A2- Capoferri e Veinberga immense: Crema vince a Carugate

Ottima prova per la formazione di coach Luca Visconti.

di La Redazione

BRIO130Castel CarugateTec-Mar Crema 4671 (14-17, 30-38, 41-57)

CASTEL CARUGATE: Zucchetti L. , Beretta A. NE , Correal E. NE , Diotti F. 2 , Cerizza S. , Picco C. 8 , Colli C. 4 , Rossi L. 7 , Albano C. 16 , Polato S. 4 , Scarsi M. 5 , All. Re Paolo
TEC-MAR CREMA: Visigalli G. , Conti C. 4 , Zagni C. 11 , Capoferri M. 20 , Cerri C. , Veinberga I. 15 , Caccialanza P. 8 , Parmesani F. NE , Cerri G. NE , Maiocchi N. , Rizzi N. 6 , Picotti M. 7 , All. Visconti Luca
ARBITRI:Simona Belprato, Vincenzo Di Martino,
NOTE:  Castel Carugate tiri liberi 19/25 (76%), Tec-Mar Crema tiri liberi 9/12 (75%),

Torna al successo la TecMar Crema sul campo di Carugate conquistando quei punti necessari a mantenere le ragazze di coach Visconti a contatto con le zone alte della classifica. Reduce dall’opaca prestazione contro la capolista Caccialanza & C. pur con un eloquente risultato non si rendono protagoniste di una prestazione esaltante a livello di squadra ma trovano una serata particolarmente ispirata e concerta in alcune delle sue individualità (Capoferri 20 p.ti e Veinberga 15 p.ti) che rappresentano comunque dei punti di forza della formazione cremasca. Nonostante dunque una esibizione esteticamente non all’altezza delle potenzialità della squadra resta comunque una vittoria che in questo momento serve a dare morale e soprattutto mantenere inalterate le possibilità che la squadra ha di lottare per le prime posizioni in un campionato che si sta rivelando comunque sempre più equilibrato ed incerto. Parlando della gara possiamo dire che al di là di possibili analisi “critiche” l’esito finale non è mai stato in dubbio e se al riposo poteva sembrare ancora del tutto aperta la seconda parte ha visto sempre più lievitare il divario delle forze in campo. Le padrone di casa private dell’apporto di Correal e Beretta hanno messo in campo tanto impegno e determinazione facendo giocare “male” le ospiti ma alla distanza non hanno potuto fare altro che arrendersi. A questo punto il campionato entra sempre più nel vivo e se per Carugate il proseguo della stagione dovrà servire per preparare al meglio un finale che la vedrà impegnata, riteniamo con ottime possibilità di riuscita, di restare nella categoria per il Basket Team Crema rimangono alterate le possibilità di conquistare una delle posizioni migliori in vista dei play-off promozione. “Non stiamo attraversando un grande momento di forma” il commento a fine gara del dirigente responsabile della squadra cremasca Denti, che prosegue: “Probabilmente la discontinuità di rendimento fino ad ora evidenziato, anche se non è l’unico motivo, è da ricercare in modo particolare nei troppi contrattempi che hanno caratterizzato la nostra prima parte della stagione durante la quale raramente la squadra ha potuto lavorare con la necessaria continuità. Non deve essere naturalmente un alibi perché l’organico dovrebbe essere in grado di sopperire a questo ma neppure sottovalutarlo. Però questo fa parte del gioco e bisogna saperlo accettare. Certamente potevamo avere qualche punto in più ed essere alle “final eight” di Coppa ma accettiamo quello che fino ad ora è il risultato del campo fiduciosi però con le prossime partite di poterci esprimere se non al massimo quanto meno vicino alle nostre reali possibilità”.

Uff.Stampa TecMar Crema

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy