A1 – Riscatto Fila, San Martino espugna Brescia

0

RMB Brixia Basket – Fila San Martino di Lupari 64 – 81 (16-22, 29-34, 50-58, 64-81)

RMB BRIXIA BASKET: Johnson* 12 (1/6, 3/9), Tomasoni, Zanardi 12 (2/7 da 3), Molnar* 20 (9/14, 0/4), De Cristofaro* 10 (1/2, 2/5), Tempia, Pinardi, Scalvini 2 (1/1, 0/1), Rainis* 2 (1/1, 0/1), Valli, Morra, Miller Mccray* 6 (3/4 da 2)
Allenatore: Zanardi S.
Tiri da 2: 16/32 – Tiri da 3: 7/31 – Tiri Liberi: 11/16 – Rimbalzi: 31 9+22 (Johnson 5) – Assist: 16 (Rainis 4) – Palle Recuperate: 7 (Rainis 3) – Palle Perse: 17 (Molnar 3)
FILA SAN MARTINO DI LUPARI: Washington* 10 (4/9, 0/1), Guarise NE, Verona 2 (1/2 da 2), Milazzo* 26 (3/5, 6/9), Ianezic, Pastrello* 14 (3/3, 2/3), Frigo NE, Russo 3 (0/2, 1/4), Kaczmarczyk* 9 (3/7, 1/3), Arado 1 (0/0, 0/0), Diakhoumpa NE, Dedic* 16 (4/9, 1/2)
Allenatore: Serventi L.
Tiri da 2: 18/39 – Tiri da 3: 11/25 – Tiri Liberi: 12/17 – Rimbalzi: 48 15+33 (Dedic 8) – Assist: 15 (Milazzo 5) – Palle Recuperate: 7 (Washington 4) – Palle Perse: 19 (Washington 5)
Arbitri: Costa A., Bettini C., Marconi A.

Al PalaLeonessa di Brescia il Fila conquista la sua terza vittoria esterna consecutiva, dopo quelle di Lucca e Ragusa. Era una gara importante per le ragazze di Serventi, che arrivavano dal brutto stop interno con Crema. La reazione è stata quella auspicata: San Martino è tornata a girare in attacco (11 triple a bersaglio, superata quota 80 punti per la terza volta in stagione) e si è portata a casa una sfida tirata ma sempre condotta, con il break giusto arrivato all’inizio della quarta frazione.

1° QUARTO. L’unico vantaggio delle padrone di casa arriva nelle primissime battute, sul 4-3. All’inizio le marcature stentano a decollare, e dopo quasi 5′ il punteggio è ancora incollato sul 6-6. Sono le Lupe a sbloccarsi per prime, con un break di 9-1 ispirato in particolare da Washington. La tripla di Milazzo consente di toccare anche il +10 all’8′ (9-19), ma la chiusura di frazione è favorevole alle padrone di casa, che proprio sulla sirena realizzano il 16-22 con Rainis.

2° QUARTO. In avvio di seconda frazione Milazzo è una furia: è tutto suo, con un 2/2 da due e un 2/2 da tre, il break di 10-2 che in appena 3′ fa volare le giallonere sul 18-32. La partita però vive di strappi, e la seconda parte del quarto vede un nuovo rientro delle lombarde. Anche perché San Martino sembra perdere il bandolo della matassa in attacco, dove realizza solamente altri 2 punti dalla lunetta. Le padrone di casa allora si riavvicinano: un 8-0 negli ultimi 5′ fa sì che si vada all’intervallo lungo sul 29-34.

3° QUARTO. Al rientro dagli spogliatoi, con Molnar (career high in A1 da 20 punti) e i primi punti di Johnson, Brixia ritrova anche il -2 sul 34-36. Risponde una precisissima Pastrello in collaborazione con Dedic, e al 24′ Kaczmarczyk riporta il vantaggio in doppia cifra (36-47). Guai però a pensare che le padrone di casa mollino: anzi, pochi minuti dopo con Johnson sono di nuovo a un solo possesso di distanza, sul 48-51. A questo punto arriva la tripla importante di Pastrello, poi imitata sulla sirena da Milazzo, che fissa il 50-58 del 30′.

4° QUARTO. È il momento di allungare definitivamente le mani sulla partita, per il Fila. Verona e Pastrello fanno iniziare il quarto periodo con un 7-0 che in appena 2′ regala il +15 (50-65), e stavolta a Brescia non viene lasciato margine per reagire, perché le bombe in sequenza di Dedic e Russo, unite al jumper di Kaczmarczyk, fanno scollinare il vantaggio oltre le 20 lunghezze: 52-73 al 35′. La gara è finalmente in discesa per le Lupe, e nel finale il punto esclamativo lo mette ancora una grande Milazzo da 26 punti (6/9 da tre), 6 rimbalzi e 5 assist. Finisce 64-81, ed è un risultato che permette a San Martino di presentarsi alla sosta in settima piazza solitaria, con 10 punti.

Lupebasket.it