A1 – Il Ds Marco Mezzadra e Broni si separano

Riceviamo e pubblichiamo le parole del Ds Marco Mezzadra in merito alla conclusione del rapporto con Broni.

di La Redazione

Riceviamo e pubblichiamo le parole del Ds Marco Mezzadra in merito alla conclusione del rapporto con Broni.

Con questa breve nota desidero comunicare di aver rassegnato, nella giornata di ieri, le mie dimissioni da Direttore Sportivo e da tutti gli incarichi accessori che ricoprivo, al Presidente della PFBroni93.

Intendo uscire di scena in punta di piedi, come in punta di piedi vi entrai nella grande stagione 2016 culminata con la promozione in A1, senza accendere alcuna polemica con nessun membro della società. Sono sempre stato un uomo “di campo” più interessato al “fare” che non all’apparire.

In questi anni ho operato nell’ottica di riuscire a mettere a disposizione dei vari staff tecnici una formazione competitiva, compatibilmente con le risorse a disposizione che, parallelamente, mi preoccupavo di reperire. Penso di essere sempre riuscito a dare a Broni squadre all’altezza della categoria senza mai chiudere la stagione con bilanci in passivo.

Nell’ultimo periodo però, alcune divergenze ed alcune ingerenze nel mio ambito di competenza, si sono fatte purtroppo insostenibili.

Nell’attuale campionato i risultati non sono paragonabili alla migliore stagione avuta, ovvero quella dello scorso anno, però è bene ricordare secondo me chi siamo, da dove arriviamo, e qual è la nostra dimensione economica ed organizzativa.

Del lavoro svolto in questi anni ricordo con orgoglio l’ aver portato la nostra nazionale a considerare Broni come un luogo familiare e pieno di entusiasmo dove, oltre a due collegiali ed un raduno giovanile, è stata disputata anche un’amichevole del percorso di avvicinamento al campionato europeo.

Desidero infine rivolgere un ringraziamento a tutte le persone che in questo periodo mi hanno aiutato quotidianamente, lavorando per rendere Broni un’importante realtà nel panorama del Basket femminile italiano. Oltre a loro un pensiero non può non andare anche alle numerose giocatrici che nel tempo mi hanno testimoniato la propria stima ed alle quali non mancherà mai il mio sostegno.

Marco Mezzadra

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy