Varese sbanca l’Allianz Dome di Trieste e respira in classifica

0

Nel posticipo disputato nella città giuliana si sono sfidate l’Allianz Trieste e l’Openjobmetis Varese. Le due antagoniste si sono presentate all’Allianz Dome con umori diametralmente opposti – spirito positivo e rilassato per i padroni di casa (4 vittorie nelle ultime 5 gare), molto meno ottimismo invece sul fronte lombardo (5 sconfitte su 5 partite). Alla fine l’hanno però spuntata (nettamente) i lombardi, guidati da Gentile, Kell e Sorokas.

Quintetto Allianz Trieste: Sanders, Banks, Mian, Grazulis, Konate

Quintetto Openjobmetis Varese: Kell, A. Gentile, Beane, Jones, Sorokas

SINTESI DEL MATCH

PRIMO TEMPO

Inizia meglio Varese. I primi punti sono di Sorokas e Gentile per il 0-4 ospite. L’attacco triestino si sveglia con Andrejs Grazulis (2+1) per il momentaneo 3-6 sul tabellone dell’Allianz Dome. I minuti iniziali sono tutti a favore dei lombardi, che, grazie a una difesa a zona che mette sotto scacco le azioni degli alabardati, si portano sul +8 (3-11). I triestini in attacco si affidano quasi esclusivamente al lettone Grazulis, mentre tra gli ospiti Alessandro Gentile è semplicemente ispirato (8 punti in 6 minuti di gioco). Poi si iscrive a referto anche Konate, che purtroppo rimarrà uno dei grandi assenti della serata.

A un paio minuti dalla fine del quarto Ciani chiama time-out sul 9-20 e rivoluziona l’assetto degli uomini in campo, conscio del livello di difficoltà (probabilmente inatteso) della sfida. Un miniparziale triestino 6-0 riporta i “muli” sul -5, ma a seguito di una palla persa il primo quarto si conclude col canestro degli ospiti, che conducono +7 (15-22).

L’inizio del secondo quarto è ancora all’insegna degli uomini di Vertemati. Trieste continua a soffrire a rimbalzo e sembra sorprendentemente spenta in attacco. Ci pensa play Fernandez ad alzare il livello in attacco con la tripla del -4 (20-24) e con i tifosi locali sugli spalti ad incitare vigorosamente i beniamini in campo. Ma diventa a tutti chiaro che la serata per i padroni di casa sarà estremamente difficile: detto altrimenti, porterà a casa i punti chi sbaglierà di meno.

Al 3° minuto del quarto il risultato è 23-32 per l’Openjobmetis, con i varesini guidati in questo frangente da Sorokas (9 punti personali sino a qui) e dal solito Gentile. Dall’altro lato i padroni di casa non riescono a essere abbastanza incisivi in attacco per poter acciuffare definitivamente gli avversari. Si arriva così sul 29-34 a metà quarto.  

Ci pensa il buon Delia a riportare i suoi compagni alabardati in scia, ma nella seconda parte del quarto gli uomini di Ciani continuano a soffrire i lombardi. Si va all’intervallo lungo sul risultato 36-43 con coach Ciani che deve pensare a come ribaltare le sorti di un match altrimenti già segnato.

SECONDO TEMPO

Inizia il terzo quarto e si capisce che per Adrian Banks non è serata, ma sbagliano anche gli ospiti. Mian in canotta rossa segna una tripla non facile, Trieste sembra più reattiva ed infatti si porta sul -2 con Grazulis (41-43), poi dall’altra parte va subito a referto il cestista offensivamente più ispirato della serata – Alessandro Gentile. Trieste impatta dopo 26 minuti di gioco, e si prefigura una nuova gara. L’equilibrio regna ancora sul 49 pari.

Il sorpasso giuliano arriva con la tripla di Juan Manuel Fernandez (52-51) a 3 minuti dalla fine del quarto, col play argentino che firma il suo 15° punto personale e dopo un po’ anche il 18° (57-53). È lui il trascinatore dei “muli”, mentre il compagno Grazulis si infortuna su un fallo subito. Poi gli uomini di Vertemati impattano nuovamente sul 57-57, firmando un nuovo sorpasso con Gentile. Il quarto finisce in perfetta parità sul 59 pari: è lecito aspettarsi gli ultimi 10 minuti di fuoco.  

Inizia così l’ultimo quarto con l’appoggio a canestro della principale spina nel fianco per Ciani – Alessandro Gentile. Ma i biancorossi padroni di casa non demordono, pur con Campogrande che fa 1/3 ai liberi e deve poi uscire vistosamente zoppicante. Con la tripla di Sorokas a 7’40’’ Varese si riporta in vantaggio prima sul +4 e poi sul +6 (62-68). Banks dall’altro lato si sveglia (4° punto personale). Poi la panchina triestina chiama minuto per ridisegnare il gioco difensivo e offensivo, cercando di rientrare negli ultimi minuti, ma qualcosa va storto. I più concentrati in campo sono gli ospiti varesini, che a meno di 5 minuti dalla fine si portano sul +9 (66-75). Ciani deve correre ai ripari chiamando time-out.

Varese si porta addirittura sul +13 a poco più di 3 minuti dalla sirena e dilaga, mentre i padroni di casa negli ultimi minuti proprio non sono in serata, come se avessero già fatto pace con l’esito ormai scritto della gara. Le rivalità terminano sul risultato finale 70-86.

Bene Varese, che stasera ha dimostrato di essere una squadra completa. Male Trieste, che, fatta eccezione per la buona prestazione di Fernandez (20 punti), stasera con questa sonora sconfitta deve resettare praticamente tutto.

ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE – OPENJOBMETIS VARESE 70-86

[Q1 15-22; Q2 21-21; Q3 23-16; Q4 11-27]

Terna arbitrale: G. Giovannetti, G. Bettini, S. Noce.

Tabellino Trieste: Banks 6, Sanders 9, Fernandez 20, Konate 4, Longo, Deangeli, Mian 5, Delia 12, Cavaliero, Campogrande 1, Grazulis 9, Lever 4. All: Ciani

Tabellino Varese: Kell 24, Gentile 23, Amato, Beane 13, Sorokas 16, De Nicolao 3, Virginio, Ferrero, Jones 7, Bottelli, Frangos. All: Vertemati

MVP: Alessandro Gentile (Varese) con 23 punti segnati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here