A1 – Tagliamento trascina Ragusa, espugnata Broni

PF Broni 93 – Passalacqua Ragusa 61 – 75

di La Redazione

PF Broni 93 – Passalacqua Ragusa 61 – 75 (22-15, 33-37, 45-53, 61-75)

PF BRONI 93: Orazzo* 24 (6/10, 4/6), Togliani 12 (3/10, 2/5), Ianezic, Rulli* 5 (1/7, 1/3), Castello, Carbonella NE, Roma, Parmesani* 2 (1/2, 0/2), Madera* 16 (2/2, 4/5), Soli* 2 (1/3, 0/3), Lavezzi NE, Capra NE
Allenatore: Fontana A.
Tiri da 2: 14/35 – Tiri da 3: 11/26 – Tiri Liberi: 0/0 – Rimbalzi: 24 4+20 (Orazzo 6) – Assist: 14 (Soli 6) – Palle Recuperate: 7 (Rulli 3) – Palle Perse: 16 (Parmesani 4)
PASSALACQUA RAGUSA: Romeo* 8 (3/4, 0/3), Tagliamento 20 (5/8, 3/6), Bucchieri, Tikvic* 14 (7/10 da 2), Trucco, Marshall* 9 (2/4, 1/5), Nicolodi NE, Santucci* 10 (1/4, 2/4), Kuier* 14 (3/7, 1/3)
Allenatore: Recupido G.
Tiri da 2: 21/38 – Tiri da 3: 7/21 – Tiri Liberi: 12/13 – Rimbalzi: 41 10+31 (Tikvic 11) – Assist: 18 (Marshall 8) – Palle Recuperate: 7 (Santucci 2) – Palle Perse: 19 (Kuier 4)
Arbitri: Puccini P., Chersicla A., Di Marco R.

Torna al successo la Passalacqua Ragusa e lo fa con una prova caparbia e di grande voglia e volontà sul parquet di Broni, nonostante le assenze che hanno limitato le rotazioni di coach Gianni Recupido. Con Chiara Consolini che, com’è noto, non è partita per la doppia trasferta di Venezia e Broni (già oggi si è allenata), anche Giuditta Nicolodi è stata infatti costretta a dare forfait dopo la botta rimediata proprio in quel di Venezia. La visita nella città lombarda ha evidenziato uno strappo muscolare e dunque la lunga biancoverde starà ferma per qualche giorno. Ragusa parte contratta e subisce soprattutto in difesa le sfuriate iniziali della squadra di casa che nei primi 10 minuti segna 22 punti contro i 15 della formazione iblea. Poi Tagliamento e socie aumentano la pressione difensiva e aggiustano la mira in attacco (proprio la giocatrice brindisina è autrice di 20 punti con 3/6 dall’arco) e la partita si mette sui binari voluti dallo staff ragusano. 33-37 all’intervallo lungo; 45-63 alla penultima sirena. Nell’ultima frazione Ragusa va in controllo e si aggiudica il match con il punteggio di 61-75. “Sapevamo che l’impatto sarebbe stato difficile e così è stato perché venivamo da una brutta prestazione a Venezia quindi la fiducia era un po’ bassa – commenta coach Gianni Recupido – ma è stata partita vinta di cuore grinta e sacrificio, non di basket perché siamo ancora lontani anni luce. Purtroppo gli incontri sono molto ravvicinati e c’è anche il pericolo infortuni come infatti è successo a Nicolodi. Ad ogni modo complimenti alle ragazze che ci hanno messo tutto quello che era necessario. Rientreremo a Ragusa e continuiamo il nostro tour de force, consapevoli del fatto che presto potremo riavere Consolini, Nicolodi, Kacerik e che Harrison tra poco sarà in grado di giocare”.

Domenica 6 dicembre, alle ore 16,00 al Palaminardi di Ragusa incontro casalingo con Costa Masnaga, quindi il mercoledì successivo, 9 dicembre alle ore 17,00 si recupererà il match con Vigarano.

Michele Farinaccio, Ufficio stampa Passalacqua Ragusa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy