A1 – Torino con orgoglio e carattere, Costa Masnaga rimane ultima

A1 – Torino con orgoglio e carattere, Costa Masnaga rimane ultima

La vittoria del cuore, della determinazione, della passione, dell’ambizione, questo è quanto l’Iren Fixi Torino s’è guadagnata sul campo del PalaRuffini al cospetto della Limonta Sport Costa Masnaga.

di La Redazione

La vittoria del cuore, della determinazione, della passione, dell’ambizione, questo è quanto l’Iren Fixi Torino s’è guadagnata sul campo del PalaRuffini al cospetto della Limonta Sport Costa Masnaga. La squadra di coach Riga ha ribaltato uno svantaggio significativo subito nella prima metà di gara e stavolta compie una rimonta epica, superando l’assenza di una pivot titolare, annullando il miss match che era a favore delle ospiti.

È un rimo quarto dalle due facce con l’Iren Fixi che parte alla grandissima con un parziale di 8-0 sul quale coach Seletti è costretto a chiamare timeout. La strigliata porta i frutti sperati, e dopo aver subito un 10-0, la Limonta sport ribalta la situazione e chiude il primo quarto in vantaggio per 15-18, a spiccare sono Kinard, Brcaninovic, Barberis e Salvini per Torino, Davis e Pavel per le ospiti.

La Limonta Sport impatta bene anche nel secondo quarto, sfruttando al meglio i centimetri a disposizione nonché ancora le giocate di Davis e Pavel, l’Iren Fixi è sfortunata al tiro ed all’intervallo chiude sul 27-35.

È una Iren Fixi con tutt’altro piglio quella che rientra in campo dopo la sosta lunga. Milazzo e Salvini si spingono oltre ogni limite e riducono il gap trovando il -2 al 26′. Costa Masnaga prova a spostare il gioco sotto le plance per usufruire del miss match a proprio vantaggio e con questa scelta prova a tenere le pantere a distanza. Al 30′ il punteggio è 43-50.

Torino tocca il -3 con Milazzo e Petrova, Pavel cerca di ostacolarle. Capitan Milazzo sale in cattedra, la aiutano Barberis e Brcaninovic, così si gioca punto a punto e le padrone di casa trovano il +1 a 5′ dalla fine, così Seletti chiama sospensione (53-52). Il match è sempre più inadatto ai deboli di cuore, l’Iren Fixi Torino incrementa il vantaggio sospinta dal calore del pubblico amico. Barberis si carica di responsabilità e trova un +7 pesante che complica la vita alle ospiti, Brcaninovic rincara la dose e con 1′ 36″ da giocare le sabaude conducono per 66-58. La strada è sempre più in discesa, ripagando le fatiche e le rotazioni ridotte delle biancostellate. A 10″ le pantere sono avanti di 5 punti. Costa Masnaga ricorre al fallo sistematico ma è tardi, tanto sudore, passione, cuore e determinazione ripagano la prima squadra di Torino che mette in cascina i primi due punti stagionali, decisamente con merito. Alla quarta sirena il tabellone recita 69-62.

Iren Fixi Torino – Limonta Sport Costa Masnaga 69-62 (15-18, 27-35, 43-50)

Iren Fixi Torino: Brcaninovic 13, Togliani, Milazzo 22, Buffa ne, Del Pero 5, Petrova 1, Grattapaglia ne, Barberis 10, Salvini 7, Kinard 11. All. Riga

Limonta Sport Costa Masnaga: Colognesi ne, Allevi C. 2, Villa 4, Rulli 4, Balossi ne, Baldelli, Spinelli 3, Frost 7, Allievi V., Pavel 24, Davis 18. All. Seletti

Uff.Stampa Iren Fixi Torino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy