A2 – Ad Alpo basta un tempo per battere il Fanola

A2 – Ad Alpo basta un tempo per battere il Fanola

Le ragazze di coach Soave vincono la sfida tutta veneta contro le padovane.

di La Redazione

Ecodent Point Alpo – Lupe San Martino di Lupari 68 – 47 (22-14, 46-20, 60-34, 68-47)

Si ferma a tre successi consecutivi la striscia vincente del Fanola, che cade a Villafranca contro un’Alpo decisamente più in serata. Le veronesi, che lo scorso anno sono andate a un passo dalla promozione in A1, con questi due punti si guadagnano la matematica qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia. Dall’altra parte le giallonere, ancora prive dell’infortunata Pasa, hanno pagato un lungo blackout fra primo e secondo quarto, e si sono dovute arrendere alle forti avversarie.

Eppure le ospiti partono bene, con le triple di Amabiglia e Rosignoli sui primi due possessi, e in un avvio frizzante salgono già sul 4-8 dopo 2′. La risposta dell’Alpo è prontissima con un 5-0 propiziato dall’ex giallonera Granzotto, ma altrettanto lo è quella del Fanola, che con Giordano e Toffolo si porta sul 9-12 quando sono passati meno di 4′. Il timeout veronese ha tuttavia l’effetto di registrare le difese e spezzare il ritmo agli attacchi: soprattutto quello ospite, che rimane a secco nei successivi 6′. È Toffolo a fil di sirena a interrompere la siccità, ma intanto approfittando anche dei viaggi in lunetta l’Alpo si è portata sul 22-14 del 10′.

La situazione non cambia nel secondo periodo: il Fanola non segna proprio più, e così Mosetti e Policari sono brave a ispirare un altro 12-0 con cui Villafranca tocca addirittura il +20 (34-14 al 16′). Dopo altri 6′ di digiuno arriva finalmente il primo canestro giallonero del secondo periodo con Nezaj, imitata poco dopo da Benato. Ma la frazione è tutta di marca veronese, e a fil di sirena Dzinic segna il canestro che chiude il parziale dei secondi 10′ sul 26-6, per il netto 46-20 dell’intervallo lungo.

Con un divario così ampio, nel secondo tempo le padrone di casa devono di fatto solo controllare le velleità del Fanola, che pure ci prova con impegno a riprendere il ritmo. La terza frazione si conclude con un parziale di parità (14-14), mentre la quarta vede le ospiti ridurre parzialmente lo scarto con un 13-8.

Finisce 68-47, per le Lupe un passo indietro rispetto alle ultime uscite, ma anche una sconfitta per cui non fare drammi sul campo di una delle favorite del campionato. Ora ci sarà poco tempo per rilassarsi durante le feste, alla prossima sfida è in programma già domenica 29 dicembre sul campo di Vicenza, e in palio ci saranno importanti punti salvezza.

ECODENT POINT ALPO: Policari* 10 (4/7, 0/4), Vespignani* 10 (2/2, 1/3), Dell’Olio V. NE, Reani* 6 (2/4, 0/2), De Marchi 2 (1/3, 0/1), Granzotto* 7 (2/4, 1/4), Dzinic* 13 (5/9 da 2), Bertoldi 7 (2/2, 1/1), Gennari, De Rossi NE, Coser 2 (1/3, 0/2), Mosetti 11 (4/5, 0/2)
Allenatore: Soave N.
Tiri da 2: 23/39 – Tiri da 3: 3/19 – Tiri Liberi: 13/18 – Rimbalzi: 38 9+29 (Dzinic 9) – Assist: 12 (Granzotto 8) – Palle Recuperate: 14 (Reani 4) – Palle Perse: 14 (Policari 3)
LUPE SAN MARTINO DI LUPARI: Guarise*, Fietta 2 (1/2 da 2), Beraldo 8 (2/4, 1/2), Peserico, Amabiglia* 12 (3/5, 2/5), Coccato, Nezaj 4 (2/3, 0/1), Giordano* 5 (1/3, 1/1), Benato 2 (1/4 da 2), Antonello 2 (1/4 da 2), Rosignoli* 8 (2/2, 1/4), Toffolo* 4 (2/5, 0/4)
Allenatore: Valentini E.
Tiri da 2: 15/38 – Tiri da 3: 5/18 – Tiri Liberi: 2/7 – Rimbalzi: 35 9+26 (Toffolo 10) – Assist: 5 (Toffolo 2) – Palle Recuperate: 6 (Peserico 2) – Palle Perse: 24 (Guarise 4)
Arbitri: Servillo F., Pellegrini A.

 

 

 

 

Uff stampa Lupebasket

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy