7,Aradori 9 ,Mancinelli 2 ,Sauders 17 ,Palumbo ,Hunt 5,Fantinelli 5 ,Happ 17,Whiters 5,Totè ,Sabatini . Allenatore Dalmonte

Arbitri : Borgo,Martolini,Boninsegna

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy