A1 – Un buzzer beater di Halman salva una brutta Lucca

0

Lucca e San Martino Lupari arrivavano alla quinta giornata di ritorno della regular season con risultati diversi, ma con comuni sensazioni positive: mentre le padrone di casa erano reduci dalla sconfitta a testa alta in casa della capolista Schio, dove per tre quarti di gara avevano giocato alla pari con le campionesse di Italia, le ospiti scendevano a Lucca forti del bel successo con Priolo di domenica scorsa.

Nonostante gli sfavori del pronostico le Lupe hanno condotto per tutto il match, arrendendosi solo all’ultimo possesso ad un tiro a fil di sirena di Naomi Halman, il tutto grazie ad una giornata decisamente no della formazione lucchese, apparsa per tutto l’incontro poco grintosa e concentrata, fin troppo morbida in difesa ed imprecisa nella costruzione di gioco.

Coach Diamanti si affida alla palla a due a Dotto, Mahoney, Bagnara, Jones ed Halman; le ospiti scendono in campo con Correal, Pegoraro, Stoppa, Sandri e Rasheed.

La prima frazione di gara è all’insegna dell’equilibrio, con percentuali al tiro basse e difese che hanno la meglio sugli attacchi: Halman parte bene con quattro punti di fila, a cui rispondono la ex Sandri e Rasheed; la tripla di Stoppa a metà tempo segna il primo vantaggio esterno, per arrivare al 10-13 di fine periodo.

Il secondo quarto continua sulla trama del primo: Correal trova la tripla del +5, Gianolla mette a segno quattro punti ed insieme a Jones prova a tenere in scia le compagne, ma le bombe di Sandri e Bailey portano il vantaggio delle Lupe (che tireranno 6 su 13 dal perimetro contro l’ 1 su 12 di Lucca) al suo massimo, +9; Mahoney e Jones tentano di ricucire sfruttando l’unico punto forte di giornata, vale a dire una netta superiorità al rimbalzo, per arrivare al 25-31 del riposo.

Chi sperava in una reazione veemente ad inizio ripresa delle padrone di casa rimane deluso: Lucca spreca numerosi possessi in modo banale e mancando tiri anche semplici, così nei primi due minuti il risultato rimane bloccato, e ad un contropiede di Halman risponde un tripla di Rasheed.

La Fila si limita all’essenziale, e per rimanere al comando basta una difesa attenta e grintosa e una buona circolazione di palla in attacco; la formazione di Coach Abignente tuttavia commette il peccato di spendere il bonus falli già a metà quarto, e con un parziale di 8-2 Lucca riporta il punteggio in parità (37-37). Le ospiti sono sorprendentemente più cattive e concentrate delle avversarie, e chiudono il terzo periodo con un 7-2 che conduce al 39-44 con cui si arriva alla sirena.

Nell’ultimo quarto l’attacco lucchese gioca per la prima volta con un po’ di lucidità, e pur trovando con difficoltà la via del canestro con tiri dal campo costringe le ospiti a numerosi falli; quattro punti di fila dalla lunetta di Mahoney (il suo 12/13 al tiro libero risulterà decisivo) riportano Le Mura a ridosso della Fila, ed un canestro di Halman regala alle biancorosse, a 6’35” dalla fine, il primo sospirato vantaggio (47-46).

San Martino Lupari tuttavia non ci sta, e come già accaduto nel match mette a referto sei punti di fila con Correal e Bailey per arrivare al 47-52; Lucca ha il merito di non mollare e con due tiri dalla lunetta di Dotto, Jones ed altri due tiri liberi di Mahoney scava un parziale di 8-0 (55-52).

Le ospiti sono ancora vive, e con Rasheed si portano nuovamente in vantaggio per il 55-56 con cui si entra nell’ultimo giro di lancette; si segna solo dalla lunetta da ambo le parti, con Mahoney (4 punti) contro Rasheed, che a 13” dalla fine ha la mano ferma e fa 2/2 per il momentaneo 58-58. L’ultimo possesso è di Lucca, che con Halman non fallisce e in una concitata azione sotto canestro firma il definitivo 60-58.

Per il quintetto di casa dunque un passo indietro dopo la buona gara di Schio, apparso fuori giri per gran parte del match sia in attacco che in difesa e malamente impreciso al tiro nelle sue giocatrici chiave; uniche note positive di contro, oltre ai due punti, la già citata superiorità sotto le plance e la tenuta psicologica nei minuti finali che ha consentito di portare a casa una partita in cui il gioco aveva latitato.

San Martino Lupari, dal canto suo, deve masticare amaro per non essere riuscita a portare a casa una partita che non avrebbe demeritato di vincere per quanto fatto vedere sul parquet ed in cui è stata in vantaggio per sostanzialmente tutto il tempo; fatale, per le Lupe, la gestione dei falli nel momento chiave dell’incontro e probabilmente la scarsa esperienza a giocare partite di questo tipo.

Gesam Gas Le Mura-Fila San Martino di Lupari: 60-58 (10-13, 25-31, 39-44)

Gesam Gas Lucca: Mahoney 20, Dotto 8, Giorgi 2, Mei ne, Bagnara 5, Crippa, Gianolla 4, Bona 1, Benicchi ne, Jones 10, Halman 10. All Diamanti

San Martino Lupari: Ravelli ne, Correal 12, Pegoraro 2, Granzotto, Stoppa 6, Sandri 9, Bailey 11, Rasheed 11, Bestagno 4, Sbrissa 3. All. Abignente.

Arbitri: Terranova Francesco (FE) Stoppa Vito Modesto (BA) Colazzo Elena (MI)

Note: Sandri uscita per 5 falli al minuto 39.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here