SUPERCOPPA LBA Gir. C – Venezia vince e convince, Trieste dura due quarti

SUPERCOPPA LBA Gir. C – Venezia vince e convince, Trieste dura due quarti

La gara di ritorno va all’Umana Reyer, ribaltato anche il risultato dell’andata

di Marco Muffatto

Si torna in campo dopo la gara di andata dello scorso venerdi vinta da Trieste per 76-69, partita importante per entrambe in vista dell’accesso alle Final Four.

Pubblico e trombette presenti, con un’ottima organizzazione sia all’esterno che all’interno del Taliercio, segnale che speriamo possa portare sempre di più verso la normalità di cui lo sport ha bisogno.

QUINTETTO VENEZIA: De Nicolao, Tonut, Bramos, Mazzola, Watt.

QUINTETTO TRIESTE: Fernandez, Doyle, Henry, Udanoh, Grazulis.

 

PRIMO PERIODO:

Parte subito forte Venezia sull’asse Watt Bramos piazzando un parziale di 12 -2 grazie anche ad una tripla di Tonut che costringe Dalmasson a chiamare timeout. Gli orogranata continuano a tenere alto il ritmo in difesa portando Trieste a trovare delle soluzioni forzate. Henry chiude il parziale a 3’40” dalla fine del primo quarto. De Raffaele comincia le rotazioni cambiando pian piano tutto il quintetto, mentre una tripla di Fernandez ed un contropiede di Henry riavvicinano Trieste al -5 a due minuti dal termine. Si sblocca anche Doyle, ma gli risponde subito un gioco da tre punti prima di Chappell e poi di Daye che spinge l’Allianz al +9. Con 22’’ da giocare è ancora Doyle che una tripla chiude il quarto sul 21-15.

SECONDO PERIODO:

Parte forte Trieste che subito con un parziale di 0-6 aggancia gli orogranata, ma Tonut chiude il parziale aperto con un tiro dall’arco. A 4 minuti dal termine arriva il terzo fallo di De Nicolao che lascia il posto a D’Ercole. Partita spezzettata dai fischi della terna che portano entrambe le squadre in bonus già a metà del quarto. Continua l’equilibrio, ma le percentuali cominciano ad abbassarsi da ambo le parti, con Stone chiude il quarto sulla sirena sul +4 Venezia.

TERZO PERIODO:

Anche il secondo tempo continua sul copione del primo con l’equilibrio a far da padrone con Venezia che comincia ad avere problemi di falli in quasi tutti i ruoli (De Nicolao, Daye e Watt tutti con tre falli). Venezia alza il ritmo i difesa e si appoggia a Watt in attacco arrivando al + 11 a metà della terza frazione. Stone alza i giri e Trieste fa fatica a stare a contatto e scivola a -16 anche sotto i colpi di un ritrovato Vidmar. Ultimo possesso per Laquintana che prova a tenere in vita le speranze dei biancorossi chiudendo il quarto sulla sirena sul -14.

QUARTO PERIODO:

Trieste sembra non averne più e dopo neanche 3 minuti è già in bonus dopo il quinto fallo personale di uno spento Henry. Fernandez e Udanoh ci provano arrivando fino al -12 a sei minuti dal termine. Ma ancora una volta è Stone, questa volta con due triple di seguito, che riporta gli orogranata avanti di 18 lunghezze sul 73-55 a metà dell’ultimo quarto. Udanoh provoca i quarto fallo di Daye e sembra poter dare l’ultima speranza all’Allianz, ma l’Umana resiste al rientro e chiude gioco e partita con Tonut per un + 17 finale.

UMANA REYER VENEZIAALLIANZ TRIESTE 79-62

Parziali: 21-15; 36-32; 60-46;

Umana Reyer Venezia: Casarin, Stone 13, Bramos 7, Tonut 10, Daye 8, De Nicolao 2, Vidmar 8, Chappell 9, Mazzola, D’Ercole, Cerella, Watt 22. All. De Raffaele

Allianz Trieste: Coronica ne, Upson 5, Fernandez 17, Ansaldo ne, Laquintana 4, Udanoh 6, Henry 7, Cavaliero ne, Da Ros, Grazulis 6, Doyle 8, Alviti 9. All. Dalmasson.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy