Un super Theodore schianta Pesaro e continua a far volare la Reyer Venezia

0

Quintetti:

Carpegna Prosciutto: Moretti, Sanford, Delfino, Mejeris, Jones

Umana: Theodore, Tonut, Bramos, Brooks, Watt

1° QUARTO: Watt sbaglia il primo layup della gara facendosi perdonare dai 6,75, con Tonut che segue con 5 punti consecutivi per il primo break di 2-10 dopo 150”. Mejeris trova una delle poche concessioni della difesa reyerina e firma un 2+1, ma continua la sagra delle stoppate per i giocatori di De Raffaele che respingono ogni tentativo di canestro. Moretti accorcia con 2 canestri consecutivi per il 12-14, poi Mejeris regala a Jones una schiacciata impressionante per la parità al 8’. Morgan dice +3, ma il lettone di Banchi firma un nuovo 2+1; l’ultimo canestro è di un elegante Daye, che dice 20-22.

2° QUARTO: Vitali dimostra di essere tornato alla grande e consegna poi il +5 a De Nicolao ma Zanotti ricuce per il 24-27 al 13’. L’Umana spreca molti palloni ma la VL fatica non poco contro la difesa granitica degli orogranata; Theodore risponde alla schiacciata di Mejeris, a cui replica anche il solito Jones ben pescato da Delfino per il 31-34 al 17’. Il giocatore ex Milano continua ad essere un problema per i marchigiani firmando il punto numero 14 nel quarto, facendo raggiungere ai suoi il +10, accorciato da Jones poco prima della sirena sul 37-45.

3° QUARTO: La Reyer ritorna alla grande dagli spogliatoi con un 5-0 nei primi 40”, poi la VL risponde con altrettanti punti e trovando la seconda tripla della gara. Delfino prova a trascinare i suoi ma Theodore risponde per le rime per il +14; Watt penetra nuovamente la difesa biancorossa, che in attacco si affida completamente alla imprecisa coppia Jones-Delfino. Daye firma il 44-61 al 16’, poi Pesaro si accende con la tripla di Delfino che vale il 9-0 di parziale; Theodore fa respirare i suoi ma Tambone riporta la VL sul -9. In chiusura di frazione Morgan trova l’inchiodata ma il fallo tecnico a suo carico permette a Lamb di dire 59-67.

4° QUARTO: Sanford si sblocca, poi Jones risponde a Morgan per il -6; Daye ricaccia indietro la sua ex squadra sul 65-73, con De Nicolao che successivamente firma una nuova tripla. Le squadre smettono di segnare e questo sorride a Venezia che è sul +11 a metà frazione; Lamb sbaglia l’ennesima tripla, poi per i reyerini torna a sbloccarsi Watt a cui segue l’errore di Delfino a 3’ dal termine.  Lamb questa volta trova il bersaglio per il -8 ma la più di 8 metri è De Nicolao con una tabellata a mettere il sigillo alla gara con circa 80” da giocare. L’Umana segna 2 canestri in 5 secondi contro una stanca Carpegna Prosciutto, e sigla il 75-85 finale

MVP Basketinside: Jordan Theodore (20 punti)

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – UMANA REYER VENEZIA: 75-85 (20-22, 25-23, 22-22 16-18)

Tabellino e commento a breve