Una Vanoli Braga irriconoscibile cede ad un Angelico decisamente più in palla

0

Finisce nel peggiore dei modi quella che doveva essere la partita del riscatto per la Vanoli Braga. Non è tanto il risultato a sconfortare gli spettatori presenti al PalaRadi che erano anche accorsi in massa, nonostante le non buone prestazioni delle ultime partite, quanto la completa mancanza di un’identità sia in difesa che in attacco. Molti gli spazi lasciati all’attacco Biellese che ha letteramente dominato in tutti i settori, con 16 rimbalzi conquistati in più, di cui 15 in attacco e Cremona che ha collezionato 21 palle perse. Coleman, Pullen, Miralles e Dragicevic (68 punti in 4) hanno gestito a proprio piacimento la partita. La dirigenza cremonese dovrà decisamente riflettere su come vorrà proseguire la propria strada: uno dei punti interrogativi di questo inizio campionato (Thomas) ha dimostrato di avere le potenzialità per poter giocare al massimo delle proprie possibilità, peccato che il suo gioco si sia fermato a inizio secondo quarto. Wafer mai effettivamente in partita, Perkovic e Milic i grandi assenti, Tabu a tratti disastroso in regia. Difficile poter trovare un giocatore da salvare nella formazione di casa in questa bruttissima prestazione. Ora per Cremona sono attese due difficili trasferte sul campo di Roma e Teramo. Tornare con dei punti era già difficile prima di oggi, ora, con il morale letteralmente sotto i talloni, lo sarà ancora di più.

Vanoli Braga Cremona 58 – Angelico Biella 79 (17-20 / 11-22 / 15-23 / 15-24)

Vanoli Braga Cremona: Cinciarini 5, Antonelli 0, Tabu 13, D’Ercole 2, Perkovic 1, Milic 8, Wafer 9, Thomas 11, Kuzminskas 4, n.e. Lottici, Mazic e Belloni.
Tiri da 2 14/32 – Tiri da 3 8/23 – Tiri liberi 6/7 – 32 Rimbalzi – 21 Palle Perse, 8 Recuperate, 11 Assist, 53 Val. Lega.

Angelico Biella: Jurak 4, Coleman 22, Soragna 2, Pullen 9, Laganà 0, Miralles 20, Lombardi 0, Chessa 5, Dragicevic 17, Tavernari 0, n.e. Minessi, Rossi.
Tiri da 2 23/44 – Tiri da 3 7/19 – Tiri liberi 12/19 – 38 Rimbalzi, 13 Palle Perse, 11 Recuperate, 17 Assist, 93 Val. Lega.

Cronaca della partita

Arbitri: Chiari, Weidemann, Ramilli

Quintetti iniziali:
Vanoli Braga: Tabu, Milic, Perkovic, Wafer, Thomas
Angelico: Coleman, Pullen, Soragna, Miralle, Dragicevic

1° Quarto
Inizio con buona faccia da parte di Cremona, soprattutto con Brandon Thomas, osservato speciale, che mette a segno immediatamente una tripla e si fa trovare pronto  in contropiede per andare a schiacciare. Dopo 4 minuti il risultato dice 10-9 Vanoli Braga.
Prosegue il buonissimo momento di Thomas che con un 3/3 da 3 e 1/1 da 2 porta la propria squadra sul 15-9 al 5° minuto e costringe Cancellieri a chiamare Time-Out.
Mini controparziale di Biella di 4-0 ed ora è Mahoric a fermare il gioco.
Piano piano Biella impara a tenere il passo e ritrova il vantaggio sul 17-20. Il quarto si conclude con l’errore di Perkovic da 3 allo scadere del tempo.

2° Quarto
Cremona si addormenta in difesa e commette errori banali in attacco; Chessa prima e Coleman poi allungano sul 17-24.
Parziale di 8-2 per Biella che scappa sul 19-28 e Mahoric chiama time-out per riorganizzare la difesa che si è un po’ persa rispetto al primo quarto.
Continua ad insistere sull’acceleratore Biella che complice un attacco sterile di Cremona porta il vantaggio in doppia cifra: 21-33.
Al minuto 18 Von Wafer toglie lo 0 dalla casella punti fatti, ma Biella dimostera un attacco molto più fluido. A 55 secondi dall’intervallo lungo Cremona insegue di 10 punti sul 28-38.
Con un parziale nel quarto di 11-22 Biella dimostra di essere la rivelazione di questo inizio di campionato (almeno per le squadre di seconda fascia, visto che Siena è inarrivabile al momento) e Cremona invece dimostra tutta la sua fragilità nel trovarsi compatta in difesa e senza tante idee in attacco, con giocatori spesso troppo fermi e un Von Wafer che dopo la mega prestazione di domenica scorsa a Bologna pare un lontano parente. Pullen, Coleman e Miralles mettono in scacco la squadra di casa trovando sempre il passaggio migliore e il tiro smarcato 1 secondo prima dei difensori.

3° Quarto.
Inizio di secondo tempo con altro atteggiamento per la squadra di casa che con Wafer prima e Tabu poi ricuce lo svantaggio sotto la doppia cifra: 33-42
Controparziale di 7-0 per Biella che costringe Mahoric a fermare ancora il tempo dopo soli 4 minuti… 33-49 il risultato e non pare intravedersi, per la Vanoli Braga, un effettivo tentativo di cambiare marcia.
Prova a innestare le marce alte Cremona dimostrando che se trova campo aperto è immarcabile, ma troppe leggerezze vengono commesse nel proprio pitturato e i lunghi Biellesi trovano ampie praterie in cui muoversi e sono sempre i primi ad arrivare sul pallone vagante o sui rimbalzi. Punteggio di 38-54 a 4:45 dall’ultima pausa.
Come già nella partita di precampionato, Biella dimostra di muoversi molto meglio in attacco rispetto a Cremona che non riesce a trovare la giusta misura per adeguarsi ai giochi di coach Cancellieri e per Coleman e Pullen è pura teoria di gioco, con diversi numeri sottolineati anche dagli applausi degli spettatori di Cremona.
Inizia a sfollare il pubblico del PalaRadi sul finire del terzo quarto, non riuscendo a intravedere la seppur minima possibilità di reazione da parte della compagine di casa che sprofonda sul 43-65. Coleman, Pullen, Miralles e Dragicevic i migliori realizzatori sino a questo momento per Biella. Per Cremona Tabu e Thomas in doppia cifra, con l’americano Cremonese a secco dall’inizio del secondo quarto.

4° Quarto.
Pura accademia per Biella in questo quarto con Cremona alla ricerca del contenimento del parziale che ad un certo punto è diventato veramente imbarazzante andando a toccare i 27 punti.
Secondi di gloria anche per Lombardi e Laganà nel finale.
Finisce l’incontro sul risultato di 58-79

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here