A1 – Bologna domina ma poi crolla, overtime vincente per Schio

Famila Wuber Schio – Virtus Segafredo Bologna 85 – 78 d1ts

di La Redazione

Famila Wuber Schio – Virtus Segafredo Bologna 85 – 78 d1ts (14-18, 33-41, 55-61, 73-73, 85-78)

FAMILA WUBER SCHIO: Cinili* 1 (0/1, 0/3), Gruda* 14 (4/9 da 2), De Pretto, Achonwa* 12 (5/14 da 2), Crippa 4 (2/2, 0/1), Andre’ 6 (2/3 da 2), Dotto NE, Trimboli 2 (1/1, 0/1), Harmon* 26 (7/12 da 2), Sottana* 20 (4/11, 4/8)
Allenatore: Vincent P.
Tiri da 2: 25/53 – Tiri da 3: 4/14 – Tiri Liberi: 23/26 – Rimbalzi: 52 11+41 (Gruda 14) – Assist: 22 (Achonwa 5) – Palle Recuperate: 7 (Achonwa 3) – Palle Perse: 12 (Sottana 3)
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: D’Alie 13 (3/5, 2/6), Begic* 15 (7/12, 0/2), Tassinari 2 (0/1 da 3), Bishop* 30 (5/10, 5/9), Tava, Tartarini NE, Barberis*, Battisodo* 9 (1/7, 2/5), Cordisco NE, Williams* 9 (3/9, 1/2), Rosier NE
Allenatore: Serventi L.
Tiri da 2: 19/44 – Tiri da 3: 10/26 – Tiri Liberi: 10/19 – Rimbalzi: 34 6+28 (Begic 10) – Assist: 16 (Battisodo 5) – Palle Recuperate: 8 (Battisodo 3) – Palle Perse: 9 (Bishop 4) – Cinque Falli: Battisodo
Arbitri: Bartoli E., Gagno G., Lanciotti V.

Pazza partita al PalaRomare per la sesta giornata di Serie A1 Techfind. Famila Wuber Schio e Virtus Segafredo Bologna autrici di uno spettacolo maestoso, ritmo infernale per quaranta minuti di gara ai quali vanno addizionati i cinque di overtime. Entrambe le formazioni che si presentavano alla palla due a punteggio pieno, la gara prometteva emozioni, premesse ampiamente mantenute, anzi, si è andati probabilmente oltre. Grande rammarico non aver potuto vivere e successiva mente celebrare la gara assieme al pubblico del PalaRomare, d’altro canto si fa di necessità virtù.

Una partita, una battaglia come detto intensissima, Bologna fa capire sin dalle prime battute che può giocarsela spalla a spalla senza problemi, Orange che devono rinunciare a Cloud e Keys, volenterose di riprendersi la vetta in coabitazione con Venezia.

Gara assolutamente godibile, dopo il 12-10 firmato Gruda, Bologna non lascerà più la vetta della gara se non nell’overtime. VuNere in palla per usare un eufemismo, fattore “B” senz’altro, prima lettera di Bologna ovviamente oltre che Begic, Battisodo, ma soprattuto Bishop. L’australiana monopolizza i primi tre quarti con 27 punti (chiuderà con 30) esplodendo una tripla dietro l’altra. Regge alternativamente l’urto la squadra di Vincent che vive una partita di rincorsa fatta di parziali e contro parziali.

Sottana e Harmon testa e cuore per le Orange, la numero 76 guida più volte l’avvio di rimonta, la 33 è inarrestabile sotto canestro, oltre che infallibile dalla lunetta. Bologna che si avvia all’ultimo minuto di gioco con 5 punti di vantaggio, Sottana non è d’accordo e piazza la tripla del meno 2 (71-73). Le Orange commettono fallo mandando D’Alie in lunetta, clamoroso a dir poco 0/2 della play che non chiude la gara, Famila letale, Achonwa non esita e bagna il proprio esordio con il canestro del pari.

Bologna utilizza perfettamente i cinque secondi rimanenti, Battisodo ha nelle mani la palla killer da appoggiare al tabellone che clamorosamente sputa la sfera rimandando tutto all’overtime. Dopo una girandola di emozioni infinita Schio riesce ad imporsi nel supplementare portando a casa la sesta vittoria in altrettante gare. Schio raggiunge Venezia in testa alla classifica e sabato prossimo al Taliercio ci sarà proprio il derby, in palio la vetta solitaria oltre che la rivincita della finale di “Famila Cup”

Uff.Stampa Famila Schio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy