A2: torna Canova ma a Valmadrera la festa è tutta di Selargius

0

Nonostante il rientro di campo dell’ala forte Sara Canova, la Sea Logistic Valmadrera cade in casa con una diretta rivale, perdendo di dieci punti contro il Basket San Salvatore. Dopo uno sciagurato primo quarto concluso sotto di tredici, le padrone di casa sono tornate a farsi sentire grazie alle giocate della Bussona e di Scudiero, ma un’inarrestabile Yordanova regala alle squadra sarda un’importante vittoria in trasferta.

Per l’inizio del match coach Frigerio evita di mandare subito in campo il suo numero nove, e conferma il quintetto che settimana scorsa gli ha regalato la seconda vittoria di stagione: pertanto dentro Bussona-Capiaghi-Molteni sulla linea perimetrale, Gusmaroli e Scudiero dentro l’area. Dall’altro lato del campo gli ospiti rispondono con Yordanova, Lussu, Brunelli, Tinti e Visconti. I primi punti che interrompono lo stallo iniziale arrivano dopo 27 secondi, quando Visconti ruba palla, intercettando un passaggio mal riuscito di Capiaghi a Scudiero, e si invola indisturbata a canestro. E’ la stessa Scudiero che prova a rispondere poco dopo ma un mini break di 5-0 firmato dalla coppia di lunghi sarda Visconti-Yordanova crea lo strappo iniziale che viene interrotto dal timeout chiamato dall’allenatore di Valmadrera. Nel frattempo entra Canova per Gusmaroli, fino ad adesso sottotono avendo subito 2 stoppate ed essendo incappata più di una volta nell’effrazione di passi. Yordanova segna una tripla e allunga sul +9 Selargius, Canova fa 0/2 dalla lunetta e Visconti punisce ancora. Nei minuti finali, tre tiri liberi segnati da parte di Bussola sembrano poter ricucire lo strappo ma prima Yordanova e poi Tinti fissano il pariazle di 5-18 a favore degli ospiti.

La seconda frazione di gioco comincia laddove era finita la prima: 4 tiri liberi segnati da Bussola e Starlight sotto nuovamente di 9. Le padrone di casa alzano il ritmo, muovono bene la palla, e costringono San Salvatore a più di una palla persa; ma gli errori arrivano da ambo le parti e anche Valmadrera sbaglia spesso volendo giocare in transizione con la difesa schierata. Nonostante questo, l’intesa tra Molteni e Canova porta la loro squadra a ricucire lo strappo e dopo poco più di sette minuti siamo sul punteggio di 17-22 con l’ultimo canestro segnato da Morena Capiaghi, che conclude nel migliore dei modi un’ottima azione corale. Canova sale in cattedra e segna il -1, ma un gioco da tre punti e una bomba nel finale, il tutto ad opera di un’ottima Tinti, ricacciano indietro la compagine lecchese.

Al rientro dalla pausa lunga, Valmadrera ci prova subito con una palla rubata da Molteni, ma passano ventiquattro secondi prima che la sua squadra riesca a trovare la via del tiro. Brunelli si prende un tecnico per proteste e  Bussola dalla lunetta si dimostra ancora una volta impeccabile. Poco dopo Sara Canova ci mette ancora del suo, prima che anche la Gusmaroli si iscriva a referto con i suoi unici due punti della serata. Gli ospiti vanno in confusione e al quinto minuti di gioco, un tap-in di Scudiero quasi completa l’aggancio, con il tabellone che recita 27-28 a favore di Selargius. Da questo momento è blackout Valmadrera che si vede fischiati nel giro di meno di un minuto due falli tecnici per proteste, il primo dei quali molto dubbio. Grazie alla lunetta, Lussu e Visconti riallungano per le loro, ma la Scudiero è dura a morire e con un personale break di 5-0 tiene la partita a galla. Due punti a testa tra Tinti e Canova mandano le compagini al riposo corto sul risultato di 34-38.

L’ultimo quarto comincia con le due squadre che si affrontano a viso aperto, ma sono le sarde ad avere qualcosa in più, riuscendo a fuggire sopra di otto lunghezze grazie ai contributi di Lussu e Nordio. Scudiero da sola non può farcela e l’aiuto arriva dalle solite Bussola e Canova, le uniche veramente in partita per tutto il tempo trascorso fin’ora, con un 4-0 condiviso dalle due, ma due bombe pesantissime della Yordanova, e altri due liberi della Lussu, tolgono anche le ultime speranze. Nei minuti finali Canova fa di tutto per riacciuffare il risultato ma il quinto fallo della Scudiero e gli ennesimi due liberi segnati dalla Visconti chiudono il risultato sul 47-57 a favore degli ospiti.

IL TABELLINO:

Sea Logistic Valmadrera: Bussola 13, Capiaghi 2, Scudiero 13, Canova 13, Molteni 4, Pirovano, Guebre, Lacquanti, Gusmaroli 2, Corneo. Allenatore: Maurizio Frigerio

San Salvatore Selargius: Visconti 13, Brunelli, Nordio 2, Canalis, Angius, Yordanova 15, Lussu 15, Perseu 1, Palmas, Tinti 11. Allenatore: Fabrizio Staico.

Arbitri: Riccardo Pilati e Fabrizio Suriano di Torino. Parziali: 5-18; 19-27; 34-38.

 

Fotogallery a cura di Luca Polvara