A1 – Venezia implacabile, ma Lucca esce a testa alta

A1 – Venezia implacabile, ma Lucca esce a testa alta

Reyer in grande spolvero dalla lunga distanza e Gesam viene ricacciata indietro dopo essere tornata a meno due. Carangelo protagonista.. Le toscane lasciano il campo fra gli applausi

di Fabrizio Tonelli

Venezia vince da squadra che sa quello che fa, accelera nel momento chiave del match dopo che Lucca a una manciata di secondi dalla fine del terzo quarto è tornata a -2 con un canestro di Orsili. Dal 59-61 che poteva prospettare un’ultima frazione di grande intensità si passa però in un baleno al 59-64 per la quarta tripla (nel terzo tempino) di una indemoniata Carangelo. Poi in apertura di quarto quarto è un fuoco di fila, Penna, Steinberga, ancora Penna dalla lunga distanza e quindi la solita Carangelo scavano il solco. Sul 63-80 la reazione d’orgoglio di un ammirevole Le Mura è affidata a Jeffery, che mette 7 punti di fila, ma ovviamente la gara è ben salda nelle mani della Reyer,

Poco da dire. Di fronte due squadre dai roster diametralmente diversi e lo si è visto. Tante prime donne nella formazione veneta, tante giocatrici in grado di segnare, di trovare con continuità la via del canestro in una squadra costruita per essere competitiva in Europa e per vincere finalmente in Italia. Dall’altra parte una pattuglia che ha affrontato il match con intensità, con grinta, con carattere. 11-6 dopo una tripla di Zempare in avvio, quando la fiammata biancorossa sembrava poter mettere in difficoltà la Reyer. Che però ovviamente non ha mollato e si è affidata alla coppia Petronyte (calata dopo il primo quarto) e Steinberga per rimettere le cose a posto.

Lucca non è riuscita in difesa ad arginare il talento offensivo delle venete ma ha avuto il grande merito di non mollare mai, anche quando all’inizio del secondo quarto il vantaggio ospite è arrivato una prima volta in doppia cifra. Zempare ispirata, Jeffery sempre nel vivo del gioco hanno guidato la squadra tenendo botta e restando incollate alla Reyer. Che quando ha avuto bisogno delle sue bocche da fuoco (12/22 da 3) ha però trovato puntuali risposte.

Insomma Venezia protagonista e meritata vincitrice ma Lucca conferma la sua indole e non esce certo ridimensionata da questa sfida. Anzi riscuote gli applausi convinti dei suoi tifosi. Gli obiettivi sono diversi, dietro Reyer, Schio e Ragusa ci sta bene anche Le Mura. Dovrà confermarlo nel prosieguo della stagione.

Gesam Gas Le Mura – Reyer Venezia 72-88 (25-31, 40-44, 59-64)

LUCCA: Jeffery 22, Azzi, Jacubkova 2, Cibeca ne, Bonasia 8, Orsili 10, Ravelli 5, Vitari ne, Farnesi ne, Zempare 20, Madera, Smorto 28. Coach Iurlaro.

VENEZIA: Anderson 4, Bestagno 7, Carangelo 21, Gorini 2, De Pretto 13, Steinberga 18, Petronyte 13, Pastore ne, Penna 8, Macchi 2. Coach Ticchi.

ARBITRI: Terranova, Bandinelli e Pallaoro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy