A2 – Canova protagonista, Carugate non sbaglia contro Albino

A2 – Canova protagonista, Carugate non sbaglia contro Albino

Basket Carugate – Fassi Edelweiss Albino 70 – 53

di La Redazione

Basket Carugate – Fassi Edelweiss Albino 70 – 53 (14-16, 31-27, 49-42, 70-53)

BASKET CARUGATE: Possali, Schieppati* 10 (5/10 da 2), Usuelli, Diotti* 10 (4/7, 0/1), Pontillo NE, Canova* 24 (3/4, 4/6), Maffenini NE, Grassia 4 (2/4 da 2), Gambarini* 2 (1/10 da 2), Fossati, Colombo 3 (0/1, 1/4), Tomasovic* 17 (8/13, 0/1)
Allenatore: Cesari L.
Tiri da 2: 23/52 – Tiri da 3: 5/12 – Tiri Liberi: 9/12 – Rimbalzi: 40 11+29 (Schieppati 9) – Assist: 18 (Schieppati 5) – Palle Recuperate: 13 (Schieppati 4) – Palle Perse: 12 (Diotti 3)
FASSI EDELWEISS ALBINO: Rizzo NE, Birolini NE, Mandelli* 2 (0/5, 0/3), Laube* 6 (3/7 da 2), Agazzi, Panseri NE, Baiardo* 13 (2/8, 3/8), De Gianni* 2 (1/5, 0/2), Grudzien* 16 (2/5, 3/9), Peracchi 3 (1/3 da 2), Gionchilie NE, Locatelli 11 (2/4, 2/4)
Allenatore: Fassina S.
Tiri da 2: 11/38 – Tiri da 3: 8/26 – Tiri Liberi: 7/11 – Rimbalzi: 41 16+25 (Grudzien 12) – Assist: 11 (Mandelli 3) – Palle Recuperate: 8 (Mandelli 2) – Palle Perse: 20 (De Gianni 5)
Arbitri: Barra F., Suriano F.

Due derby vinti su due. Tre partite su tre vinte in casa. Cento per cento Mapp Tools Blackiron Carugate. Missione compiuta anche contro Fassi Albino: le ragazze allenate da coach Luigi Cesari mantengono l’imbattibilità casalinga aggiudicandosi il match valido per la sesta giornata di campionato con il punteggio di 70-53.

Decisivo l’ultimo quarto

Decisivo l’ultimo quarto dopo trenta minuti di sostanziale equilibrio ma con l’inerzia sempre in mano a Carugate, se si esclude il finale di primo quarto in cui Albino piazza un controbreak 2-11 che le permette di chiudere il mini periodo avanti di due, dopo una partenza razzo di Colombo e compagne nei primi tre minuti di gioco con tanto di parziale 8-0.

“Guardo più i 53 punti subiti che i 70 segnati”

“Forse i 180 secondi migliori che abbiamo mai giocato dall’inizio del campionato -ha detto nel dopo gara coach Cesari-. Poi loro si sono riportate in partita, ma c’era da aspettarselo. Non guardo tanto ai 70 punti segnati ma ai 53 subiti. Noi vinciamo difendendo e correndo. Abbiamo preparato bene la partita, ci hanno messo in difficoltà con la zona ma ne siamo venute fuori. La squadra c’è ma non è una novità e considerato il nostro precampionato e gli infortuni, siamo molto soddisfatti”.

Sara Canova (foto: Simone Mallardo)

Canova migliore in campo

Miglior marcatrice della partita ed Mvp Sara Canova, per lei 24 punti, 4-6 dall’arco e 24 di valutazione. Ottima come sempre anche la prestazione di Veronica Schieppati, 10 punti, 9 rimbalzi, 2 stoppate, 4 recuperi e 25 di valutazione complessiva. “Grande prova, era una partita che sentivamo e cha abbiamo preparato bene durante la settimana. Ho fatto 4 su 6 da tre? Non lo sapevo, sì, direi che è una buona percentuale” ha detto scherzando Canova a fine gara.

Primo quarto diviso in due

Il 1Q, come accennato, si può dividere in due: nei primi cinque minuti Mapp Tools domina il campo, difendendo forte e portandosi avanti 8-0, distacco che rimane tale fino a 3′ dalla fine del quarto: 12-4. Il risveglio di Albino avviene con l’ingresso in campo di Locatelli, che suona la carica e sveglia le compagne dal torpore iniziale. Si va al primo mini intervallo sul punteggio di 14-16 per la squadra ospite, complice anche la buona mira dall’arco di Baiardo e Grudzien.

Preziosa Grassia, Diotti step back!

Nel secondo quarto sale in cattedra Canova: due triple riportano in parità il punteggio: 20-20. Si iscrive alla partita anche Grassia, segna due canestri consecutivi su azione, poi libera Diotti sotto canestro con un assist al bacio: è +7 per Mapp Tools. Nel finale di tempo, Albino tenta una timida reazione che si traduce in un 2-5 di parziale grazie a due liberi di Mandelli e a un gioco da tre punti (canestro più fallo) di Peracchi intervallati da uno step back sempre di Diotti: si va a riposo sul 31-27 per Carugate.

Che coppia Canova-Tomasovic

Nella ripresa si sveglia Tomasovic, che finirà con 17 punti e 8 rimbalzi: quattro a referto consecutivi e le padrone di casa allungano a +8. Il divario si allarga con cinque punti consecutivi di Canova, per il massimo vantaggio di 11 punti che diventano 13 con un piazzato di Schieppati, suo marchio di fabbrica, e poi 14 con un libero di Canova (parziale 10-2). Ma Albino è ancora viva: controbreak 0-7 con tanta Greta Laube (classe 2001, 10 rimbalzi ed è alta 1.73) e il terzo quarto finisce 49-42.

Il sigillo del capitano

La chiave del quarto quarto, dopo 4′ in cui nessuna delle squadre riesce a prendere il sopravvento, è la bomba di Giulia Colombo. Il capitano firma il +10 e mette in ginocchio definitivamente Albino, che sente venir meno le energie psicofisiche. Canova-Tomasovic firmano un nuovo parziale 8-0, Schieppati mette il sigillo definitivo con il canestro del +20, poi limato da Grudzien con una tripla nel finale, momento in cui trovano minuti anche le giovani Usuelli e Possali, entrambe premiate per il loro lavoro essenziale durante gli allenamenti ogni settimana. Finisce 70-53, Carugate agguanta a sei punti Udine e Sarcedo al sesto posto in classifica mentre Albino rimane ferma a quota 4. Prossimo impegno per Mapp Tools ad Alpo, sabato prossimo. “Non avremo ancora Maffenini a disposizione, speriamo di recuperarla tra due settimane per Bolzano. Alpo ha giocatrici di qualità, dovremo prepararci al meglio” ha concluso coach Cesari.

Uff.Stampa Basket Carugate

Foto di Marco Brioschi

MAR_BRI21115

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy