A1 – Ragusa ritrova la vittoria, espugnata Battipaglia

A1 – Ragusa ritrova la vittoria, espugnata Battipaglia

O.ME.P.S. Givova Battipaglia – Passalacqua Ragusa 67 – 87

di La Redazione

O.ME.P.S. Givova Battipaglia – Passalacqua Ragusa 67 – 87 (11-27, 35-42, 47-68, 67-87)

O.ME.P.S. GIVOVA BATTIPAGLIA: Cremona 8 (4/4 da 2), Nori* 15 (7/11 da 2), Galbiati* 2 (1/1, 0/3), Tagliamento* 21 (3/5, 4/8), Montiani NE, Sasso, Scarpato, Gomez Fernandez 5 (1/2, 1/2), Mazza, Mattera NE, Houser* 10 (4/11, 0/2), Ciabattoni* 6 (2/4, 0/2)
Allenatore: Orlando A.
Tiri da 2: 22/38 – Tiri da 3: 5/18 – Tiri Liberi: 8/13 – Rimbalzi: 29 4+25 (Nori 8) – Assist: 22 (Houser 8) – Palle Recuperate: 6 (Houser 3) – Palle Perse: 17 (Houser 6)

PASSALACQUA RAGUSA: Romeo* 18 (1/3, 5/8), Consolini 11 (3/7, 1/4), Gatti 2 (1/1 da 2), Baglieri NE, Stroscio 3 (0/1, 1/3), Soli* 3 (0/1, 1/7), Nicolodi 5 (2/4 da 2), Walker* 25 (10/11, 1/3), Hamby* 18 (7/11, 1/3), Gatti* 2 (1/2 da 2)
Allenatore: Recupido G.
Tiri da 2: 25/41 – Tiri da 3: 10/28 – Tiri Liberi: 7/11 – Rimbalzi: 37 10+27 (Hamby 12) – Assist: 35 (Soli 10) – Palle Recuperate: 8 (Romeo 2) – Palle Perse: 11 (Hamby 3)
Arbitri: Ciaglia G., Lupelli L., Lanciotti V.

Allo Zauli, nell’incontro valevole per l’ottava giornata del campionato di Serie A1 Femminile, la O.ME.P.S. Givova Battipaglia, pur lottando, specie nel primo tempo, viene superata dalla Virtus Eirene Ragusa che si impone con il punteggo di 67-87.

La cronaca.

Il primo quarto è a dir poco terribile per Battipaglia, travolta fin dai primi istanti e per tutti e 10 i minuti da una Ragusa che, concentrata ed affamata, mette in campo tutte le sue qualità tecniche e la voglia di riscattare lo scivolone di domenica scorsa (la sconfitta interna inflittale da Vigarano). La O.ME.P.S. Givova Battipaglia, scesa in campo timida al limite dell’arrendevole, nel primo periodo quasi non scende in campo. Facile allora capire come mai le ospiti, dopo 2 minuti, siano già avanti 0-10. E la situazione va complicandosi sempre più per le bianco-arancio: Ragusa, infatti, domina nel pitturato (immarcabile la Hamby) e tira benissimo dalla distanza (splendido l’inizio di Romeo, 3 triple a segno per lei nella prima frazione). Al 10’, la partita di Battipaglia sembra già compromessa: -16, 11-27.

Il sembra si giustifica per quanto si vede nel secondo quarto, vale a dire una Battipaglia che, accantonate le proprie paure, gioca un secondo periodo fatto di coraggio e determinazione. Ragusa è sorpresa, quasi tramortita, dal clamoroso 13-0 di parziale grazie al quale le padrone di casa (trascinate da Tagliamento) rientrano prepotentemente in partita (24-27 al 14′). E Battipaglia non si ferma lì, arrivando, grazie ad una tripla di Tagliamento (eccellente il suo primo tempo, 19 punti), anche a -2 (27-29). A quel punto, però, c’è la veemente reazione di Ragusa che, in breve, si riporta sul +10 (27-37), prima della nuova mini-reazione della O.ME.P.S. Givova che, all’intervallo lungo, ha più che dimezzato il divario che la separava, a fine primo quarto, dalla Passalaqua (-7, 35-42).

I primi 4 minuti del terzo quarto sono all’insegna di un sostanziale equilibrio. Poi, d’improvviso, Ragusa accelera mentre, contemporaneamente, Battipaglia abbassa notevolmente il proprio ritmo perdendo anche lucidità. Ecco che, allora, le ospiti allungano notevolmente sospinte da una Hamby immarcabile. Al 26’, Ragusa è sul +19 (43-62). Il resto della frazione si può riassumere così: Ragusa domina, Hamby anche, Battipaglia non ne ha più. Al 30’, le aquile bianco-verdi hanno la vittoria in tasca (+21, 47-68).

Nell’ultimo quarto il match scivola via senza scossoni. Ragusa controlla la situazione senza problemi facendo valere centimetri, muscoli ed esperienza: Hamby e Walker dominano sotto canestro, Romeo inventa e Consolini rifinisce con classe ed eleganza. Battipaglia, dopo un primo tempo sostanzialmente positivo illuminato dal brillantissimo secondo quarto, oramai non ne ha più. I due punti vanno alla Passalacqua che archivia immediatamente il brusco stop della scorsa giornata di campionato riprendendo la propria corsa. Per la O.ME.P.S. Givova Battipaglia, ancora a secco di vittorie e mestamente ultima in classifica, la consolazione di aver vista la miglior prestazione stagionale di Tagliamento e Nori e di non aver sfigurato al cospetto di tre top-team come le siciliane, Schio e Venezia. Ma, al contempo, anche la consapevolezza che, da domenica prossima, bisognerà cambiare marcia: classifica alla mano, a partire dal match di Palermo, non sarà più consentito sbagliare.

Ufficio Stampa Polisportiva Battipagliese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy