A1 – Bologna, cuore e carattere. Ragusa costretta alla resa

Le straniere trascinano la Virtus Bologna alla rimonta, la formazione di Serventi centra il secondo successo consecutivo.

di La Redazione

Virtus Segafredo Bologna – Passalacqua Ragusa 63 – 60 (14-10, 30-34, 47-51, 63-60)

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: D’alie 2 (0/1 da 3), Begic* 11 (4/12, 1/2), Tassinari, Bishop* 28 (7/11, 3/6), Tava 3 (1/1 da 2), Roccato NE, Tartarini NE, Barberis*, Battisodo* 6 (0/4, 1/3), Cordisco NE, Williams* 13 (2/8, 1/4), Rosier
Allenatore: Serventi L.
Tiri da 2: 14/42 – Tiri da 3: 6/23 – Tiri Liberi: 17/20 – Rimbalzi: 45 16+29 (Begic 20) – Assist: 13 (Battisodo 5) – Palle Recuperate: 10 (Williams 4) – Palle Perse: 13 (Begic 3)
PASSALACQUA RAGUSA: Romeo* 7 (0/1, 2/8), Consolini* 13 (5/10, 1/3), Tagliamento 5 (1/1, 1/4), Olodo NE, Bucchieri NE, Tikvic* 11 (4/8 da 2), Trucco, Marshall* 4 (2/6, 0/1), Nicolodi 2 (1/2, 0/1), Santucci 10 (1/2, 1/2), Kuier* 8 (3/9, 0/1)
Allenatore: Recupido G.
Tiri da 2: 17/39 – Tiri da 3: 5/21 – Tiri Liberi: 11/19 – Rimbalzi: 43 12+31 (Nicolodi 7) – Assist: 10 (Romeo 2) – Palle Recuperate: 8 (Marshall 4) – Palle Perse: 14 (Tagliamento 4) – Cinque Falli: Marshall
Arbitri: Dionisi A., Pazzaglia J., Lanciotti V.

Esce sconfitta la Passalacqua Ragusa sul parquet della Virtus Segafredo Bologna nella gara valida come seconda giornata del campionato di Serie A1 femminile. Le biancoverdi hanno lottato per tutti i 40 minuti di gara, ma alla fine non sono riuscite a piazzare la zampata decisiva che invece ha trovato la squadra di casa, che si è aggiudicata l’incontro per 63-60. Ragusa era stata avanti anche di 7 lunghezze nell’ultima frazione e a un certo punto aveva anche dato l’impressione di potere controllare, ma è stata soprattutto la verve delle lunghe di coach Serventi a fare la differenza. Solita partenza diesel da parte di Consolini e compagne che ci mettono qualche minuto prima di carburare al meglio e prendere confidenza con i giochi sia offensivi che difensivi. Partita che si gioca interamente sul filo dell’equilibrio, con Begic, Bishop e Williams per Bologna a convogliare quasi tutte le azioni d’attacco, mentre gioca di squadra Ragusa che distribuisce palloni e punti. Nei secondi finali, sul +1, le padrone di casa trovano la tripla che spegne ogni speranza delle biancoverdi.

“Sul +7 abbiamo commesso l’errore di abbassare la tensione – commenta coach Gianni Recupido – ma anche sul +7 la qualità del gioco non era eccelsa. Non possiamo concedere 16 rimbalzi offensivi alle avversarie, è inaccettabile e inammissibile. Ci sarà anche un difetto strutturale che però o facciamo subito in fretta a rimediare o si fa fatica, e poi è la terza volta che all’inizio andiamo sotto nel punteggio. Anche questa cosa si deve necessariamente rivedere. La cosa positiva è che giochiamo di squadra e questa è una scelta precisa: prendiamo il tiro migliore e non il tiro con la migliore giocatrice. C’è da lavorare moltissimo su tante cose”.

Domenica alle ore 18,00, match casalingo con la Dinamo Sassari.

Michele Farinaccio, Ufficio stampa Passalacqua Ragusa

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

Tassinari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy