A2 – Carugate perde ancora, ad avere la meglio è Crema

Tec-Mar Crema – Carosello Carugate 54 – 47

di La Redazione

Tec-Mar Crema – Carosello Carugate 54 – 47 (20-14, 37-27, 43-41, 54-47)

 
TEC-MAR CREMA: Nori* 4 (2/8 da 2), Visigalli NE, Togliani 7 (3/4, 0/2), Mandelli, Capoferri* 12 (2/5, 1/5), Benic* 6 (0/4, 2/4), Caccialanza 10 (2/4, 2/6), Parmesani* 6 (2/4, 0/1), Cerri, Rossi NE, Rizzi* 9 (1/2, 0/3), Moro NE
Allenatore: Sguaizer D.
Tiri da 2: 12/32 – Tiri da 3: 5/21 – Tiri Liberi: 15/19 – Rimbalzi: 40 11+29 (Nori 8) – Assist: 9 (Togliani 3) – Palle Recuperate: 14 (Togliani 6) – Palle Perse: 21 (Benic 4)

 
CAROSELLO CARUGATE: Zucchetti*, Rossini NE, Diotti* 8 (2/3, 0/2), Cerizza, Macalli, Rossi* 14 (3/7, 2/7), Zelnyte* 10 (5/10, 0/2), Beccaria NE, Mariani NE, Albano* 13 (2/12, 1/5), Zolfanelli 2 (1/2, 0/1), Gombac NE
Allenatore: Piccinelli A.
Tiri da 2: 13/34 – Tiri da 3: 3/18 – Tiri Liberi: 12/14 – Rimbalzi: 33 7+26 (Zelnyte 18) – Assist: 6 (Diotti 2) – Palle Recuperate: 12 (Rossi 4) – Palle Perse: 19 (Albano 7) – Cinque Falli: Zucchetti, Albano

Solo nel finale le ragazze di coach Sguaizer riescono a togliersi di dosso un Castel Carugate combattivo e bravo a restare in partita per tutta la sua durata con una prestazione di carattere e grande determinazione. In controllo nei primi due periodi le padrone di casa staccano completamente la spina nel terzo quarto permettendo alla formazione di coach Piccinelli di recuperare e di rimandare l’esito dell’incontro agli ultimi 10’. Un ultimo periodo che si rivela palpitante ed incerto con Caccialanza & C. che non riescono ad imprimere con continuità e concretezza le proprie azioni permettendo a Rossi & C. di far sentire il fiato sul loro collo. Di buono in questo frangente la fase difensiva che concede comunque poco e rappresenta una solida base per portare in porto, con fatica, la gara che vede nel finale consolidare il risultato a favore di una TecMar tutt’altro che trascendentale e convincente. Troppo discontinua nel suo rendimento ma soprattutto con vistosi cali di concentrazione e tensione che non possono essere una garanzia contro qualunque avversaria. Conseguenza di tutto ciò non poteva che uscire una gara sofferta oltre ogni previsione che ha visto vanificare ogni situazione favorevole rintuzzata dall’orgoglio e della volontà espressa dalla formazione ospite che ad un certo punto ha visto crearsi la situazione di un possibile colpaccio assai importante per la propria deficitaria classifica. “Rispetto a Udine” un deciso passo indietro sotto tutti i punti di vista.” Questo il commento del presidente Manclossi che dalle sue parole appare del tutto insoddisfatto per la prestazione delle sue ragazze. “Senza voler sminuire il valore della formazione avversaria che anzi merita sicuramente un plauso per la gara disputata mi aspettavo una gara diversa da parte della nostra squadra. Non parlo di mancanza d’impegno ma di una prestazione che soprattutto a livello di concentrazione generale mi ha lasciato molto perplesso sotto tutti i punti di vista. Tanta confusione, palle perse malamente e tante opportunità mancate in un campionario negativo che non può che far diventare difficile ogni cosa”. Certamente non un bel segnale in vista della kermesse che nel fine settimana vedrà impegnata la formazione lombarda nella kermesse di “Coppa Italia” anche se l’organico della squadra ha qualità tali da potersi esprimere su ben altri livelli soprattutto in occasione di partite secche.

Ufficio stampa Crema

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy