SUPERCOPPA LBA Gir.D: Pusica affonda la sua ex squadra; Pesaro si arrende a Sassari non senza combattere

SUPERCOPPA LBA Gir.D: Pusica affonda la sua ex squadra; Pesaro si arrende a Sassari non senza combattere

Pusica e Spissu trascinano i sardi alla vittoria contro una Pesaro non arrendevole

di Alessandro Kokich

Sassari e Pesaro si affrontano nella 2° giornata di Supercoppa nel girone D, giocato nel concentramento di Olbia. Dopo un primo quarto molto combattuto, la Dinamo prende il largo sotto i colpi dell’ex di serata, Vasa Pusica; Pesaro non demorde e risponde con il talento di Massenat. Nella ripresa, la VL piazza il parziale guidato da capitan Delfino che riporta i suoi ad un possesso pieno di distacco. La palla del pareggio però non trova mai il fondo della retina: ne approfitta così Spissu che affonda la Carpegna Prosciutto con due triple dall’angolo che sanciscono la parola fine a questo match. Vince la squadra sarda contro una Victoria Libertas che nonostante tutto può essere soddisfatta in questo inizio di stagione.

Quintetti:

Pesaro: Robinson, Massenat, Delfino, Filipovity, Cain

Sassari: Spissu, Burnell, Gentile, Bendzius, Bilan

 

1° QUARTO: Pesaro parte troppo forte in fase difensiva, subendo subito 3 fischi a sfavore; dopo aver allentato le maglie, la Dinamo piazza 2 triple, a cui ribatte il solo Massenat che risponde con 9 punti contro i 10 dei sardi, guidando il parziale di 8-0 marchigiano. Il Banco ritrova la via del canestro con Burnell e Bilan ma gli avversari esprimono un ottimo gioco corale che coinvolge ogni azione tutti e 5 i giocatori che a turno trovano il fondo della retina. Vasa Pusica sfrutta il “bonus falli” e guadagnando diversi viaggi in lunetta e successivamente la tripla a fil di sirena, segnata da circa 8 metri con la difesa marchigiana che lascia troppo spazio all’ex di serata che firma il 23-26.

2° QUARTO: Pusica continua come ha precedentemente concluso la frazione, mentre Pesaro fatica a ritrovare la verve offensiva di pochi minuti fa. Kruslin si sblocca dall’arco per il 25-32 dopo 13’ ma dopo due palloni persi è Pozzecco a chiamare la sospensione di gioco; i giocatori della Carpegna Prosciutto si affidano a Cain ma il giovane serbo, ex di serata continua a segnare con continuità trovando il punto numero 15 a cui ribatte Massenat per il 33-37 al 17’. Pesaro è martoriata dai falli, a cui si aggiunge lo sfogo di Repesa con gli arbitri, Sassari ne approfitta a va a +12 col 3+1 di Gentile. In chiusura di frazione, altra tripla sulla sirena per i sassaresi che chiudono la prima metà di gara sul 53-42, complice anche la differenza in lunetta (5 liberi tirati contro i 18 dei sardi)

3° QUARTO: Dopo due minuti senza canestri Gentile allunga il vantaggio dalla media distanza, precedendo lo stesso canestro di Spissu, ma capitan Delfino si carica i suoi sulle spalle apportando 7 punti per il -8 al 24’. Bendzius spezza gli animi pesaresi dai 6,75 ma come sempre nei momenti difficili, i pesaresi cercano l’esperienza sotto canestro di Cain che fa sbloccare i suoi con due triple “in salsa argentina” del duo Delfino-Filloy, a cui si aggiunge un assist al bacio di Robinson per il suo lungo americano che firma l’ultimo canestro della frazione per il 59-62.

4° QUARTO: Pesaro spreca la palla del pareggio, ringraziano Burnell e Bendzius che fanno siglare un nuovo strappo ma un Filipovity a corrente alternata fa segnare il -5. Spissu torna a pungere dall’angolo, Gentile ruba un pallone d’oro e firma il +10 a 5 minuti dal termine; il giovane playmaker sardo ne aggiunge altri 3 ma Pesaro non demorde e con 4 punti di Drell tenta un’altro assalto, prontamente respinto da Kruslin e nuovamente dal numero 0 che segna la fine definitiva del match, rendendo gli ultimi 2 minuti una pura formalità. Rimane a punteggio pieno Sassari, contro una Pesaro che ha retto il confronto per 37 minuti; 71-86 il finale.

MVP Basketinside: Marco Spissu (17 punti, 5/6 da 3, 10 assist)

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – BANCO DI SARDEGNA SASSARI: 71-86

Pesaro: Drell 4, Massenat 12, Filloy 6, Calbini ne, Cain 12, Robinson 14, Tambone, Basso ne, Serpilli ne, Filipovity 8, Zanotti 2, Delfino 13 All.Jasmin Repesa

Brindisi: Spissu 17, Bilan 12, Treier ne, Pusica 18, Kruslin 7, Devecchi, Re, Burnell 12, Bendzius 12, Gentile 8, Martis ne All. Gianmarco Pozzecco

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy