Mariani guida Orvieto nella vittoria a Viterbo

0

Azzurra entra in campo con il quintetto che da tempo presenta al via con Mariani, Puliti, Filippetti, Tripalo e Reke che si oppongono alle viterbesi Yordanova, Richter, Serafini, Scimitani e Spirito.  Le padrone di casa sono le prime a segnare e non potevano che essere le … “ orvietane” Yordanova (8 punti al 4’ ) e Spirito. Bondi  sostituisce Reke con Tava mentre Viterbo non modifica il quintetto di esordio per poi far entrare Boi al posto di Scimitani.  Al 7’ 16 a 8, poi 16 a 10 con Mariani che impatta Yordanova. Il quarto termina 16 a 10 per Viterbo.

Azzurra inizia il secondo quarto con lo stesso quintetto con cui ha finito il primo quarto. Numerose le rotazioni in entrambi i quintetti. Viterbo fa scendere in campo Silvia Scoscia ed Orvieto Veronica Perini, che sarà importante. Si và in parità sul 16 pari, grazie a due punti proprio della nuova entrata. E’ Tava a portare Orvieto in vantaggio con cinque punti nel giro di pochi minuti, ma Viterbo non molla. Il primo tempo finisce 22 a 24 con le orvietane in vantaggio.

Nel secondo tempo  Azzurra si ripresenta in campo con Mariani, Puliti, Tripalo, Reke e Tava.  Con una tripla di Puliti, poi una di Mariani, poi una  di Reke ed infine una di Perini, in successione, Azzurra tenta la  fuga.  Il terzo quarto finisce 32 a 41.

Nell’ultimo quarto Azzurra entra con Mariani, Puliti, Filippetti, Tripalo e Reke. Vince Azzurra per 50 a 58 con una gara nella gara tra Roksana Yordanova e Francesca Mariani. Sedici punti per la bulgara, quindici per Francesca che onora alla grande con l’ennesima doppia cifra alla realizzazione la recente convocazione in Nazionale. La valutazione di Francesca sul sito della Lega Basket Femminile è stata di 12 rispetto alla valutazione di 10 di Roksana. Interessante le tre azzurre (Mariani, Reke e Perini) in doppia cifra come interessante che le migliori valutazioni sono state a carico di Filippetti e Tripalo. Non è stata utilizzata Angela Ratti reduce da un infortunio e probabilmente pronta per Ragusa.