Trieste la spunta con grande fatica su una coriacea Brescia

Trieste la spunta con grande fatica su una coriacea Brescia

Nel commosso ricordo di Sveva, DeQuan Jones prende per mano Trieste, che conquista la seconda vittoria consecutiva

di Marco Torbianelli

Trieste, 19/10/2019 – All’Allianz Dome, stasera, scrivere di basket è più difficile del solito. Numeri, statistiche e il racconto della gara sbiadiscono di fronte al pensiero forte, radicato, palpabile, tangibile rivolto da tutti i presenti – pubblico, giocatori, tecnici, giornalisti – al ricordo di Sveva, la piccola tifosa recentemente scomparsa. La Pallacanestro Trieste le dedica stasera la propria maglia e un piccolo logo che resterà per tutta la stagione, mentre il palazzo – in un silenzio assordante – le tributa una coreografia mentre la Curva Nord srotola lo striscione “…continua a giocare tra il sole e le stelle! Ciao Sveva”, unito all’immagine di una bimba che gioca a pallacanestro con il sole.

Il secondo anticipo della quinta giornata mette di fronte due squadre che finora sul campo hanno prodotto una pallacanestro con diversi livelli di efficacia in termini di classifica: i padroni di casa hanno conquistato i primi due punti del torneo solo domenica scorsa, ma sul difficilissimo campo dei vice campioni d’Italia di Sassari; gli ospiti hanno vinto 3 delle prime 4 gare, riuscendo perfino a sbancare il Forum di Milano. Roster al completo per entrambe le compagini, con osservati speciali Jones per Trieste e Cain per Brescia, quali terminali offensivi principali designati.

Inizio scoppiettante con Trieste lanciatissima che riesce a mettere sul parquet grinta ed efficacia tali da cogliere di sorpresa Brescia, costretta ad inseguire da subito. C’è tanta voglia di vincere da parte dei padroni di casa, gli ospiti riescono comunque – a fatica – a non farsi staccare e nella seconda frazione il grande equilibrio regna sovrano: la gara non ha ancora un padrone, anche se Trieste ha fatto vedere qualcosa in più.

Nella ripresa l’equilibrio non si sposta, Brescia continua e completa l’inseguimento, portando la gara ad un botta e risposta continuo che trova il suo esito solamente in un finale tiratissimo, con Brescia che sbaglia l’ultimo tiro e Trieste che si porta a casa una vittoria meritata di fronte ad un grande avversario.

Starting five Trieste: Fernandez – Jones – Justice – Peric – Mitchell

Starting five Brescia: Vitali – Lansdowne – Abass – Horton – Cain

TRIESTE PARTE IN QUARTA, BRESCIA INSEGUE – La palla a due premia Brescia, a cui servirà qualche azione per infilare il primo canestro, ma l’inizio gara è tutto di Trieste che lotta, recupera palloni e segna a ripetizione portandosi sul 11-2 in 3 minuti. Brescia accusa il colpo e prova a reagire sotto la sapiente regia di Vitali, ma sono sempre i padroni di casa ad avere l’inerzia del gioco ed a fare buona guardia nel pitturato: gli ospiti si vedono così costretti a bombardare da fuori, ma il canestro non dà soddisfazione. Peric è una furia, supportato da tutta la squadra che con grinta attacca il ferro, mentre l’artiglieria pesante nelle mani di Fernandez e Jones colpisce a raffica dai 6 e 75. Dopo appena 7 minuti il primo time-out di coach Esposito (con il punteggio sul 20-11), che prova a rimescolare le carte inserendo Laquintana che da del “tu” a Lansdowne caricandogli l’attacco sulle spalle e riuscendo a far rientrare gli ospiti, visto che Trieste abbassa leggermente il ritmo. L’alley-oop di Moss per Horton è il chiaro segnale che Brescia c’è. La tripla di Cavaliero nel finale di tempo e il canestro sulla sirena di Zerini chiudono la frazione con Trieste avanti 26-20.

CONTINUI BOTTA E RISPOSTA E GRANDE EQUILIBRIO – Guerra da tre punti tra le due compagini ad inizio quarto, protagonisti Cavaliero e Strautins da un lato e Sacchetti e Laquintana dall’altro, quest’ultimo con canestro e and-one. Diversi capovolgimenti di fronte con un buon spettacolo, qualche errore in più per i padroni di casa e coach Dalmasson richiama i suoi sul pino dopo i due canestri consecutivi di Warner che accorciano il divario a sole 4 lunghezze. Marcature molto distribuite lungo tutto il roster per entrambe le squadre, con la sola eccezione di Cain, ancora a secco. Trieste – cui mancano punti e gioco da Elmore e Justice, ancora poco efficaci – aumenta progressivamente la propria presenza nel pitturato facendo la voce grossa con Cooke e Da Ros, mentre la Germani tenta nuovamente la carta dei punti pesanti con Vitali e Lansdowne, visto che Cain gira a vuoto. L’esplosività della prima frazione ha lasciato un po’ il segno nei muscoli dei giocatori, che abbassano notevolmente la dinamica del gioco e con entrambe le compagini in bonus ci si avvicina a metà gara con un fiorilegio di tiri dalla linea della carità. Palla in mano per Cooke a pochi secondi dalla sirena, nessuno ci crede ma lui si: coast to coast a grandi falcate e schiacciata buzzer beater che manda le squadre all’intervallo lungo sul +7 per i padroni di casa.

TORNA CAIN E BRESCIA COMPLETA L’INSEGUIMENTO – La ripresa inizia con i primi (!) due punti di Cain, la Germani auspica naturalmente che sia il segnale di un definitivo cambio di rotta per il lungo americano, di cui ha un disperato bisogno. Aggiungendosi poi altrettanto subito il terzo fallo di Peric, il fatto che Trieste sia uscita dallo spogliatoio con le polveri bagnate, ed ulteriori due punti di Cain, ecco che gli ospiti ripartono sull’onda dell’entusiasmo, al punto da ridurre all’osso il divario con gli avversari. Fernandez e Jones mettono le ali ai piedi e suonano la carica, ricacciando la Germani a -7 ed accendendo l’entusiasmo del pubblico. Brescia ritorna sotto con Lansdowne e Cain, ci pensa il “solito” Jones a ristabilire le distanze. La gara è molto bella, le due squadre stanno onorando l’impegno con grande ardore agonistico. Horton prima e Abass poi impattano il punteggio a quota 55 e crediamo che da adesso in poi ne vedremo veramente delle belle. Ultimo minuto da cardiopalma che si conclude con un tiro sporchissimo di Da Ros da poco oltre metà campo che si infila nella retina allo scadere e che permette ai padroni di casa di restare in vantaggio, pur di soli 3 punti.

FRAZIONE PUNTO A PUNTO, TIRATISSIMO IL FINALE – Inizia forte Trieste, che spinge sull’acceleratore ancora con Da Ros e Jones, quest’ultimo già oltre quota 20 punti. Gli ospiti restano però aggrappati con le unghie al punteggio e fanno capire di volersela giocare fino alla fine. Trieste chiude (e pure bene) le maglie difensive e continua a puntare su Da Ros sul fronte offensivo. Lansdowne tiene la Germani attaccata con una tripla dall’angolo e a 3 minuti dal termine la gara non ha ancora un padrone. Molti gli errori da ambo i fronti in questo finale, ci provano un po’ tutti a dare la zampata decisiva, sarà un finale incandescente. Strautins arpiona un pallone destinato a Cain e a 1’30” Trieste è a +2 con palla in mano, ma nemmeno stavolta riesce a smuovere un punteggio fermo sul 70-68 da diversi minuti. Vitali perde un pallone sanguinoso e Trieste ha l’occasione (di nuovo) di chiudere il match: bonus esaurito per gli ospiti e 2/2 dalla lunetta di Peric per il +4 e timeout a 40″ dalla sirena. Pallone sanguinosissimo perso da Horton e palla ancora a Trieste, con ovvio fallo sistematico: Strautins in lunetta li mette entrambi e ora sono 6 le lunghezze di vantaggio dei biancorossi. Moss segna dai 6 e 75 e a 14″ dal termine c’è ancora tempo per mandare in lunetta Fernandez a riportare Trieste a +5. Segna ancora da fuori Lansdowne, torna in lunetta Jones che li sbaglia entrambi. Brescia ha in mano il colpo del k.o. finale, ma la tripla finale di Sacchetti si spegne sul ferro.

SVEVA PALLACANESTRO TRIESTE – GERMANI BASKET BRESCIA LEONESSA 76 – 74

PARZIALI: 26-20 / 20-19 / 18-22 / 12-13

PROGRESSIVI: 26-20 / 46-39 / 64-61

MVP BASKETINSIDE: DeQuan Jones (Sveva Pallacanestro Trieste)

TABELLINI: 

SVEVA PALLACANESTRO TRIESTE: Coronica (cap.) ne, Cooke 4, Peric 7, Fernandez 15, Jones 22, Strautins 7, Janelidze ne, Cavaliero 6, Da Ros 9, Mitchell 6, Elmore 0, Justice 0. Allenatore: E. Dalmasson. Assistenti: M. Legovich, A. Mazzetti, A. Cittadini.

GERMANI BASKET BRESCIA LEONESSA: Zerini 6, Warner 4, Abass 5, Cain 6, Vitali L. 12, Laquintana 5, Lansdowne 16, Veronesi ne, Guariglia ne, Horton 10, Moss (Cap.) 3, Sacchetti 7. Allenatore: V. Esposito. Assistenti: G. Baioni, M. Cotelli.

STATISTICHE: 

SVEVA PALLACANESTRO TRIESTE: 41% 2PT (14/34), 37% 3PT (10/27), 78% TL (18/23), 15 AST, 38 RBN (25 DIF, 13 OFF), 1 STP, 10 PP, 9 PR, 86 VAL

GERMANI BASKET BRESCIA LEONESSA: 61% 2PT (17/28), 41% 3PT (11/27), 70% TL (7/10), 19 AST, 37 RBN (31 DIF, 6 OFF), 2 STP, 18 PP, 6 PR, 88 VAL

SPETTATORI: 5.117

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy