Trento si aggiudica l’emozionante maratona con Cremona (116-114 dopo 3 supplementari!)

di Massimo Musolino
Davide “Dada” PASCOLO – Foto Alessio Musolino 2014

Incredibile match questa sera al PalaTrento: in verità nessuno avrebbe meritato di perdere e, complice la stanchezza, hanno vinto più il cuore e un po’ di fortuna che la tecnica e la strategia. Le due squadre definite “sorprese del campionato” si sono affrontate a viso aperto, senza lesinare energie. Cremona cercava la definitiva consacrazione e, se non con i due punti in classifica, certamente la ha trovata, mentre per Trento questo epico scontro potrebbe rappresentare la svolta di una stagione in cui non ci si può più nascondere dietro ad un dito. La banda di Buscaglia ha mostrato oggi non solo la capacità di giocare a questi livelli, ma anche il grande cuore che tante volte, negli scorsi campionati, ha permesso di fare la differenza. Negli ultimi 10 anni qui al PalaTrento solo una volta si era giunti a giocare 3 supplementari: nel primo anno in cui l’Aquila Basket giocò in DNA vinse contro Castelletto Ticino proprio dopo 3 overtimes!

Luca VITALI - Foto Alessio Musolino 2014
Luca VITALI – Foto Alessio Musolino 2014

LA CRONACA

I quintetti: Buscaglia schiera Forray, Grant, Mitchell, Pascolo e Owens, Pancotto fa affidamento su Hayes, Vitali, Bell, Clark e Cusin, che conquista il primo pallone. Apre le danze Clark dal pitturato, subito imitato da Bell; il gancio di Owens non perdona, ma Vitali è come sempre infallibile dalla linea della carità. Marcatura a uomo per entrambe le contendenti, con i lombardi che sembrano più in palla in queste prime battute. Dopo 3 minuti e mezzo i bianconeri sono già in bonus e il pubblico alza i toni nel non condividere un metro arbitrale fino ad ora quantomeno dubbio. Sul 12-4 esterno Buscaglia non può che rifugiarsi in timeout, anche perchè la Vanoli è padrona sotto le plance. La musica però non cambia e all’8′ siamo sul 20-12; Trento sta giocando malino con Mitchell evanescente, mentre Cremona sta ottenendo il meglio da Cusin e Vitali. La tripla di Ferguson e i liberi di Grant chiudono il primo quarto sul 23-17 per i lombardi.

Josh OWENS - Foto Alessio Musolino 2014
Josh OWENS – Foto Alessio Musolino 2014

L’arbitraggio è indegno di un palcoscenico di questo livello, inanellando errori e compensazioni da una parte e dall’altra; Bellissimo alley oop tra Vitali e Clark e poi, finalmente, si sblocca Baldi Rossi dall’arco, imitato da Mitchell: il PalaTrento è una bolgia, il vantaggio ospite è sceso a soli 2 punti e Pancotto chiama i suoi a rapporto. Al 14′ siamo sul 27-26 per la Vanoli, ma subito dopo è Owens a portare per la prima volta in vantaggio i bianconeri e Pancotto chiama ancora i suoi attorno alla panchina. Vitali dai 6,75 e Hayes riportano avanti i biancoazzurri. Ora la partita è vibrante e la cornice del pubblico fa spettacolo a sè, sia i supporters ospiti che casalinghi. Si va al riposo lungo con Trento in vantaggio per 41-39, grazie alla schiacciata di Sanders su tiro errato di Mitchell. Da segnalare in questa metà gara i 15 punti di Owens.

Il pareggio è di Bell, ma la tripla di Pascolo non perdona; il ragazzo con i calzettoni smazza anche un ottimo assist per Grant, ma ha difficoltà in difesa su Clark e Cremona resta attaccata (46-45 al 23′). Gli arbitri non si perdono d’animo e insistono a fischiare infrazioni dubbie, questa volta penalizzando gli ospiti. Ottimo alley oop sull’asse Forray-Pascolo, ma un fallo ingenuo di Mitchell su Bell permette a quest’ultimo di tirare 3 liberi e Cremona è sempre lì. Il pareggio a quota 51 è di Ferguson al 26′, prima che Forray segni dall’arco; si continua punto a punto e la partita è intensissima. Il nuovo pareggio arriva a 60″ dalla sirena, ma Spanghero la mette dai 6,75; Gazzotti segna dal pitturato, ma la tripla di Grant sulla sirena fissa il punteggio sul 65-61 al 30′.

Cameron CLARK - Foto Alessio Musolino 2014
Cameron CLARK – Foto Alessio Musolino 2014

Ferguson ruba e segna, Mian mette la tripla del sorpasso, ma Spanghero ripaga con la stessa moneta; ancora pareggio a quota 68 al 32′, poi Cremona torma avanti con Ferguson dai 6,75. La Dolomiti Energia è imprecisa in questa fase e i lombardi ne approfittano alla grande; è ancora Vitali a firmare l’allungo con il tiro pesante (75-70 al 34′). Tre liberi a bersaglio per Mitchell, seguiti dalla tripla del nuovo sorpasso, Vitali 1 su 2 dalla lunetta e ancora pari a 3′ dal termine. Mitchell fa 0 su 2 ai liberi, mentre Vitali li mette entrambe, copiato da Forray ed è ancora pari a 2′ dalla sirena. Segna Hayes, Mitchell fa 1 su 2 dalla linea della carità, Pascolo ruba e segna in contropiede il nuovo +1; Cusin da sotto e ancora Mitchell va all’esercizio dei liberi a 55″ dalla sirena finale e con Cremona avanti di 1: 1 su 2 e ancora pareggio. Vitali sbaglia dal pitturato, Mitchell pure, ma Forray prende il rimbalzo; ancora Mitchell in lunetta, ancora 1 su 2, 83-82 interno a 9″ dalla fine e timeout per Pancotto, al termine del quale anche Buscaglia chiede il suo minuto di sospensione. Incredibile, terzo timeout di fila e poi finalmente si gioca. Rimessa di Ferguson, fallo su Hayes che fa 1 su 2 e nuovo pareggio; la preghiera sulla sirena di Mitchel non viene esaudita e si va ai supplementari (83 pari).

Inaugura l’overtime la tripla di Sanders, ma Hayes pareggia sempre dall’arco e poi raddoppia. Owens da sotto, Mitchell finalmente fa 2 su 2 dalla lunetta e Trento è avanti di 1 al 43′; Vitali fa 1 su 2 e sempre pari siamo; la prova dalla lunetta tocca ora a Forray ed anche per lui è 1 su 2; Vitali mette la tripla a 90″ dalla fine, Pascolo pareggia in semigancio. La Vanoli perde palla per infrazione di 24″ quando manca poco meno di un minuto e Sanders inchioda la tripla che convince Pancotto a fermare il gioco quando mancano 41″; una valanga di emozioni sta travolgendo il pubblico quando Sanders commette il quinto fallo e Hayes fa 2 su 2; ancora timeout, questa volta per Buscaglia. Mancano 33″ secondi e Trento ha palla in mano: penetrazione vincente di Mitchell, ma è ancora Ferguson a mettere la tripla del pari a quota 98! Ancora un supplementare.

Ancora il gancio di Pascolo, che poi cattura anche il rimbalzo difensivo che permette di lanciare il gancio di Owens per il +4; è lo stesso Owens che ferma con le cattive Cusin, che però fa 0 su 2 dalla lunetta. La penetrazione di Forray  vale il + 6, ma Hayes dalla lunetta non sbaglia; ancora + 4 interno a 3′ dal 50′; Pascolo fa anche lui 1 su 2 ai liberi e la tripla di Clark segna il 105-102 al 48′. Rubata per Trento e schiaccione di Owens, ancora la tripla di Hayes e ancora 2 punti di scarto. Mitchell vuol fare tutto da solo e sbaglia, ma anche Cremona sbaglia. Forray viene stoppato e Owens deve commettere fallo: Hayes fa 2 su 2 e nuovo pareggio a 25″ dal 50′. Timeout per Buscaglia e canestro per Mitchell; ancora 10″ e ancora timeout, questa volta chiesto da Pancotto sul 109-107 per la Dolomiti. Rimessa di Vitali e fallo di Pascolo su Hayes lanciato a canestro: mancano poco più di 3 secondi e Hayes fa il 2 su 2 che vale un nuovo supplementare.

Fallo di Pascolo e Clark dalla linea della carità per il +2 Cremona; sbaglia Owens da sotto, ma una rubata permette il contropiede a Grant, che viene fermato con sgambetto da Vitali: quinto fallo e nuovo pareggio. Mian dalla media e fallo di Forray, che esce per falli; Hayes dalla lunetta fa 0 su 2 e a metà supplementare siamo 113-111 per Cremona. Cusin stoppa tre volte di fila, ma la Vanoli davanti non concretizza. Pareggia Mitchell, Owens stoppa, Clark spende il quinto fallo su Pascolo, che ne mette solo 1, quello del minimo vantaggio. Air ball di Mian, Trento sbaglia in attacco, Cusin si vede sputare fuori un pallone che sembrava già dentro e, sul rimbalzo di Mitchell, Mian non può che commettere il quinto fallo a 9″ dalla fine: finalmente 2 su 2 di Mitchell e, sul 116-113, Pancotto chiama timeout. Grant spende il quinto fallo sul solito Hayes, che dalla linea della carità fa 1 su 2; rimbalzo per Cremona e sul conseguente tiro il pallone si incastra fra tabellone e canestro quando mancano settantasei centesimi al termine. Tiro della disperazione per i lombardi, ma Trento porta a casa questa maratona: 116-114.

MVP: difficile scegliere tra Owens, Pascolo e Hayes: opto per Owens, in doppia doppia così come Pascolo, ma con un 73% al tiro che ne esalta le doti.

TRENTO – CREMONA 116-114 (17-23, 24-16, 24-22, 18-22, 15-15, 11-11, 7-5)

TRENTO: Mitchell 26, Sanders 14, Pascolo 26, Grant 12, Forray 5, Flaccadori, Owens 23, Baldi Rossi 3, Armowood, Spanghero 7. All. Maurizio BUSCAGLIA

CREMONA: Hayes 34, Gazzotti 7, Vitali 17, Mian 11, Campani, Ferguson 15, Mei, Clark 16, Cusin 6, Bell 8. All Cesare PANCOTTO

Spettatori: 2.940

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy