Trento risale nel finale: Tezenis ko all’overtime

0
Lotta tra Verona e Trento: la spunta la Dolomiti Energia

Tezenis Verona-Dolomiti Energia Trento 86-92 (30-24; 50-39; 62-62; 77-77)

Non bastano 45′ di grande lotta per la Tezenis Verona, che perde la quinta partita consecutiva contro una Dolomiti Energia Trento a lungo in sofferenza ma capace nel finale di dimenticare l’infortunio di Flaccadori, rimontare e imporsi grazie alla maggior fisicità, talento ed esperienza dei suoi interpreti.

Ottimo inizio di partita per Verona, che si appoggia sulla coppia formata Cappelletti e Anderson. Alla festa partecipa anche l’ultimo arrivato Sanders che infila da tre punti. Trento risponde con la solita vena di Flaccadori (in seguito fuori per infortunio), si affida a Spagnolo e aziona Atkins. Entrambe le squadre tuttavia faticano in difesa e le percentuali si impennano dando vita a un primo quarto ad alto punteggio e alto ritmo. La panchina della Tezenis risponde presente: Imbro‘ e Johnson sono puntuali e producono punti. Dall’altra parte le punture di Forray e dell’ex Mattia Udom non si fanno pregare dando un’impronta fisica alla partita. Verona tira meglio da tre (5/9), la Dolomiti è impeccabile da due (8/12) e domina a rimbalzo. 30-24 locale nei primi 10′.

La difesa di casa aumenta d’efficacia all’alba della seconda frazione. Le percentuali di Trento crollano, l’intensità di entrambe le squadre rimane alta. La prima fuga è della Tezenis con il marchio di Sanders, coadiuvato perfettamente dall’energia di Casarin per il +13 (39-26) che corona un parziale di 9-2. Lockett e Grazulis raffreddano l’entusiasmo del pubblico, ma la Tezenis rimane concentrata. Un paio di canestri di Smith mantengono il vantaggio locale in doppia cifra (43-30) a 5’ dalla sirena del primo tempo. Trento prova a reagire con il solito Flaccadori coadiuvato da Grazulis. Ma Verona c’è, ha punti preziosi da Johnson e chiude sul 50-39 i primi 20’.

Anderson inizia bene il terzo periodo concludendo in prima persona e facendo da perno alla circolazione di palla gialloblù. La Tezenis si spinge a +14 (53-39) sul libero di Smith. Grazulis è presente a rimbalzo offensivo. Trento è riceve spinta decisiva dal talento cristallino di Spagnolo. La squadra di Molin svolta in difesa e si scrolla di dosso la ruggine in attacco completando un 11-0 coronato da Atkins e Spagnolo per il -2 (53-55). Al proscenio della partita entra anche Lockett, pur se Cappelletti e Anderson conquistano liberi che danno ossigeno alla squadra di casa. Mattia Udom tuttavia pareggia (58-58) dalla lunetta a 3’ dalla fine del terzo quarto. Johnson in entrata scuote Verona ma la situazione rimane intatta al 30’: 62-62.

Fisicità e intensità difensive al massimo nei primi 3’ di quarto periodo. La situazione tarda a sbloccarsi, ma ci pensa Holman con la soluzione personale. Prontamente risponde Crawford con il 2+1 del sorpasso Trento (65-64). Si scambiano canestri anche Sanders e Spagnolo e la gara resta in bilico. Il mini allungo della Tezenis (71-67) è propiziato da Sanders e Anderson e da uno 0/2 dalla lunetta di Udom. L’appiglio della Dolomiti è Atkins. La squadra di Ramagli ha però un miglior controllo dei rimbalzi grazie a Holman ma Cappelletti e Anderson tornano a segnare da tre piazzando un allungo importante (77-69). La gara è però ancora lunga e Trento oscura il canestro avversario piazzando un 8-0 rapido propiziato da Forray, Atkins e Crawford per il pareggio (77-77) a 56” dalla fine. Nessuna delle due squadre riesce a trovare il canestro decisivo: supplementare.

Cappelletti incendia subito la retina da tre per battezzare l’overtime, ma è un acuto isolato. Spagnolo e Crawford ribaltano subito con un 7-0 micidiale: 84-80 Trento a 2’14” dalla fine sul timeout di Ramagli. Lockett rincara la dose per il +6 (86-80), Cappelletti e Holman hanno un rigurgito di orgoglio, ma la partita fugge veloce nelle mani di Trento che chiude dalla lunetta con Spagnolo e Crawford.

Tabellini:

Verona: Cappelletti 20, Anderson 18, Sanders 13, Holman 10, Smith 9, Casarin 2, Imbrò 3, Johnson 9, Rosselli. All.: Ramagli.

Trento: Spagnolo 24, Flaccadori 11, Lockett 13, Grazulis 9, Atkins 13, Crawford 12, Forray 7, Udom 3, Conti. All.: Molin.