Roma chiude l’anno in bellezza, espugnato il caldissimo PalaCarrara

0

Una buona Roma batte Pistoia in un gremitissimo PalaCarrara, grazie a un devastante parziale di 22-2 nel secondo quarto che spiana la strada ai giallorossi. In quella fase Pistoia appare intontita, ma alla fine (grazie anche al calore del pubblico casalingo) riesce a rendere meno amara la sconfitta chiudendo con un dignitoso 76-85, contro la ben più blasonata formazione capitolina. (18-19 , 36-51 , 45-70 , 76-85) Giorgio Tesi Group PISTOIA: Wanamaker* 21, Gibson* 18, Washington 9, Johnson* 7, Daniel 10, Meini 6, Evotti, Cortese* 9, Galanda 2, Bozzetto Allenatore: Moretti Acea ROMA: Taylor*15, Goss* 13, Hosley* 20, Jones* 14, Mbakwe* 10, D’Ercole 6,  Moraschini 3, Baron 2, Righetti, Eziukwu 2 Allenatore: Dalmonte 1° QUARTO Squadre che partono con rallentatore, più di un minuto senza punti: sblocca Cortese con una tripla, poi risponde Mbakwe lesto a rimbalzo e preciso nell’appoggio. Poi è la volta di Johnson (long-two) e Roma sul rovesciamento perde palla (Taylor) e poi commette fallo su Wanamaker (che fa 1/2 dalla lunetta). Roma, sprecisa in fase offensiva, altra palla persa con Goss stoppato da Johnson (che si ripete poco dopo su Taylor. Taylor rompe il digiuno giallorosso con un appoggio in solitaria. Daniel fa suo il rimbalzo e realizza con un rimpallo fortunoso. Pistoia sul +4 ma arriva la bomba di Goss a riaccorciare le distanze. Bello anche l’ ”arcobaleno” con cui va a confezionare il successivo sorpasso di Roma, rinforzato dalla successiva tripla dell’ex di turno Bobby Jones. Break di 8 a 0 per Roma che ora conduce 12 a 8, con Moretti costretto al time-out. Al rientro uno sfondamento di Daniel e poi ancora giallorossi a segno (schiacciata di Mbakwe). Entra Galanda che si fa subito riconoscere: scarico di Daniel e repentino tiro da 2 dalla lunga distanza che muove solo la retina. 2 falli sia per Mbakwe che per Daniel (che manda in lunetta 3 volte un precisissimo Jones): +7 Roma (10-17). Sul rovesciamento preciso dalla lunetta anche l’italiano biancorosso Cortese. Il nigeriano Eziukwu perde palla e poi si lascia sfuggire Johnson, che realizza prima un comodo appoggio, poi un bel long-two in sospensione. Ancora uno buon Jones (8 punti) con un bel canestro da fuori, cui risponde Wanamaker a cronometro fermo (terzo fallo per Eziukwu). Primo quarto che si chiude sul 18-19, con Roma sopra ma con la partita che sembra in sostanziale equilibrio. 2° QUARTO Gibson si prende il primo tiro e realizza la tripla (su assist di Wanamaker). Bella la risposta di Hosley, con un preciso appoggio in corsa senza usare il tabellone. E’ ancora Gibson a realizzare per Pistoia, con una buona penetrazione. Moraschini risponde con un “gioco da 3 punti”: canestro realizzato con fallo subito e libero segnato. Washington  fa suo il rimbalzo offensivo e realizza con un lesto tap-in. Rimbalzo difensivo di Meini che poi imbecca Gibson per la seconda tripla personale, gli risponde subito Hosley. Dalmonte chiama il time-out dopo il comodo appoggio di Washington su assist di Daniel (+3 Pistoia, 30-27). Cortese prova l’iniziativa personale ma è fermato da un falloso Baron (2 su 2 ai successivi liberi). Tripla sbagliata da D’Ercole ma è molto bello il tap-in volante di Taylor. Ancora Cortese, da 2 dall’area. Gibson questa volta sbaglia l’appoggio da 2 e palla in mano a Roma, arriva a Jones che spara ancora da 3, raggiungendo già la doppia cifra (11). Lo emula Hosley e Roma che si riporta sopra. Jones si dimostra il più in forma andando anche a stoppare il play biancorosso Wanamaker. Continua la sequela di triple giallorosse: ora è la volta di D’Ercole. Palla persa da Pistoia e contropiede orchestrato da Hosley che serve il preciso Taylor. Roma spietata: ancora due triple consecutive (Hosley e D’Ercole) e fuga romana sul +12 con un tremendo parziale di 16-0. Goss allunga la serie, poi Gibson rompe il digiuno pistoiese, ma gli ultimi 3 punti del secondo quarto sono di Jones (prima un libero, poi un tiro dall’area). Gibson sulla sirena sbaglia la tripla. Secondo quarto che si chiude sul 36-51, con Roma in fuga dopo un parziale (condito da 4 triple) che ha intontito i biancorossi. Splendido secondo quarto giallorosso (32 a 18). Primo tempo in cui brillano Jones (14 punti e oltre il 70% dal campo) e Hosley (11 punti, spreciso da 2 con 1/7 ma perfetto alle triple con 3/3). Per Pistoia l’unico in doppia cifra (10) è Gibson, che tira molto ma non benissimo (meno del 40%). Il migliore fra i pistoiesi è senza dubbio Cortese (9 punti col 100% dal campo), male Wanamaker (timido in fase offensiva, spreciso nella costruzione del gioco, con ben 4 palle perse. 3° QUARTO Il secondo tempo si apre con una palla persa da Daniel e, tanto per cambiare, con una tripla di Roma (Goss), cui risponde però tempestivamente Gibson. Un paio di minuti di errori da entrambe le parti, poi arriva il long-two di Taylor sulla sirena (Roma sul +17). Washington spreca i due tiri liberi conquistati (0/2) mandando Mbakwe a 3 falli. Baron dall’area, poi Wanamaker con un appoggio reverse. Hosley realizza in penetrazione, poi ancora Wanamaker. Bel canestro in sospensione dopo la rotazione volante, ancora di Hosley. Taylor fa volare Roma sul +21 (43-64). Poi commette fallo sull’unico biancorosso che segna in questa fase, Wanamaker che però fa solo 1/2. Terzo fallo di Washington che manda in lunetta Hosley (con un 2/2 raggiunge i 17 punti). Partita molto spezzettata in questa fase: Johnson è chiamato in lunetta e fa 1/2, esattamente come Eziukwu. Roma che naviga in acque tranquille sul +21. Ci pensa Taylor a consolidare ancora il vantaggio con una bella azione personale conclusa con tiro dalla media. Il quarto si chiude con Roma che consolida il proprio vantaggio e traccia un solco di punti probabilmente invalicabile per Pistoia (+25, 45-70) 4° QUARTO Il primo minuto scorre senza realizzazioni, la cosa più rilevante è una rimessa troppo tardiva di Wanamaker, che dimostra quanto non sia affatto in buona serata a livello di impostazione di gioco. Daniel è il primo a muovere il tabellone con un appoggio dopo una lotta nel pitturato. Prova a rifarsi, almeno in fase offensiva, Wanamaker col proprio pezzo forte: l’affondo con appoggio in penetrazione solitaria. Poi chiama un bell’alley-opp a Daniel che schiaccia prontamente. Mini-break di Pistoia di 6-0, con Roma ancora a secco in questo ultimo quarto. Risultato sul 51-70. Dopo il time-out realizza Mbakwe su assist volante di Goss. Per Pistoia va a segno con Washington, poi Goss fa 1/2 ai tiri liberi conquistati per fallo di Daniel. Fallo tecnico ai danni di Jones per proteste, Pistoia fa 3/4 e beneficia dell’extra-possesso, sfruttandolo al meglio con la tripla di Wanamaker. Timida rimonta pistoiese (-14, 59-73). Mbakwe fa 2/2 ai liberi, poi altra tripla (questa volta di Gibson). Poi la schiacciata di Daniel infiamma il PalaCarrara: -11. Gli spalti si surriscaldano, nonostante la tripla di Hosley. Gibson incrementa il proprio bottino col proprio fiore all’occhiello: i tiri liberi. (2/2, il migliore della Lega). Wanamaker realizza ancora in solitaria due volte, Pistoia che trascinata da un pubblico letteralmente infiammato si trova ora a un insperato -8. Il play pistoiese si conferma un diesel, con un altro ultimo quarto pregevole. 3’ e 11’’ sul tabellone, Pistoia prova a crederci. Un nervosissimo Hosley viene richiamato dal proprio allenatore per evitare tensioni e possibili tecnici, già graziato dagli arbitri. Daniel lotta a rimbalzo in difesa e si conquista due liberi sfruttando il bonus già raggiunto dai giallorossi, facendo 1 su 2. Pistoia a -7. Mbakwe fa 2 su 2 dalla lunetta, dimostrandosi abbastanza preciso stasera al tiro. 5° fallo per Daniel e proprio per Mbakwe. Taylor mette molto probabilmente la parole fine sulla partita con una tripla a 1’ dalla conclusione. Wanamaker, ancora lui, va a canestro (Pistoia sul -10). Goss fa 2 su 2 ai liberi, poi la tripla di Washington. Ormai però è troppo tardi. Roma sbanca così il PalaCarrara, interrompendo la serie interna positiva di Pistoia.

Fotogallery a cura di Marta Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here