Venezia scappa e poi controlla: Cantù sconfitta tra le mura amiche

Una solida Venezia espugna il PalaDesio interrompendo a due le vittorie consecutive di Cantù.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

Con una prova solida e concreta, la Reyer Venezia espugna il PalaDesio sfruttando la miglior qualità della propria panchina che con 28 punti contribuisce a spingere la formazione orogranata al successo. Cantù dopo un primo tempo davvero opaco, esce fuori nella ripresa con Woodard che prova a spingere i compagni alla rimonta. Venezia ha però talento e con un paio di triple nei momenti decisivi, caccia indietro la squadra di Pancotto facendo così propria la contesa.

Cantù: Johnson, Woodard, Pecchia, Leunen, Kennedy
Venezia: De Nicolao, Tonut, Chappell, Mazzola, Watt

Foto Ciamillo/Legabasket

VENEZIA IN CONTROLLO – Il canestro di Tonut inaugura la contesa tra Cantù e Venezia. Kennedy sblocca il tabellino locale, ma la formazione orogranata con Chappell e Watt prova subito il mini allungo. Johnson e La Torre impattano a quota 14, ma il finale è tutto di marca Reyer che con Watt, Casarin e Daye scappa via sul 16-25 che archivia il primo periodo. Sono i due punti di Johnson a riaprire la contesa, ma la Reyer risponde colpo su colpo trovando addirittura una bomba con Watt per il più dieci esterno. L’inerzia è sempre ospite, con Daye che tutto solo deposita facilmente il 18-34 poco dopo, obbligando Pancotto al timeout. Cantù continua ad attaccare male e difendere ancora peggio, con Tonut che insacca il 22-41. Padroni di casa che provano a limitare i danni, con il tabellone di gioco che al riposo segna 27-43 in favore dei lagunari.

CANTU’ REAGISCE MA NON BASTA, VENEZIA TORNA A VINCERE – Al rientro sul paquet, l’Acqua San Bernardo parte subito forte con cinque punti in fila di Woodard che portano De Raffale a chiamare minuto di sospensione. La bomba di Johnson vale il meno dieci, con De Nicolao che da due ridà ossigeno ai compagni. Cantù però continua a spingere e con l’ennesimo canestro di Woodard, è 38-47. Watt e De Nicolao tengono a distanza i brianzoli, ma Kennedy e Woodard vanno ancora a bersaglio scrivendo il 47-55 che tiene in scia la formazione di casa. Tonut dall’arco prova subito a indirizzare la partita, ma Kennedy non ci sta e trascina i suoi a un clamoroso meno cinque sul 55-60 che rianima anche i tifosi presenti al PalaDesio con De Raffaele obbligato al timeout. E’ una pausa che fa bene a Venezia perchè al rientro è nuovamente fuga, con le triple di De Nicolao e Daye che lanciano l’Umana sul 59-71. Thomas e Pecchia lanciano l’ennesimo tentativo di rientro (67-73 a 1’20”), ma è ormai tardi e il 2/2 di Tonut mette la parola fine. Venezia passa a Desio 67-75.

MVP BASKETINSIDE.COM: Watt
CANTU’-VENEZIA 67 75

Acqua S.Bernardo Cantù: Thomas 4, Kennedy 14, Woodard 14, Procida 1, Leunen 3, La Torre 4, Johnson 15, Bayehe, Baparapè, Pecchia 12. All. Pancotto.

Umana Reyer: Casarin 2, Bramos 11, Tonut 13, Daye 11, De Nicolao 14, Vidmar, Chappell 21, Mazzola, D’Ercole, Cerella, Fotu 4, Watt 15. All. De Raffaele.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy