A1 – Una Scotti comunque da applausi cede il passo a Ragusa

A1 – Una Scotti comunque da applausi cede il passo a Ragusa

Empoli dura tre quarti, poi le siciliane mettono il turbo.

di La Redazione

USE SCOTTI ROSA – PASSALACQUA RAGUSA 61-82 (17-14, 40-33, 55-58)

USE SCOTTI ROSA
Stepanova 12, Morris 15, trimboli 4, Ramò 12, mathias 14, Ruffini, Madonna ne, Francalanci, Malquori, Narviciute 1, Caparrini, Bastianoni 3. All. Cioni (ass. Cesaro/Ferradini/Giusti)

PASSALACQUA RAGUSA
Romeo 13, Consolini 10, Walker 9, Hamby 22, Gatti V., Tagliamento 12, Gatti L. 2, Stroscio, Soli 5, Nicolodi 9. All. Recupido (Ass. Gianolla/Gebbia)

Arbitri: Ursi di Livorno, Maschietto di Treviso, Culmone di Bologna

Vince la più forte, la Passalacqua Ragusa, ma fra la palla a due e il finale secondo pronostico c’è tanta Use Scotti Rosa. La squadra di Alessio Cioni ci mette infatti un gran cuore fino a che ha ossigeno salvo poi, da metà partita in poi, arrendersi lentamente ad avversarie che, tutto sommato, non danno neppure l’impressione di forzare più di tanto il ritmo per arrivare al 61-82 che consente loro di restare al comando della classifica. Senza Madonna e senza Manetti, coach Cioni si affida a cambi veloci e continui per sopperire alle rotazioni limitate e per tenere alto il ritmo ed alla fine, magari, l’unica cosa che dispiace non è tanto il risultato quanto il divario che non rende merito alla Scotti. Ma, ormai si sa, non è in queste partite che la squadra deve cercare la salvezza e quindi testa alta e avanti anche perchè, a dispetto di tutto, l’Use Rosa ha dimostrato di avere le carte in regola per lottare in ogni partita.
Parte forte la Scotti con la tripla di Ramò e resta avanti fino alla terza frazione. Mathias, Morris e Stepanova sono in serata al tiro ed i canestri arrivano con fluidità anche perchè Ragusa si adegua al ritmo delle biancorosse. Al primo riposo siamo 17-14 e a coach Cioni suona anche il campanello d’allarme dei falli di Narviciute, due in pochi minuti. La sedicenne Ruffini tiene bene il campo e Ramò firma il 30-21. A 2 minuti dall’intervallo siamo più 9 (40-31 a firma Morris) e Hamby da sotto manda le squadre nello spogliatoio sul 40-33. Al ritorno in campo è un’altra partita (21-49 il parziale dei secondi due tempini) anche se la Scotti ha ancora la forza di rintuzzare il meno 3 di Hamby con un 4-0 a firma Morris-Stepanova. Il secondo colpo è la tripla del 46-45 di Tagliamento ed ancora Morris ribatte (49-45) ma ormai si ha la sensazione che il sorpasso sia vicino, cosa che accade puntualmente prima con Walker (49-50) e subito dopo con due triple di Romeo: 53-58. A cavallo fra la fine della terza frazione (55-58) e l’inizio dell’ultima Consolini e Tagliamento mettono due triple che fanno scappare Ragusa. In pochi minuti con Nicolodi, Hamby e ancora Consolini si arriva al 58-72 ed a quel punto la reazione della Scotti è solo di nervi. Persa anche Narviciute per cinque falli, coach Cioni da spazio alle giovani della panchina e nel finale la gara diventa quasi una sfida Under 18 con Bastianoni che si toglie pure lo sfizio di segnare 3 punti. Ragusa vince 61-82 e domenica la Scotti chiude il suo 2019 con lo scontro salvezza sul campo di Palermo.

Le statistiche della gara:
https://www.fibalivestats.com/u/LEGBF/1339187/bs.html

Ufficio Stampa Use/Use Rosa
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy