SF G3 – Trento domina e porta a casa il vantaggio nella serie

SF G3 – Trento domina e porta a casa il vantaggio nella serie

Venezia soffre all’inizio, riesce a tornare a contatto, ma poi subisce la fisicità e la freddezza dalla lunga dell’Aquila, che va sul 2-1

di Gabriel Marciano

Rivincita delle scorse finali di campionato, stavolta però in semifinale. La Dolomiti Energia, con la sua solita grinta, gioca una partita fisica, facendo soffrire i lagunari per tutti i 40′ (45 a 34 il computo dei rimbalzi – 14 a 7 per quanto riguarda le carambole offensive), riuscendo poi a chiudere la gara con grande freddezza (oltre il 40% da 3). Con l’intensità che coach Buscaglia dai suoi uomini, l’Aquila è riuscita a portare la serie sul 2-1, con un match-point casalingo giovedì 31, sempre alla BLM Group Arena, che stasera, con il tutto esaurito, ha spinto i propri beniamini per tutto il match.

Sugli scudi Sutton, con 18 punti, 7 rimbalzi e il duello con Austin Daye ampliamente vinto, visto che l’ala veneziana è uscita per fallo antisportivo + fallo tecnico nel primo tempo.
Gomes e Hogue vanno in doppia-doppia, con una gara strepitosa sotto i tabelloni, Shields ne mette 16 e Gutiérrez amministra il finale di match con le giocate che chiudono i conti.

Dolomiti Energia Trentino 81-63 Umana Reyer Venezia

Trento: Forray, Shields, Sutton, Silins, Hogue.

Venezia: Haynes, Jenkins, Cerella, Daye, Watt.

La cronaca.

La costante del primo tempo dei bianconeri è il grande lavoro nella metà campo difensiva. Forray e Shields si sbloccano subito dall’arco, ma sono le 5 palle perse di Venezia e mettere in ritmo l’attacco dei padroni di casa. La Dolomiti Energia arriva sul 15-5, poi sono i liberi di Peric e una tripla di Daye a tenere a contatto la Reyer, sotto 19-11 alla fine del primo periodo.

Sutton e Shields fanno la voce grossa in transizione, ma gli ospiti hanno in Peric e in un ottimo Watt le risposte alle fiammate dei bianconeri. Jenkins dalla lunga riporta i suoi a -2, ma Hogue e Shields ridanno entusiasmo alla BLM Group Arena e ossigeno alla squadra di Buscaglia, che chiude bene il secondo quarto anche per merito del predominio a rimbalzo (23-20 di squadra dopo i primi 20’), andando negli spogliatoi con il tabellone che recita 38-33.

All’inizio della terza frazione bianconeri ed orogranata cominciano a inanellare break e controbreak che impediscono a Trento di scappare via, ma allo stesso tempo non riescono mai a far passare in vantaggio la Reyer. La Dolomiti Energia mette le marce alte sul perimetro, con le triple di Silins, Gomes e Shields, ma i veneziani rispondono con la stessa moneta grazie a Haynes e Tonut, con le due compagini che si ritrovano quasi in perfetto equilibrio all’ultima pausa lunga (58-56).

Basta un attimo, perché Shields e Gomes facciano saltare il banco: spinta da un parziale di 12-0 con canestri intervallati dalle giocate a tutto campo di Sutton, l’Aquila vola alta e con un finale autorevole ispirato da Gutiérrez artiglia gara-3.

Dolomiti Energia Trentino 81-63 Umana Reyer Venezia

Trento: Forray 6, Shields 16, Sutton 18, Silins 7, Hogue 10 (10 rimbalzi), Flaccadori 5, Gomes 11 (10 rimbalzi), Gutierrez 8, Franke, Lechtaler ne, Conti ne, Ladurner ne. All. Maurizio Buscaglia.

Venezia: Haynes 5, Jenkins 10, Cerella, Daye 3, Watt 11, De Nicolao 5, Biligha 7, Ress, Tonut 5, Peric 13, Sosa 4, Bolpin ne. All. Walter De Raffaele.

MVP Basketinside.com: Dominique Sutton.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy