Varese risponde a Cremona e Pesaro, Pistoia KO

C’è vita a Masnago; Caja trova il primo sigillo casalingo dal suo ritorno grazie a una solida prova difensiva e rilancia la sua OJM nella lotta salvezza. Esposito viene tradito dai suoi frombolieri e non basta un Moore da 21pt per evitare la sconfitta a Pistoia.

di Stefano Modesti

OPENJOBMETIS VARESE 75-70 THE FLEXX PISTOIA (15-11; 20-14; 21-22; 19-23)

Con le spalle decisamente al muro, anche alla luce dei risultati domenicali, Varese ritrova la vittoria contro una Pistoia tutt’altro che arrendevole e si ributta nella bolgia salvezza con la consapevolezza di potersi giocare le proprie carte. A Pistoia mancano i punti dei suoi principali riferimenti offensivi Petteway e Boothe, ben disinnescati dalla difesa di Caja, e questa volta a Esposito non basta un Moore da 21 punti con 5/9 dall’arco. La fotografia della partita (e della stagione) della OJM trova invece la sua sintesi nella tripla di Johnson che gira quattro/cinque volte sul ferro prima di scivolare nella retina e far tirare a un intera città un sospiro di sollievo e di speranza.

PRIMO TEMPO – I primi minuti scorrono sul sottile filo rosso della tensione che attanaglia soprattutto i giocatori varesini condizionando fortemente il ritmo di gioco, tanto che dopo i primi 3′ di gioco il tabellone riporta un laconico Varese 3 Pistoia 0. Maynor e Moore si rimpallano il compito di apripista per i propri compagni, ma se il play della OJM cerca di alternare individualismi e altruismi, il numero 25 di Pistoia è sostanzialmente l’attacco della The Flexx (13pt nei primi 20′). Varese, seguendo il diktat del proprio allenatore, dimostra un’ottima attitudine difensiva che permette ai padroni di casa di ripartire in transizione e allargare la forbice del punteggio fino al +15. In chiusura di tempo però ancora Moore, solitamente discontinuo dall’arco, aggiusta la mira e con un paio di triple consecutive riavvicina i suoi fino al 35-25 della sirena.

SECONDO TEMPO – In avvio di ripresa Esposito prova a coinvolgere i suoi americani rimasti con le polveri bagnate nei primi 20′ di gioco (Pettway 0/7 dal campo e Boothe 0/4). E’ però ancora Moore a cogliere la sfida della difesa morbida sul suo piazzato infilando un altro paio di bombe (una da quasi 9 metri) che costringe Caja al TO immediato. Varese ritrova il piglio difensivo del primo tempo e illuminata ancora da un Maynor benefattore, riallunga nuovamente sul +15 con un parziale di 11-1. Col passare dei minuti la frenesia si impossessa delle squadre che a momenti non riescono neppure ad eseguire le rimesse. Moore però sembra trovarsi a proprio agio mettendo a referto punti preziosi che consentono a Pistoia di restare intorno ai 10 punti di ritardo. Petteway, sesto uomo in campo per Varese fino a questo momento, trova la tripla del -7 a 4′ dalla fine, ma Bulleri, appena entrato in campo, col palleggio arresto e tiro marchio di fabbrica respinge immediatamente il tentativo di rimonta di Pistoia. Il finale è il manifesto di tutte le insicurezze che ancora la OJM non è riuscita a risolvere. Avanti di 10 ricade nei suoi annosi peccati affidandosi a soluzioni individuali che fruttano altrettante palle perse e permettono a Moore e co. di arrivare fino al -4 a 2′ dalla fine. Con una Masnago pronta già a digerire l’ennesima beffa della stagione ci pensa però Dominique Johnson a scacciare i fantasmi alleganti sulle volte del Pala2A con una tripla che vortica spasmodicamente sul ferro prima di entrare e sigillare la vittoria.

MVP Basketinside: Johnson

TABELLINO

VARESE: Johnson 23, Anosike 10, Maynor 9, Avramovic, Pelle 9, Bulleri 2, De Vita n.e., Cavaliero 6, Kangur 8, Ferrero 4, Eyenga 4, Canavesi n.e.

PISTOIA: Petteway 6, Okereafor 8, Antonutti, Solazzi, Lombardi 7, Crosariol 13, Magro 4, Roberts 6, Moore 21, Boothe 5

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy