SUPERCOPPA LBA, Gir. D – Sassari domina una Virtus Roma dal roster fortemente ridotto

SUPERCOPPA LBA, Gir. D – Sassari domina una Virtus Roma dal roster fortemente ridotto

La squadra di Bucchi resiste un solo quarto, poi crolla sotto il peso delle assenze. Per la Dinamo si mette in luce un ottimo Bendzius e un eccellente Bilan.

di Martina De Angelis

L’esordio è di quelli importanti per il Banco di Sardegna Sassari, che dilaga in una partita che una partita quasi non sembra. Non è una sorpresa che la Virtus Roma che si è presentata alla Supercoppa in accuso, e d’altronde non poteva essere altrimenti: dopo l’estate sofferta e incerta, la squadra della capitale è riuscita a iscriversi al campionato, ma ha dovuto creare un roster praticamente all’ultimo. Questo vuol dire che metà dei suoi americani non sono arrivati, e che quelli arrivati non sono ancora disponibili, e in più ci si è messo Riccardo Cervi, che dei problemi fisici hanno costretto fuori dalle rotazioni. Lo sapeva coach Piero Bucchi, che ha chiaramente espresso come queste per Roma siano più che altro partite di preparazione, più che una vera e propria competizione. Baldasso sembra in buona forma, e quando c’è in campo lui le cose girano un pochino meglio, ma ovviamente non  può essere sufficiente contro una Dinamo che fa il minimo indispensabile, lo fa bene, e dalla fine del prime quarto vola su un altro pianeta dove la Virtus non arriva. Coach Pozzecco può essere soddisfatto in particolare di Bendzius, con 25 punti e 6 triple a segno, e soprattutto di Bilan, che ancora una volta si rivolta una presenza fondamentale, e che si porta a casa 20 punti e ben 16 rimbalzi recuperati. Bene anche Burnell (16 punti) e Spissu (14 punti), mentre per la Virtus oltre il già citato Baldasso fa vedere spunti interessanti Campogrande (14 punti), mentre sorprendono gli 11 punti del solitamente inutilizzato Farley. Un risultato che non sorprende, insomma, e che testimonia come i giudizi sulla nuova squadra della Virtus Roma non possono che essere rimandati a quando il gruppo esordirà completo di tutti i suoi componenti.

QUINTETTO DINAMO SASSARI: Spissu Gentile, Bendzius, Bilan, Burnell

QUINTETTO VIRTUS ROMA: Baldasso, Farley, Campogrande, Biordi, Hadzic

IL COMMENTO
I primi due punti romani della stagione arrivano per mano di Baldasso, che spinge una Roma intensa e decisa nell’approccio nonostante le rotazioni fortemente ridotte.  La grinta dura fino alla fine del primo quarto, poi l’intensità cala e la mancanza di giocatori si fa sentire: causa anche i tre falli di Biordi, Sassari guidata da Bilan recupera e soprassa la squadra di Bucchi (29-21 al 10′). Il secondo quarto è interamente dominato dalla Dinamo, contro una Virtus che, nonostante si sforzi, non riesce a superare i limiti di roster: uscito Baldasso l’attacco si ferma, coach Bucchi è costretto a ricorrere alle giovanissime leve e la sua partita collassa (68-38 al 20′). Il terzo e il quarto quarto hanno davvero pochissimo da dire: Sassari è ormai fuggita, e i 25 punti di Bendzius e la doppia doppia di Bilan portano il Banco di Sardegna alla conquista della sua prima vittoria ufficiale della nuova stagione di basket (114-71 al 40′).

MVP Basketinside: Miro Bilan

Dinamo Sassari: Spissu 14, Bilan 20, Treier 0, Pusica 15, Kruslin 9, Devecchi 3, Re 7, Burnell 16, Bendzius 25, Gentile 5, All. Gianmarco Pozzecco

Virtus Roma: Hadzic 0, Biordi 6, Campogrande 14, Baldasso 17, Telesca 9, Farley 11, Ticic 2, Iannicelli 6, Jovanovic 6, All. Piero Bucchi 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy