Sidigas non pervenuta: la Dinamo espugna con merito il Del Mauro

0

Grande prestazione del Banco di Sardegna Sassari, che espugna il PalaDelMauro battendo una Sidigas Avellino sottotono col punteggio di 67-80, al termine di una partita spaccata dagli ospiti nel terzo quarto. Infatti, dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato conclusosi 30-34, i ragazzi dell’ex Markovski hanno messo la sesta infilando un parzialone di 16-29 nel terzo periodo, per poi riuscire a gestire i seppur velleitari tentativi di rimonta avellinesi. Mattatore del match Bamforth, che ha segnato 16 punti tutti nel secondo tempo, guidando una Dinamo con cinque uomini in doppia cifra (bene anche Polonara e Jones rispettivamente con 16 e 15 punti); alla Scandone non bastano i 17 punti del solito Rich.
STARTING FIVE
Sidigas: Fitipaldo, Rich, Wells, Leunen, Fesenko
Banco di Sardegna: Stipcevic, Bamforth, Bostic, Polonara, Jones
PRIMO TEMPO: Inizio frizzante di gara, con le due squadre che si affrontano a viso aperto in ogni possesso: al 3’ è 11-9 per i locali dopo la schiacciata di Fesenko. La Dinamo ribalta prima il risultato con i canestri di Jones e Bostic, poi con il settimo punto di Polonara di Polonara va sul +4 al 6’ (11-15). La Sidigas non trova più la via del canestro, con gli ospiti che invece sono in grande spolvero e grazie alle bombe di Stipcevic e Polonara toccano il +12 all’8’ (11-23); il parziale sardo diventa addirittura di 0-16 dopo il 2/2 di Planinic dalla lunetta, ci pensa Filloy dai 5 metri ad interromperlo: 13-25 al 10’. Avellino rientra sul parquet con un altro piglio e piazza subito un break di 7-0, griffato da Filloy e Scrubb, col quale si riavvicina a -5 al 13’ (20-25). Dopo due minuti abbondanti senza canestri, trona a segnare il Banco con cinque punti consecutivi di un ispiratissimo Polonara, per il nuovo +10 esterno del 16’ (20-30). La Scandone, all’uscita dal timeout, trova due canestri da Rich e D’Ercole, ma dall’altra parte Bostic la ricaccia indietro ed al 18’ Sassari conduce 24-32; la pressione della Sidigas è alta e la squadra di Sacripanti riesce a tornare sul -4 dopo un bel canestro in entrata di Rich: è 30-34 all’intervallo.
SECONDO TEMPO: Dopo il pareggio firmato da Filloy in layup, Jones e la prima tripla di Spissu rilanciano Sassari a +5 al 12’ (34-39). Fesenko schiaccia in alley-oop, ma dall’altra parte di accende improvvisamente Bamforth, che infila due bombe consecutive per il nuovo +10 Sassari al 25’ (38-48). Il numero 4 sassarese è un vero e proprio uragano che si abbatte sulla Scandone, che vede gli ospiti toccare addirittura il +17 al 28’ (42-59); la musica non cambia nei restanti 2’, con gli ospiti che conducono al 30’ con lo stesso divario (46-63). Avellino è in bambola, neanche al rientro nell’ultimo periodo riesce a reagire, con Sassari che non può che approfittarne e con Stipcevic e Jones tocca il +23 al 33’ (46-69). I padroni di casa si scuotono e con un parziale di 7-0 firmato da Lawal e Wells tornano a -16 al 34’ (53-69). La Sidigas continua a pressare la Dinamo, che segna solo con un canestro di Bamforth e subisce da Scrubb e Wells il -13 del 37 (60-73); la reazione biancoverde però sembra tardiva, anche perché comincia a farsi sentire la stanchezza da parte di Rich e company: dopo un altro canestro di Bamforth ed un 1/2 di Scrubb dalla lunetta è 60-75 a 1’53’’ dal termine. Sassari può festeggiare quindi una vittoria meritata, 67-80 il finale.
MVP basketinside.com: Scott BAMFORTH
Sidigas AvellinoBanco di Sardegna Sassari 67-80
Parziali
: 13-25; 30-34; 46-63
AVELLINO: Zerini, Wells 12, Fitipaldo 2, Sabatino n.e., Lawal 4, Leunen 3, Scrubb 8, Filloy 11, D’Ercole 5, Rich 17, Fesenko 5, Parlato n.e. Coach: Sacripanti.
SASSARI: Spissu 3, Bostic 10, Bamforth 16, Planinic 4, Devecchi 1, Bucarelli 2, Pierre 2, Jones 15, Stipcevic 11, Hatcher, Polonara 16, Tavernari. Coach: Markovski.
Arbitri: Filippini, Weidmann, Di Francesco.