Zanotti e Cain giganteggiano sotto i ferri; Pesaro annichilisce Trieste

Grande prova dei lunghi pesaresi che combinano 36 punti e 21 rimbalzi rispondendo con carattere alle triple di Doyle

di Alessandro Kokich

Nella dodicesima giornata di campionato, Trieste arriva a Pesaro per giocare la sua quinta partita in 2 settimane, tour de force forzato dalle numerose positività al Covid per la squadra di Dalmasson, mentre i marchigiani sono in un buon momento di forma dopo aver sconfitto a domicilio la squadra di Brindisi, perdendo però Massenat per infortunio, che non rivedrà il parquet per almeno 3 mesi. La squadra di coach Dalmasson è molto lunga e completa e si può permettere di lasciare Upson in tribuna per turnover mentre i giocatori di rotazione di Repesa sono principalmente 7. La partita vede entrambe le compagini concentrarsi maggiormente sull’efficienza offensiva, ragion per cui il punteggio nella prima metà di gara è molto alto. Nella seconda metà di gara si sblocca Zanotti che con 14 punti e tanta presenza sotto canestro risponde alle triple avversarie. Da segnalare gli ex della gara, cioè Filloy che ha giocato a Trieste nell’annata 2011-2012 così come Cavaliero che in quei mesi raggiungeva la semifinale Scudetto a Pesaro

Quintetti:

Pesaro: Robinson, Tambone, Drell, Filipovity, Cain

Trieste: Fernancez, Doyle, Alviti, Grazulis, Delia

1° QUARTO: La Carpegna Prosciutto parte efficacemente in attacco, ma con una difesa inesistente che regala ad Alviti due comodi appoggi al vetro; Graziulis regala il primo vantaggio agli ospiti ma Cain sigla la parità a quota 9 al 4’. Delfino si mette in proprio ma Fernandez è inarrestabile nei pick and roll e regala il 4° assist ai suoi compagni. Filipovity manda i suoi sul +5 con la seconda tripla di serata, il play titolare triestino si mette in proprio dalla lunga distanza, ma Robinson replica una tripla a fil di sirena come 8 giorni fa a Brindisi. Filloy replica per il +8, ma in chiusura di frazione Henry trova il canestro che sigla il 26-20 dopo i primi 10’.

2° QUARTO: Si sblocca Zanotti ma una nuova tripla di Doyle impedisce l’allungo pesarese; i locali fanno turnover togliendo dal campo i titolari e così Henry ne approfitta per tornare a contatto sul 30-28 al 13’. Come spesso accade in questi casi, a togliere le castagne dal fuoco è capitan Delfino, a cui seguono a ruota, sempre da dietro l’arco, Filloy e Zanotti che ampliano il distacco sul 39-29. Doyle prova a smuovere i suoi, Cain e Zanotti si fanno valere nel pitturato, ma Grazulis segna i 4 punti del 43-38 al 18’. Cain e Delìa si ribattono colpo su colpo ma il numero 35 triestino continua la rimonta, che arriva poi fino al 46-45 firmato da Fernandez a fil di sirena.

3° QUARTO: Filipovity supera la doppia cifra personale con la terza tripla ed il prof. Cain allunga per il +6 ma due grosse dimenticanze marchigiane lasciano a Grazulis e Delia le opportunità di tornare ad un possesso di distacco. Delfino ferma il parziale ma il tiro dall’arco di Henry vale il 53-52 dopo metà frazione. Robinson regala l’inchiodata a Zanotti ma Doyle continua ad essere libero a 7 metri dal canestro e continua a bersagliare il canestro pesarese. Filipovity segna il pareggio a quota 57 ma il canestro di Henry in step back dall’angolo, ispira Doyle che fa lo stesso poco dopo per il 59-62. Dopo una palla persa, Filloy si fa perdonare con la tripla del pareggio, a cui segue Zanotti a fil di sirena che sigla il nuovo vantaggio pesarese sul 65-62.

4° QUARTO: Zanotti e Filloy continuano il loro momento di forma, così come Henry che punisce nuovamente dai 6,75 per il -2; Da Ros firma il nuovo vantaggio ospite ma risponde nuovamente l’ala grande della squadra di Repesa. Doyle si allontana sempre più da canestro ma continua a non cambiare l’esito dei suoi tiri; Robinson trova la tripla del 77-73, Henry sbaglia una schiacciata e con 3 minuti sul cronometro è ancora il folletto pesarese a trovare il fondo della retina per il +6. I friulani sprecano tre possessi tra infrazione di passi e mano tremolante dalla lunetta, così Zanotti ne approfitta per riscrivere il proprio record personale lasciando poi a Delfino la possibilità di mettere i sigilli al match. Finisce quindi 84-74 con una VL che si prende la vittoria grazie ad un’importante prova a rimbalzo (41-21 il computo totale mentre se contiamo solo quelli offensivi notiamo un impetuoso 16-2 per la Carpegna Prosciutto)

MVP Basketinside: Simone Zanotti (21 punti, 6 rimbalzi)

 

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE: 84 : 74 (26-20, 20-25, 19-17, 19-18)

Pesaro: Drell, Filloy 11, Calbini, ne, Cain 15, Robinson 12, Tambone 2, Mujakovic ne, Basso ne, Serpilli ne, Filipovity 13, Zanotti 21, Delfino 10, All. Jasmin Repesa

Trento: Coronica ne, Fernandez 5, Laquintana, Delia 10, Udanoh 2, Henry 15, Cavaliero ne, Da Ros 4, Grazulis 8, Doyle 22, Alviti 8, All.Eugenio Dalmasson

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy