A1 – Il Geas esce alla distanza e stende Torino

Il Geas batte Torino.

di La Redazione

Allianz Geas S.S.Giovanni – Iren Fixi Torino 84 – 68 (16-16, 41-34, 64-55, 84-68)

ALLIANZ GEAS S.S.GIOVANNI: Schieppati, Arturi* 10 (3/4 da 3), Loyd* 8 (2/5, 0/1), Verona 15 (3/4, 3/4), Williams* 10 (2/6, 0/4), Pellegrini, Panzera 7 (1/2, 1/3), Barberis 14 (4/5, 1/2), Nicolodi 7 (1/3, 1/1), Grassia, Ercoli* 10 (4/5 da 2), Brunner* 3 (0/3, 1/2)
Allenatore: Zanotti C.
Tiri da 2: 17/33 – Tiri da 3: 10/22 – Tiri Liberi: 20/21 – Rimbalzi: 38 7+31 (Loyd 6) – Assist: 23 (Loyd 4) – Palle Recuperate: 8 (Loyd 2) – Palle Perse: 17 (Loyd 3)
IREN FIXI TORINO: Jasnowska* 24 (4/5, 4/10), Togliani 4 (2/2 da 2), Milazzo* 3 (1/5, 0/2), Buffa NE, Botteghi 5 (1/1, 1/1), Cabrini, Trucco NE, Petrova* 10 (3/7, 1/1), Bosio NE, Lawrence* 2 (1/9, 0/5), Davis Reimer* 20 (8/16 da 2)
Allenatore: Riga M.
Tiri da 2: 20/45 – Tiri da 3: 6/20 – Tiri Liberi: 10/15 – Rimbalzi: 30 9+21 (Davis Reimer 11) – Assist: 10 (Lawrence 4) – Palle Recuperate: 8 (Lawrence 3) – Palle Perse: 13 (Milazzo 3)
Arbitri: Saraceni A., Nocera R., Bernardo L.

Con una prova di consistenza e di carattere, l’Allianz Geas passa contro Torino (priva di Trucco) con uno scarto finale di 16 lunghezze, dopo aver rincorso nel primo periodo e aver rischiato di subire il rientro delle piemontesi alla fine del terzo quarto. Sesto, ancora ottava a causa degli scontri diretti e della differenza canestri, sale a quota 14 punti, agganciando Lucca e Vigarano, con le quali nelle ultime tre giornate di campionato si giocherà un piazzamento di prestigio, a partire dal sesto posto. Torino rimane invece ultima con 4 punti. La chiave tecnica della partita è la superiorità Allianz in regia: Arturi e Verona non solo dominano il gioco, ma fatturano 25 punti in due e annichiliscono l’avversaria diretta Milazzo, miglior marcatrice italiana del campionato, tenuta a soli 3 punti. Questa superiorità ha consentito di assorbire la maggiore intraprendenza delle avversarie sotto canestro e la vena della tiratrice Jasnowska.

Nei primi minuti di gioco l’Allianz Geas paga una discreta dose di disattenzione difensiva e scende a -7 (il parziale di Torino è di 9-0 in 3’55’’), complice anche l’inefficienza nella fase offensiva. Le ragazze di coach Riga mostrano buoni colpi, soprattutto con la lunga Davis Reimer, giocatrice molto tecnica, a segno anche con un paio di bei canestri rovesciati. Le sestesi però si risvegliano e con le occasioni a gioco fermo di Brooque Williams e di Nicolodi e con due pesanti triple di capitan Arturi macinano un 12-5 in 3’25’’ che vale il pareggio sul finire del quarto. Dopo 20’’ dall’inizio della seconda frazione Arturi sgancia un’altra bomba: per lei 3/3 dai 6,75 in 1’50’’. Sempre la playmaker veterana, poco dopo, serve un bellissimo assist no-look a Barberis: è l’inizio della progressione con cui Sesto arriva a +7 con 3’50’’ da giocare: per le padrone di casa segnano con continuità Barberis, con rapide ed energiche penetrazioni e morbidi jumper, e Verona, sia da distanza ravvicinata sia dall’arco. L’attacco delle ospiti è sostenuto da Davis Reimer, assai efficiente nel pitturato, e da qualche realizzazione di Petrova e di Jasnowska. All’intervallo le geassine conducono di 7 punti.

Nella ripresa, in 1’30’’ l’Allianz (con una precisa Ercoli, con Loyd e con Williams) scava un 10-3 che vale il +14, ma la risposta di Torino non si fa attendere: con un 2/2, una tripla e un jumper di Jasnowska e un gioco da tre punti di Reimer le ragazze di coach Riga fanno un break di 10-0 in 2’15’’, fino al -4. Le rossonere però riescono a tenere e, spinte da due difficili tiri in sospensione di Verona e da un 2/2 ai liberi di Williams, tornano a +9 (6-1 in 45’’); le ospiti, ancora con Jasnowska e Davis Reimer, si rifanno sotto di nuovo fino al -4, ma negli ultimi 8’’ del terzo periodo le padrone di casa in un amen invertono l’inerzia della gara, soprattutto a livello psicologico: prima Verona, fresca di altri 4 punti in 30’’ derivati da due difficili tiri in sospensione sulla sirena dei 24’’, infila una bomba e poi Panzera, dopo aver rubato palla sulla rimessa, segna un appoggio sul fischio della sirena (+9 Allianz Geas). Nella prima metà dell’ultima frazione le ragazze di coach Zanotti producono un 9-2 in 3’45’’ (a segno Barberis a gioco fermo, dalla distanza e in contropiede, e Brunner dall’arco) che le porta sul +16. Per le rossonere scendono in campo negli ultimi minuti anche le giovani Marta Pellegrini e Martina Grassia. Con Togliani e Jasnowska le torinesi accorciano a -11, ma le realizzazioni di Panzera e Nicolodi spingono Sesto fino al massimo vantaggio di 18 lunghezze.

Le sestesi disputano una gara caratterizzata da qualche calo di tensione alternati a blitz rapidi e stordenti: in particolare, si dimostrano fondamentali le due playmaker Arturi, glaciale dall’arco nel ricoprire la distanza tra il primo e il secondo quarto, e Verona, che si esibisce con un ventaglio di efficaci e varie mosse nel momento critico della fine del terzo periodo. La capitana ha cominciato nel girone di ritorno un altro campionato: nelle ultime sette partite viaggia a 10 punti (e di valutazione) di media, tirando da due col 64.2%, da tre col 58.3 e ai liberi con l’83. Davvero pregevole l’intraprendenza della più giovane Verona con 15 punti in altrettanti minuti (3/4 da due e 3/4 da tre, 4 rimbalzi, 3 assist e 19 di valutazione): incursioni di grande personalità. Il top rossonero nella valutazione (20) è la miglior Barberis della stagione (4/5 da due, 3 rimbalzi, 3 assist), in 20’ di utilizzo, pieni di energia e voglia di puntare al ferro che galvanizzano le compagne. L’Allianz Geas trova il canestro con buonissime percentuali da tutte le zone del campo (52% da due, 45% da tre e 95% dalla lunetta), mentre Torino fatica maggiormente dalla lunga distanza (30%) e ai liberi (67%). L’Allianz Geas esprime a tratti un gioco molto fisico e riesce a mantenere il controllo dentro il pitturato (38 rimbalzi, con 7 offensivi, contro i 30 avversari), nonostante la continua pericolosità dell’imponente Davis Reimer. Nei momenti di grande lucidità Sesto mostra una veloce circolazione di palla, che frutta 23 assist di squadra (Torino 10).

Positiva anche Ercoli, (10 punti, con 4/5 da due), che alle dure lotte sotto canestro sa alternare qualche jumper dalla media, e Brooque Williams (10 punti, 4 rimbalzi e 4 assist). Bene anche Nicolodi, Panzera e Loyd, rispettivamente con 7, 7 e 8 punti.

Nel prossimo weekend Torino ospiterà Empoli per una sfida determinante per l’accesso ai playoff (ricordiamo che disputeranno la post-season tutte le squadre tranne l’undicesima, e ultima, classificata); Sesto invece riposerà. Nel fine settimana lungo dell’1-2-3 marzo l’Allianz sarà impegnata alle final eight di coppa Italia che si terranno al PalaLupe di San Martino di Lupari. La prima gara delle rossonere sarà venerdì 1° marzo alle ore 18.35 contro la Elcos Broni. La vincente tra le due affronterà in semifinale, sabato alle 20.15, chi avrà la meglio tra Venezia e San Martino. La finale andrà in onda domenica alle ore 18. Ecco i risultati degli altri incontri della diciottesima gara di campionato: Venezia – Battipaglia 83-46; Empoli – Ragusa 55-100; San Martino – Broni 64-46; Lucca – Schio 54-79.

COACH ZANOTTI – “All’inizio della gara siamo scese in campo deconcentrate. In questa partita, con il pronostico a nostro favore, saremmo dovute entrare con la testa giusta. Forse abbiamo approcciato l’incontro con un po’ di superficialità, soprattutto in difesa, e abbiamo subìto qualche loro decisione. Negli incredibili ultimi istanti del terzo quarto Verona ha messo due fantastici canestri allo scadere ed è stata brava anche Panzera sulla palla recuperata. Dobbiamo cercare di avere maggior continuità in fase offensiva, ma tutto parte dalla difesa: nel momento in cui abbiamo messo attenzione nella metà campo difensiva abbiamo preso il largo. Andremo a disputare la coppa Italia volentieri, anche se non per merito: giocheremo contro Broni e proveremo a fare il colpaccio”.

“Abbiamo sicuramente giocato con foga, anche se probabilmente con poca lucidità – dichiara Arnoldo Viberti, assistente di coach Riga sulla panchina di Torino –. Ci è mancata Trucco, giocatrice per noi importante, senza la quale risultiamo essere più piccoli. Il risultato finale ci può stare, ma ci dispiace non essere riusciti a sfruttare la situazione, che anche dal punto di vista del numero di falli di squadra ci era favorevole. Con uno sguardo positivo, anche se un po’ di rammarico rimane, possiamo vedere questa gara come un buon allenamento per la prossima partita contro Empoli: dobbiamo cercare di arrivare in decima posizione, in modo tale da disputare i playoff. È anche una questione di orgoglio: dopo tanti mesi di duro lavoro ci interessa molto poter fare un turno di playoff. Se riuscissimo a qualificarci giocheremmo contro Vigarano e questo ci smuoverebbe ancor più poiché è una squadra che abbiamo battuto nel girone di andata. Potrebbe esserci allora anche qualche chance, però tutto dipende dallo scontro contro Empoli: inoltre le toscane, che arrivano da una sconfitta ma che sono una matricola ben allestita, si presenteranno molto motivate”.

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy