A2 – Athena: Edoardo Stanchi risponde alla lettera delle giocatrici

A2 – Athena: Edoardo Stanchi risponde alla lettera delle giocatrici

La nota di Athena.

di La Redazione

Nella giornata di oggi è stata diffusa questa lettera, firmata dalle ex giocatrici di Athena Giulia Bernardini, Livia Borsetti, Laura Gelfusa, Giulia Grimaldi, Eleonora Piacentini, Gaia Raveggi, Marta Verrecchia ed Elisa Volponi.

“Cari amici,

Vi leggiamo ormai da diverse settimane e riceviamo ogni giorno le vostre domande. Abbiamo aspettato del tempo per dirvi cosa succede, preferendo far calmare le acque e ragionare a mente fredda.

Scriviamo queste due righe perché pensiamo sia giusto parlarvi dal nostro punto di vista, è un piacere per noi darvi spiegazioni dopo averci sostenuto con tanta passione lungo tutta la stagione.

Il 29 maggio, 6 giorni dopo aver conquistato la salvezza sul campo, e con tutta la gioia ancora nel cuore, veniamo riunite per una cena dal nostro presidente Edoardo Stanchi. In questa occasione, dopo lunghe chiacchiere proiettate già alla prossima stagione e con le quali veniamo sollecitate a fare fantasie e progetti sul futuro, ci viene comunicata la decisione di ripristinare Francesco Goccia, che non era presente, come primo allenatore della serie A2. Una decisione non condivisa dalla squadra per via dei problemi avuti con lui durante la stagione, problemi che avevano portato lo stesso Goccia ad essere promosso direttore tecnico per lasciare il posto di head coach a Corrado Innocenti.

Riconsegnare la panchina dell’Athena nelle mani di un allenatore non voluto è una decisione fortemente in contraddizione con quanto sostenuto dal presidente, ossia la volontà di confermarci tutte, ed è stata presa nonostante si conoscessero molto bene le motivazioni di noi giocatrici. Di conseguenza, la sera stessa abbiamo tutte ribadito l’impossibilità di continuare a quelle condizioni. A confermare l’incoerenza, inoltre, sappiamo chiaramente che Francesco Goccia non avrebbe confermato tutte, ed eravamo pronte a questo, siamo giocatrici e soprattutto persone intelligenti. Ma come mai continuare a dire cose false? Ad oggi la cosa non ci interessa più.

Ci è stato concesso del tempo per pensare, tempo che evidentemente non è servito a cambiare idea a chi ha il potere di decidere, e il 14 giugno abbiamo comunicato ufficialmente in 8 la nostra scelta di non è essere tesserate con il Gruppo Stanchi Athena per la stagione 2019/2020.

Ci teniamo a precisare che tutte, a parte una compagna che aveva già scelto di smettere, avremmo continuato a giocare per la società in cui molte di noi sono nate e cresciute, e che smettere o cercare altre società comporterà dolore e sacrificio per ognuna.

Aggiungiamo anche che i problemi con Francesco Goccia erano puramente tecnici e di alcuna natura personale.

Concludiamo ringraziando comunque il Gruppo Stanchi per averci dato la possibilità di giocare in serie A2 con la nostra maglia di sempre.

P.s. In queste righe non troverete riferimenti a rumors, voci di corridoio, provocazioni o sviolinate. Quelle le lasciamo a chi con lo sport, in generale, non ha nulla da spartire. Con l’occasione ricordiamo a chiunque faccia insinuazioni che il nostro non è uno spogliatoio, ma un giardino pieno di fiori, di quelli che qualcuno può guardare solo da lontano”.

In riferimento a questa lettera, Edoardo Stanchi dichiara quanto segue:

“Prendo atto della lettera delle ex giocatrici di Athena, la quale non fa altro che confermare quanto da me già dichiarato e cioè la volontà da parte della Società di tenerle tutte. Non ho mai detto cose false. Ognuno ha la propria coscienza e la verità non va sentita, ma va cercata.
Dalla lettera emerge anche una cosa che ho sempre pensato e detto e cioè che l’anno scorso c’era uno spogliatoio eccezionale. Per questo non ho mai creduto ai “rumors”, né li ho mai ascoltati. Un altro suono che non ho mai ascoltato è quello del violino, non lo so suonare e quindi non sono in grado di fare sviolinate.
Rispettando la loro scelta di non rimanere ad Athena e ribadendo il diritto di una Società di scegliere l’allenatore, colgo l’occasione per ringraziarle ancora una volta per la salvezza ottenuta lo scorso anno e auguro loro tutta la fortuna che meritano nel prosieguo delle rispettive carriere”.

Uff.Stampa Athena Basket

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy