Rodriguez è glaciale dalla lunetta e Milano sbanca il PalaPentassuglia

Rodriguez è glaciale dalla lunetta e Milano sbanca il PalaPentassuglia

La zona, le triple di Sykes e il dominio sotto i tabelloni di Tarczewski, permettono agli uomini di coach Messina di ottenere una grande vittoria di solidità in un campo ostico come quello della Happy Casa, che incappa in una giornata storta nel tiro da 3.

di Gianluca Rota

Big match nell’anticipo di LBA, in un PalaPentassuglia sold out la Happy Casa ospita l’Olimpia, reduce dalla vittoria in EuroLega contro il Bayern. I pugliesi invece, arrivano dalla sconfitta subita in Ungheria, che ha messo fine al percorso europeo in Champions League. Per Milano non saranno della partita Gudaitis (colpito da un attacco influenzale) e Roll per turnover, che si vanno ad aggiungere alle assenze di Moraschini e Brooks, mentre è recuperato Cinciarini; coach Vitucci invece, potrà disporre del roster al completo.

QUINTETTO HAPPY CASA BRINDISI: Thompson, Banks, Martin, Stone, Brown

QUINTETTO OLIMPIA MILANO: Rodriguez, Cinciarini, Micov, Scola, Tarczewski

PRIMO QUARTO:  

La serata si apre nel ricordo di Kobe Bryant, viene osservato un commovente minuto di raccoglimento e un fantastico tributo che il pubblico del PalaPentassuglia fa attraverso una splendida coreografia. Entrambe le squadre per rendere omaggio a Kobe Bryant fanno scorrere i  primi 24” e 8”, ovvero i numeri indossati nella carriera leggendaria dell’ex Lakers. Il match parte su ritmi alti, le due squadre si rispondono colpo su colpo; i padroni di casa sfruttano in attacco la fisicità di Kelvin Martin per mettere in difficoltà la squadra di Messina che, risponde dall’altra parte con le triple di Nedovic, protagonista dei primi minuti. Brindisi chiude avanti (16-14) il primo periodo con i due punti firmati da Dominique Sutton.

SECONDO QUARTO:  

Keifer Sykes è il protagonista della seconda frazione; l’ex Avellino con due potenziali giochi da tre punti e la tripla dall’angolo, porta l’Olimpia avanti di 12 lunghezze (14-26). I padroni sono bloccati dalla zona ordinata da coach Messina e fanno una fatica tremenda a trovare la via del canestro. Nei primi 5′ del quarto Brindisi, segna appena 5 punti con un brutto 1/9 da tre punti. Gli ospiti però, calano un pò l’intensità difensiva e i pugliesi ne approfitano per rientrare nel match; Gaspardo dà inizio alla rimonta, completata anche grazie al monumentale lavoro in difesa di John Brown che esalta il PalaPentassuglia. Milano quindi, spreca il vantaggio in doppia cifra e sulla sirena viene sorpassata dalla tripla di un ottimo Gaspardo. Si va alla pausa lunga sul 34-32 per la Happy Casa.

TERZO QUARTO:    

Gaspardo riprende da dove aveva finito e scrive il +4 (36-32), ma Sykes non ci sta e la guardia americana infila i punti del nuovo sorpasso ospite (36-37). La contesa prosegue sui binari dell’equilibrio fino al mini parziale di 6-0 firmato dalle triple di Micov e Rodriguez; i pugliesi provano a rispondere e lo fanno con Thompson e Stone che scrivono il -2 (44-46). Da questo momento Milano sembra più concentrata e solida e trova anche negli italiani un contributo importante per tentare un nuovo allungo che, arriva con le triple di Burns e Cinciarini, (44-54). Dall’altra parte prova a reagire Brindisi e lo fa con il suo capitano, ovvero Adrian Banks che scrive 5 punti consecutivi, ma negli ultimi secondi da giocare commette una ingenuità portando in lunetta Sykes che mette i due liberi del +7 Olimpia, 49-56.

ULTIMO QUARTO: 

Il match si fa sempre più duro ed intenso; ai due punti di Nedovic, replica la tripla di Zanelli. Per proteste Vitucci prende il tecnico e il libero viene realizzato da Nedovic; il Chacho si prende sulle spalle la squadra e con due canestri difficili mantiene a debita distanza i padroni di casa, che con orgoglio non mollano e rientrano in partita con i punti di Stone, e con la rubata e schiacciata di Sutton. Anche Messina prende un tecnico e i pugliesi si avvicinano ulteriormente, -2 e ultimi minuti in volata. Kaleb Tarczewski sotto canestro è una vera spina nel fianco per Brown e compagni che non riescono a trovare una soluzione per limitarlo. Così, il lungo di Milano confeziona un pesantissimo gioco da tre punti che, rispedisce Brindisi a -4 (69-73). Stone mette la sua prima tripla della gara e accorcia sul -1, ma la formazione di Vitucci non può nulla contro la freddezza di Rodriguez in lunetta e per l’ultimo tentativo brindisino, la tripla del pareggio di Banks si spegne sul ferro. L’Olimpia espugna il PalaPentassuglia con il risultato finale di 74-77.

HAPPY CASA BRINDISI – OLIMPIA MILANO 74-77   ( 16-14, 18-18, 15- 24, 25-21)

BASKETINSIDE MVP: Kaleb Tarczewski

TABELLINO:

HAPPY CASA BRINDISI: Brown 7, Banks 17, Martin 7, Sutton 5, Zanelli 3, Gaspardo 9, Campogrande , Thompson 2, Stone 21, Ikangi NE , Epifania NE, Cattapan NE . All.: Vitucci

OLIMPIA MILANO: Della Valle, Micov 3, Biligha, Rodriguez 13, Gravaghi NE, Nedovic 14,Tarczewski 16, Cinciarini 3, Burns 3, Citterio NE, Sykes 17, Scola 8. All.: Messina

PROGRESSIVI: 16-14, 34-12, 49-56, 74-77

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy