Sosa croce e delizia di Caserta; Milano passa anche al Palamaggiò

Kalnietis (17) e McLean (16) guidano l’Armani alla soffertissima vittoria, nonostante i 25 di Sosa ed i 20 di Watt

di Emanuele Terracciano

La ventesima giornata di questo campionato si conclude al PalaMaggiò di Caserta con la sfida tra Pasta Reggia e Olimpia Milano. Alla fine vince Milano, ma Caserta gioca una partita più che dignitosa. Decisivi nel finale due errori di Sosa che getta alle ortiche una partita davvero straordinaria da parte sua e della squadra.

Primo quarto – l’avvio di partita è caratterizzato da tanta energia ma anche da tanti errori da una parte e dall’altra. Il gioco da tre punti concretizzato da Watt apre le marcature, Kalnietis e McLean siglano la reazione milanese, ma il punteggio resta in equilibrio. La Pasta Reggia alza non poco l’intensità difensiva ma è imprecisa nella gestione dei possessi offensivi, ciò non le impedisce, con un parziale di 4-0, di portarsi sul 9-5. McLean interrompe il parziale avversario, ma Sosa colpisce dall’arco e per poco non concretizza un gioco da quattro punti. L’Olimpia in questo primo quarto sembra solo lontana parente della squadra che appena sette giorni fa vinceva la Coppa Italia in quel di Rimini e deve anche rinunciare a Dragic costretto a lasciare il campo a causa di un colpo, ma la Juve ne approfitta solo a metà. Kalnietis si accende nel finale di quarto e al primo mini intervallo la Pasta Reggia conduce solo per 20-17.

Secondo quarto – Watt e Daniele Cinciarini siglano il 4-0 di parziale con cui la Pasta Reggia apre il secondo quarto, ma Abass dalla lunetta smuove il punteggio dei suoi. Berisha dall’angolo realizza i primi tre punti della sua esperienza in bianconero portando Caserta a +8 sul 27-19. In questa fase la grande energia difensiva dei padroni di casa mette in enorme difficoltà l’attacco milanese, ma i campani non sono abbastanza lucidi da allungare e la doppia cifra di vantaggio non arriva. Le amnesie offensive e le pessime percentuali al tiro da tre punti della Juve alla lunga consentono all’EA7 di rientrare fino al -1 (29-28) successivo alla tripla di Kalnietis. Dopo un timeout voluto da Sandro Dell’Agnello, l’Olimpia sale sempre più di tono e trova il nuovo vantaggio sul 30-29 con una schiacciata in contropiede del solito Kalnietis. Nel finale di quarto la Juve ci prova ma Milano chiude il primo tempo avanti di tre lunghezze sul 37-35.

Terzo quarto – In avvio di secondo tempo McLean e Sanders provano a far scappare i meneghini con una Caserta che, eccezion fatta per Watt, sembra aver perso l’energia di inizio partita. A un certo punto si accende Sosa e la Pasta Reggia riprende a girare, portandosi fino al -2 sul 46-44. Dopo il timeout voluto da Repesa, l’alley oop tra Sosa e Punteny porta il punteggio in parità sul 48-48, dando il via a una nuova entusiasmante partita. Quando mancano poco più di due minuti alla fine del terzo quarto Edgar Sosa piazza la tripla del nuovo sorpasso casertano sul 51-50 e poi ne mette un’altra per l’allungo bianconero sul 54-50. Nel finale di quarto il bonus casertano è il migliore alleato di Milano che arriva all’ultimo mini intervallo sul 54-54.

Quarto quarto – In avvio di quarto quarto viene amministrato un fallo tecnico sanzionato a Caserta nel finale di terzo periodo che permette agli ospiti di trovare il vantaggio con tre punti di Hickman. La Pasta Reggia prova a restare attaccata come può, ma l’Olimpia con una tripla di Kalnietis trova il +5 sul 65-60. Dopo un timeout, Sosa dalla lunetta riavvicina i suoi, ma Kalnietis stasera sembra essere inarrestabile. In questa fase di partita è McLean l’anima di una Milano che mantiene sempre il suo seppur minimo margine di vantaggio. Daniele Cinciarini dalla lunetta e Sosa solo in contropiede portano Caserta sul -1 (73-72) a 1’22’’ dalla sirena finale costringendo la panchina lombarda a un immediato timeout. Hickman dalla lunetta restituisce tre punti di vantaggio ai suoi, Sosa ha l’opportunità di impattare la partita con una tripla aperta ma sbaglia. È sempre il play bianconero a perdere la palla che decide di fatto la partita. alla fine vince Milano per 78-74.

PASTA REGGIA CASERTA 74–78 EA7 MILANO (20-17; 35-37; 54-54)

Pasta Reggia Caserta: Berisha 3, Sosa 25, Iavazzi, Diawara 2, Cinciarini D. 6, Ventrone, Putney 12, Puoti, Gaddefors 1, Giuri 5, Watt 20. All. Sandro Dell’Agnello
EA7 Milano: McLean 16, Fontecchio 3, Hickman 11, Kalnietis 17, Raduljica 2, Dragic 2, Macvan 9, Pascolo 4, Cinciarini A. 4, Sanders 8, Abass 2, Cerella. All. Jasmine Repesa

Arbitri: Mattioli, Baldini, Quarta

Fotogallery a cura di Alida Filauro

Dell'Agnello

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy