Sassari sfoggia un secondo tempo da urlo: Fortitudo battuta al Palaserradimigni

Sassari sfoggia un secondo tempo da urlo: Fortitudo battuta al Palaserradimigni

Sassari batte la Fortitudo Bologna 86-80 nel lunch match della domenica

di Alessandro Sanna

La Dinamo Banco di Sardegna Sassari batte la Fortitudo Bologna per 86-80 nella sfida delle 12:00: PalaSerradimigni tutto esaurito per l’anticipo di pranzo, la Dinamo Banco di Sardegna ospita la Fortitudo Bologna, una sfida giocata l’ultima volta nella stagione 1992-93. Coach Pozzecco ritrova la sua Effe, Marco Spissu taglia il traguardo delle 100 presenze in LBA con la maglia biancoblu.

1° QUARTO:
Dinamo contratta in avvio di gara, la Fortitudo spinta da un Sims dominante firma un parziale di 3-10 nei primi 3 minuti che costringe Pozzecco al timeout (0/2, 1/3 al tiro). Segna solo Spissu per il Banco, tripla e liberi per -5 di metà primo quarto, ampie rotazioni biancoblu per provare ad invertire la rotta, Mclean in coppia con Bilan produce subito punti. La Effe lavora bene su entrambi i lati del campo, otto punti consecutivi di Cinciarini fanno sprofondare il Banco a -9, la tripla di Vitali dà respiro e i primi dieci minuti si chiudono sul 19-25.

Gentile prova a dare la scossa con i canestri del -2, Bologna gioca di squadra e conduce senza troppa difficoltà nonostante debba fare a meno di Sims gravato dai falli, al 13’ sul 25-32 è ancora minuto di sospensione per Poz. E’ la Fortitudo ad uscire bene da timeout con i punti di Robertson e Daniel, Jerrells ci mette una pezza, il Banco paga Evans e Pierre ancora a zero punti. Ancora rotazioni tra le file biancoblu, Spissu e Gentile alzano i ritmi, si sblocca Pierre e la Dinamo giocando di squadra rimette in piedi il match, all’intervallo è 40-43.

3° QUARTO:
Cambia volto la Dinamo del secondo tempo, è la Dinamo di sempre, Evans inizia a macinare punti, schiaccia e firma il sorpasso (44-43), Aradori con l’immediata risposta ospite ma ad accendersi per il Banco è a sorpresa Miki Vitali, punti (8 nel terzo quarto) e sostanza per la guardia bolognese, il parziale dei primi cinque minuti della frazione dice 17-9, timeout coach Martino (59-52). La banda del Poz ribalta completamente la gara con un terzo quarto ai limiti della perfezione, dopo 30’ è 67-58.

4° QUARTO:
La Fortitudo non molla e risale fino al -5 ma è Stefano Gentile l’uomo del match, la sua tripla a sei dalla fine rimette la Dinamo avanti di 8 lunghezze e ridà energia all’attacco biancoblu (73-65). Duello sotto canestro tra Bilan e Sims, doppio tecnico a coach Martino per le eccessive proteste, il Banco approfitta dei liberi e vola sul +12 al 37’. Aradori metronomo guida i suoi e Bologna firma un parziale di 6-0 ma la Dinamo da grande squadra gestisce intelligentemente gli ultimi possessi, Gentile e Bilan sigillano il risultato, la reazione del secondo tempo premia con merito i giganti che superano per 86 a 80 la Effe di Bologna.

TABELLINI:

Dinamo Banco di Sardegna:
Spissu 7, Mclean 9, Bilan 16, Bucarelli, Devecchi, Evans 13, Magro, Pierre 7, Gentile 15, Vitali 16, Jerrells 3.
Coach Gianmarco Pozzecco

Fortitudo Pompea Bologna:
Robertson 18, Aradori 20, Cinciarini 8, Mancinelli 2, Franco ne, Leunen 2, Sims 17, Fantinelli 4, Daniel 6, Stipcevic 3.
Coach Antimo Martino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy