A2 – Alpo passa a Udine, ma quanta fatica

Alpo vince sul campo di Udine.

di La Redazione

Delser Udine – Ecodent Point Alpo 49 – 53 (13-9, 26-25, 34-34, 49-53)

DELSER UDINE: Lizzi NE, Turel, Vella* 9 (4/12, 0/4), Ianezic 5 (1/4, 1/6), Ivas NE, Sturma* 4 (2/6, 0/1), Bric, Pontoni, Ceccarelli* 6 (2/6 da 3), Thiam NE, Rainis* 13 (1/5, 3/3), Vente* 12 (4/7 da 2)
Allenatore: Matassini A.
Tiri da 2: 12/35 – Tiri da 3: 6/21 – Tiri Liberi: 7/14 – Rimbalzi: 48 11+37 (Vente 15) – Assist: 11 (Rainis 4) – Palle Recuperate: 6 (Vella 3) – Palle Perse: 16 (Vella 8)

ECODENT POINT ALPO: Policari* 11 (1/4, 2/5), Vespignani* 5 (1/2, 0/1), Dell’olio* 10 (5/9, 0/5), Reani* 10 (2/4, 2/3), De Marchi NE, Granzotto 15 (3/6, 3/8), Dzinic, Bertoldi NE, Gennari NE, Coser 2 (1/2, 0/1), Mosetti*
Allenatore: Soave N.
Tiri da 2: 13/35 – Tiri da 3: 7/25 – Tiri Liberi: 6/12 – Rimbalzi: 35 7+28 (Vespignani 7) – Assist: 4 (Vespignani 2) – Palle Recuperate: 7 (Vespignani 3) – Palle Perse: 9 (Granzotto 3)
Arbitri: Fusari R., Martinelli M.

«Partita difficile, come temevamo contro una squadra che ha fatto 37 minuti di zona – così coach Nicola Soave commenta la vittoria in trasferta su Udine (49-53) – La Delser è partita forte, noi abbiamo un po’ arrancato ma siamo rimasti in partita, nonostante la serata un po’ così. Nel quarto quarto abbiamo messo le triple che contavano e abbiamo avuto la forza per vincerla». La vostra difesa ha fatto la differenza, mentre in attacco avete tirato con cattive percentuali: «Sì, abbiamo tirato sotto le nostre medie abituali sia dal campo che dalla lunetta, dove abbiamo chiuso con il 50%. Fa bene vincere questo tipo di partite, le friulane le hanno provate tutte per portarla a casa e quindi siamo contenti, le abbiamo tenute a 49 punti in casa loro: bene così!».

L’inizio del match è tutto per Udine che schizza avanti 7-0: l’Ecodent Point Mep fatica in attacco e trova il primo canestro dopo quasi 4 minuti di gioco con Granzotto (tripla del 7-3). Si segna con il contagocce, le biancoblù risalgono sino al 10-8 con Dell’Olio ma poi si bloccano nuovamente e la Delser riesce a chiudere il primo quarto avanti 13-9. Nel secondo quarto i canestri di Coser e Granzotto valgono il pareggio (13-13) e dànno il via ad un lungo testa a testa, con le difese che hanno spesso la meglio sugli attacchi. Coach Matassini utilizza soltanto la zona, l’equilibrio regna sovrano (20-20), con le veronesi che riescono a mettere il naso avanti a poco più di un minuto dall’intervallo lungo (tripla di Policari del 23-25); la replica, sempre da tre, di Rainis chiude il secondo quarto (26-25).

Nel terzo periodo il punteggio si abbassa ancora di più: sarà di 8-9 il parziale dell’intero quarto, l’Alpo addirittura non segna per 5 minuti e a metà tempo il tabellone segna 30-26. Per fortuna le biancoblù si risvegliano e infilano un mini-break di 0-6 chiuso dal cesto di Policari che le riporta avanti (30-32). All’ultimo riposo il punteggio è di perfetta parità (34-34), le ospiti rimettono il naso avanti grazie alla tripla di Granzotto (36-39) in apertura di quarto periodo, poi però rimangono a secco per 4 minuti esatti, allorquando Reani infila la tripla del 40-42. Il sorpasso friulano arriva grazie alla tripla di Rainis (45-44), Dzinic commette fallo antisportivo su Vente che fa 0/2 ai liberi, ma sulla rimessa a metà campo Vella dal “gomito” infila il paniere del 47-44 a 1′:41″ dalla fine. Dell’Olio risponde subito da due (47-46), Vente subisce fallo e mette un solo personale (48-46) e a 53″ dalla sirena Granzotto si “inventa” la tripla del sorpasso (48-49). La Libertas perde palla e Vespignani può far correre il cronometro: a 20″ dal gong Granzotto fallisce la tripla del ko, il rimbalzo è di Dell’Olio che realizza il +3 (48-51) a -16″ ma poi commette fallo antisportivo sulla successiva rimessa udinese. Vella fa 1/2 dalla linea (49-51), sulla successiva rimessa Ceccarelli fallisce il tiro del pareggio a -6″ e Policari la chiude dalla lunetta (49-53).

Andrea Etrari

Uff. Stampa Alpo Basket ‘99

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy