Virtus brutta ma vincente contro una combattiva Pesaro

Virtus brutta ma vincente contro una combattiva Pesaro

Bologna gioca una partita opaca ma riesce ad avere la meglio di una VL dal grande cuore ma dalle idee poco chiare nei momenti decisivi.

di Matteo Capelli

Continua il momento positivo della Virtus Segafredo Bologna che batte la VL Pesaro con il punteggio di 78 a 70. Terza vittoria in altrettante uscite per la Virtus da quando sulla panchina bianconera siede Aleksandar Djordjevic. A dir la verità, la prestazione di Bologna è stata tra le peggiori della stagione complice (bugiardo l’88 a 58 nella valutazione delle due squadre) anche una Pesaro molto fisica, ma sprecona nel finale quando un grande nervosismo non le ha permesso di giocare la partita in reale equilibrio. La Virtus non è riuscita mai a trovare un gioco fluido in attacco ed una concentrazione spesso deficitaria si è tradotta in una serie incredibile di palle perse banali (17 alla fine). Bologna è stata salvata nel finale dal talento e dai tiri liberi di Aradori (19 pt, 5 rim con 3/3 da 3), mentre durante la partita positivo l’apporto di Taylor (10 pt e 3 ass) e Kravic (12 pt e 5 rim). In generale però le VNere sono state fortunate ad aver trovato di fronte una squadra che sta cambiando e non ha ancora quella solidità sufficiente a giocare alla pari in trasferta contro una squadra sulla carta superiore. Gli uomini di un fischiassimo Boniciolli hanno comunque venduto cara la pelle grazie anche al talento di Mc Cree (26 pt e 8 rim) e Lyons (13 pt e 4 palle recuperate, ma un sanguinoso tecnico nel finale) e possono guardare con fiducia alla salvezza.

Quintetti

Virtus Bologna: Taylor, Punter, Aradori, M’Baye, Moreira.

VL Pesaro: Artis, Lyons, Mc Cree, Zanotti, Mockevicius.

Davanti ai 5000 del Paladozza, Boniciolli sorprende tutti partendo con tre lunghi e Pesaro parte con un atteggiamento decisamente più aggressivo: Mc Cree e soci dominano dal punto di vista fisico e il vantaggio 5 a 7 (dopo 4’) va decisamente stretto agli ospiti per la differenza di intensità messa in campo dalle due squadre. Grazie ad un caparbio Moreira, la Virtus risale e, complice una serie di errori della VL, trova anche il primo allungo, firmato da Aradori e Chalmers che con il canestro sulla sirena permette ai bianconeri di chiudere il primo quarto davanti 22 a 14. Pesaro esce completamente dalla gara mentalmente, Kravic, Taylor e Aradori la puniscono senza pietà ed improvvisamente Bologna vola a + 18, doppiando gli avversari (36 a 18 al 14’). La Virtus regge in difesa ma gioca malissimo in attacco e gli ospiti ne approfittano con le triple di Artis e Lyons che riaprono la partita, nonostante il canestro sulla sirena di Aradori: Virtus davanti 45 a 37 all’intervallo. Al rientro, Bologna, nonostante troppe palle perse, prova a scavare nuovamente il solco: 4 triple equamente divise tra Aradori e M’Baye ridanno 16 punti di vantaggio ai bianconeri sul 57 a 41 del 25’. Complice un altro calo di concentrazione bolognese, Pesaro si riavvicina con le triple di Blackmon (59 a 47 al 28’), prima dei liberi di Chalmers e Moreira che fissano il punteggio sul 61 a 47 del 30’. In avvio di quarto periodo, la Virtus sembra in controllo, ma un improvviso break di Mc Cree (che adesso gioca stabilmente da numero 4) riapre la sfida: 65 a 56 a 7’ dalla fine. Un paio di canestri di talento di Punter e Aradori danno tranquillità ad una Virtus davvero opaca che permette a Pesaro di tornare a – 8, con un layup di Lyons, che poi, ingenuamente, esagera nell’esultanza e prende un tecnico che lo mette fuori partita. La VL continua a dominare dal punto di vista dell’intensità ma spreca troppe occasioni in attacco e con i tiri liberi la Virtus chiude la partita: finisce 78 a 70.

Virtus Segafredo Bologna – Victoria Libertas Pesaro 78 – 70 (22 – 14; 45 – 37; 61 – 37)

Virtus Bologna: Punter 7, Moreira 9, Pajola NE, Taylor 10, Baldi Rossi 2, Cappelletti NE, Kravic 12, Chalmers 5, Aradori 19, Berti NE, M’Baye 10, Cournooh 4. All. Djordjevic.

VL Pesaro: Blackmon 13, Mc Cree 26, Artis 7, Conti NE, Lyons 13, Giunta NE, Ancellotti, Morgillo NE, Monaldi, Shashkov, Zanotti, Mockevicius 11. All Boniciolli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy