Ruggito Pistoia, Sassari al tappeto

0

La Dinamo non riesce a dare continuità al successo con Trento e cede a Pistoia 68-63 al termine di un match sempre in salita. Il Banco recupera due volte da -11, arriva a -1 ma non riesce mai a superare i toscani. Sassari difende, combatte, ma non è brillante, Tyree ci prova nel finale ma la squadra di Brienza acciuffa la vittoria.

LE STATISTICHE DEL MATCH

CHIAVE DEL MATCH La percentuale da 3 punti della Dinamo con tanti tiri aperti (7/25)  

PREVIEW

Bucchi ha vinto l’unico precedente tra i due coach quando allenava Roma, mentre Pistoia ha conquistato il successo nel 2015/2016 per 77-68. Arbitrano Lanzarini, Valzani e Valleriani. L’allenatore di Sassari conferma il quintetto contro Trento con Whittaker, Kruslin, Charalampopoulos, McKinnie e Gombauld. L’Estra gioca una maglia special edition per sensibilizzare l’opinione contro la violenza sulle donne.

APPROCCIO PISTOIA

Partita difficile, fisica, scorbutica, la Dinamo cerca di essere subito aggressiva difensivamente, ma Pistoia ha talento ed energia. Ogbeide mette subito in scena un duello con Gombauld ma riesce ad essere più concreta. Il miglior avvio di partita di Hawkins permette all’Estra insieme a Varnado di scrivere il primo minibreak del confronto (16-9). Sassari fa fatica a costruire azioni pulite, Tyree entrando dalla panchina commette subito due falli e lo stesso Ogbeide è un fattore nel pitturato. Il Banco scivola a -11 (22-11) poi riesce a reagire, spreca un paio di occasioni per rientrare quasi completamente. Al 10’ (24-17) con Pistoia che tira 9/16 dal campo, Sassari ha 6/14 e 5 perse che fanno la differenza.

DINAMO A STRAPPI

Il ritmo fa la differenza, Pistoia gioca bene e tiene il Banco in scacco che non ha la stessa cattiveria e non riesce a rimanere attaccata al match. Si mette in partita anche Willis che punisce da 3 punti, Treier esce con due falli, Bucchi è costretto al time out con la Dinamo decisamente sotto (35-24)

Sassari esce dal minuto più determinata (una sola persa nel 2° quarto), il Banco si mette a zona 3-2 che poi va matchup, una tripla di Gentile, un gioco da 4 punti di Kruslin e una stoppata di Gombauld girano l’inerzia, la Dinamo piazza un 7-0 ma non capitalizza il momento propizio. Pistoia soffre la zona e va un po’ fuori giri, la guardia croata è in partita, Sassari ritorna anche a -4 ma la bomba di Willis chiude il primo tempo (42-34).

7/15 da 3 punti per Pistoia che respinge la rimonta del Banco, che ha Tyree limitato dai falli con 1 solo tiro dal campo e -4 di valutazione. 0/5 dal campo per Moore con 6 assist, ma 10 punti di Varnado e 9 di Willis. 9 punti per Kruslin, bene Whittaker da playmaker e McKinnie in difesa.

SASSARI ROSICCHIA

La Dinamo difende e aggredisce ma non riesce ad avere continuità offensiva e a capitalizzare lo sforzo dietro. 6 punti di fila di Gombauld con gli assist di Whittaker, Willis ci mette una pezza. Sassari lotta e combatte, il playmaker di Sassari gioca un grande 3° quarto, Pistoia segna 7 punti in 7 minuti ma tiene. Wheatle tira fuori dei conigli dal cilindro, il Banco si sacrifica ma non è brillante, i primi due punti di Tyree sono chiave. Whittaker commette 3 falli, il Banco è lì a -3 (52-49).

3 perse per la Dinamo in 25’, 5 nei primi 5 minuti dato statistico rilevante, nessuno in doppia per Sassari che lotta a rimbalzo e concede solo 10 punti a Pistoia nel 3° quarto.

TAPPO SUL CANESTRO, PISTOIA LA SPUNTA

La Dinamo arriva a -1 ma non riesce a completare la rimonta, un gioco da 3 punti di Saccaggi è oro per Pistoia, Sassari non fa mai canestro da fuori, partita a bassissimo punteggio, la squadra di Bucchi morde in difesa ma non segna per oltre 4 minuti. Moore, che aveva 0/7 dal campo, infila la tripla che può decidere la partita (62-53 e time out di Bucchi) con 8-0 di Pistoia. Il tempo scorre, la partita rimane in salita, 5 punti consecutivi di Tyree danno l’ultima possibilità al Banco (62-58 e time out Brienza). Varnado sembra chiudere il match, Gombauld tiene viva la speranza a 33” dalla fine (64-60) ma la Dinamo non riesce a fare fallo. Tyree tenta il miracolo, sul -3 la freccia della contesa dà la palla a Pistoia, Hawkins non trema dalla lunetta. Finisce 68-63.

SALA STAMPA

Il commento di coach Piero Bucchi: “Partita ruvida, lo dice anche il punteggio: abbiamo difeso meglio nel secondo tempo, abbiamo avuto diverse distrazioni che hanno scavato un gap a favore di Pistoia che abbiamo fatto fatica a ricucire. Nel secondo tempo le difese sono diventate entrambe migliori, ma abbiamo concesso troppo nel primo e queste cose si pagano soprattutto su un campo duro come questo. Oggi il pubblico è stato corretto ma presente, è un campo difficile perchè sempre dura giocare in trasferta e qualche distrazione di troppo nel primo tempo lo abbiamo pagato caro. Le nostre problematiche in attacco ci sono ma merito anche alla difesa di Pistoia, la tripla di Moore ha deciso la partita e ha indirizzato il salto finale di Pistoia”.

Sassari, 19 novembre 2023

Ufficio Comunicazione

Dinamo Banco di Sardegna