Trieste si spegne sul più bello, Reggio Emilia passa al supplementare

0

A conclusione di una gara intensa e dopo un tempo supplementare gli uomini di Attilio Caja passano all’Allianz Dome di Valmaura. Tra gli ospiti ottima la prova del lituano Olisevicius, che porta i suoi a 14 punti in classifica, mentre la Pallacanestro Trieste rimane a 16 punti.

ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE – UNAHOTELS REGGIO EMILIA 83-85

Arbitri: Begnis – Vicino – Marziali

SINTESI GARA

Primo Periodo: il primo possesso del match è degli ospiti, con Johnson che firma i primi punti dalla lunetta. Al secondo minuto di gioco Andrea Cinciarini sbaglia dalla lunga distanza e dall’altro lato il neoacquisto triestino Davis segna il 2-2. I padroni di casa non sono abbastanza precisi in attacco, sicché gli uomini di Caja vanno sul momentaneo 6-2 con Hopkins. A metà del quarto il risultato è in equilibrio: 6-6. Poi i “muli” passano in vantaggio con la schiacciata di Delia (8 punti nel 1° periodo), che qualche azione dopo segna di nuovo (10-9).

A un paio di minuti dalla fine del quarto Davis segna da tre, poi si arriva all’ultimo minuto col vantaggio minimo per Reggio Emilia (15-16 sul tabellone). I primi dieci minuti si concludono con il +1 per gli emiliani.  

Secondo Periodo: Olisevicius punisce subito un errore della squadra di casa, poi in un amen porta i suoi sul +5 (17-22). La panchina triestina è costretta a chiamare timeout subito ad inizio del secondo quarto. Si mettono male le cose per gli uomini di Ciani, col playmaker Fernandez che spende due falli. Banks segna per il momentaneo sorpasso, ma l’Unahotels si riporta in vantaggio con una tripla. I due allenatori giocano molto sul lato tattico con rotazioni continue dei giocatori in campo.

A metà periodo continua a regnare l’equilibrio tra le due compagini. La squadra giuliana decide di tentare l’allungo con Grazulis che la mette a segno dalla lunga (8° punto personale), ma dall’altro lato Crawford non ci sta e ridimensiona il vantaggio triestino. A 4’17” Campogrande segna il 31-27.

Ricuce Olisevicius, preciso con 3/3 dalla linea della carità. A 3 minuti dall’intervallo lungo la sfida è ancora molto combattuta sul punteggio 31-30, poi i padroni di casa riprovano di nuovo a sfuggire con la tripla di Cavaliero (36-30): gli emiliani corrono ai ripari chiamando timeout.  

Nell’ultimo minuto la precisione ai liberi dell’argentino Delia significa il +5 giuliano e gli alabardati chiudono il primo tempo in crescita sul 40-33.

Terzo Periodo: avvio apparentemente in salita per Reggio Emilia che non trova la via del canestro, ma la squadra di casa dall’altro lato non riesce ad approfittarne. Dopo vari errori su entrambi i lati, il primo canestro del periodo è di Olisevicius dalla lunga (40-36). L’inerzia in questo frangente è a favore dell’Unahotels, che grazie alla buona difesa e ad un parziale ricuce il divario (40-39).  

Dopo un po’ i padroni di casa riprendono in mano la partita, sprecando però la palla del +8. A 3’53” dalla Trieste è avanti di 5 punti grazie al 2/2 di Banks dalla lunetta. Si arriva agli ultimi minuti del periodo con la tripla del +8 di Mian (53-45). Dall’altro lato accorcia Diouf. Il terzo quarto si conclude sul risultato 55-48 grazie ai liberi del triestino Cavaliero.

Quarto periodo: si inizia l’ultimo quarto dalla lunetta per via di un tecnico fischiato a Crawford. Gli ospiti sono costretti a inseguire 8 punti di distacco. Capitan Cavaliero è preciso da tre e firma il massimo vantaggio casalingo. Per gli emiliani va a segno Hopkins, che tiene viva la speranza del team di Caja. Completa il parziale Thompson. Trieste si complica la vita con un fallo in attacco di uno spento Konate. A poco più di 6 minuti dal termine il tabellone dell’Allianz Dome segna solamente +2 per la compagine casalinga (59-57). L’attacco triestino è fermo e Olisevicius segna la tripla del sorpasso (59-60) per un parziale di 12-0 per gli ospiti.

Campogrande ridà fiducia al pubblico casalingo, appoggiando in contropiede. Impatta dalla lunga Cinciarini (63 pari), ma Grazulis risponde con la stessa moneta per l’Allianz. Poi la squadra alabardata si ritrova nuovamente in attacco e segna dopo quattro tentativi e tre rimbalzi offensivi.

A due minuti dalla fine il divario tra le due squadre è minimo. Davis realizza allo scadere (+4 triestino), ma dall’altro lato Olisevicius (26 punti) è praticamente immarcabile. Poi su palla persa di Campogrande Crawford impatta: 70-70. Si va all’overtime.

Supplementare: inizia bene la compagine casalinga con Delia e Grazulis che fa buona guardia a rimbalzo. La stanchezza si fa sentire, ma non per Olisevicius che la spara da 3. Mian replica con la stessa moneta dall’altro lato, poi Crawford fa lo stesso e porta i suoi in vantaggio. Nel finale Reggio Emilia è più precisa, a un minuto e mezzo si porta sul +6. Mantiene il vantaggio sino al fischio finale.

All’Allianz Dome finisce con il risultato 83-85, che premia il team emiliano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here