A2 – Castelnuovo Scrivia espugna Bolzano

Alperia Basket Club Bolzano – Autosped Castelnuovo Scrivia 57 – 65

di La Redazione

Alperia Basket Club Bolzano – Autosped Castelnuovo Scrivia 57 – 65 (12-17, 21-36, 33-47, 57-65)

ALPERIA BASKET CLUB BOLZANO: Nasraoui* 11 (5/7 da 2), Cremona* 4 (1/5, 0/3), Servillo* 2 (0/3 da 2), Cristelo Alves* 6 (1/4, 1/4), Mingardo 2 (1/3, 0/2), Fall* 14 (3/8, 2/4), Desaler NE, Iob 12 (5/6 da 2), Iuliano 4 (2/3, 0/1), Profaiser, Carcaterra 2 (1/1, 0/2)
Allenatore: Sacchi R.
Tiri da 2: 19/41 – Tiri da 3: 3/17 – Tiri Liberi: 10/16 – Rimbalzi: 40 10+30 (Iob 8) – Assist: 8 (Cremona 2) – Palle Recuperate: 4 (Cremona 1) – Palle Perse: 13 (Cristelo Alves 5)
AUTOSPED CASTELNUOVO SCRIVIA: Repetto, D’Angelo* 9 (4/14, 0/1), Madonna* 8 (1/1, 2/4), Pavia 13 (2/6, 2/3), Serpellini 3 (1/3 da 3), Colli* 14 (5/9, 1/3), Bernetti NE, Bonvecchio* 12 (3/8, 2/3), Podrug* 4 (2/5, 0/1), Bassi NE, Francia 2 (1/1 da 2)
Allenatore: Zara F.
Tiri da 2: 18/45 – Tiri da 3: 8/21 – Tiri Liberi: 5/7 – Rimbalzi: 41 10+31 (Podrug 11) – Assist: 11 (Madonna 3) – Palle Recuperate: 7 (Colli 3) – Palle Perse: 10 (Podrug 5)
Arbitri: Zuccolo M., Zanetti S.

Convincente vittoria dell’Autosped che supera di slancio il temuto ostacolo costituito dal Basket Club Bolzano; prova solida quella offerta dalle castelnovesi, brave a mettere da parte la conquista delle final eight di Coppa evitando il rischio di arrivare un pò scariche mentalmente all’appuntamento di questa sera. Zara parte con Madonna, Bonveccchio, Colli, D’Angelo e Podrug mentre Sacchi schiera Servillo, Cremona, Fall, Nasraoui e Alves; partenza diesel delle giraffe, piuttosto pigre nella propria metà campo, e padrone di casa che dopo il jump iniziale di Bonvecchio piazzano un 7-0. Bcc che prova a ricucire (6-7) ma dopo la tripla di Fall la coach ospite decide di aver visto abbastanza e chiama time out per strigliare le proprie giocatrici; la mossa produce gli esiti sperati e da quel momento la difesa castelnovese diventa una sorta di Tourmalet per le altoatesine, che metteranno a segno solo due punti nel restante tempo, e così nasce il break esterno (11-2) che porta il Bcc sul +5 al 10′ (17-12). Anche nei secondi 10′ la difesa Autosped continua a tenere alto il volume, concedendo alle padrone di casa solamente il minimo sindacale; nei primi 5′ però Bolzano riesce, perlomeno, a tenere il distacco entro limiti accettabili, ma con il passare dei minuti la superiorità castelnovese si fa sempre più evidente, certificata dal 36-21 con cui le due compagini tornano negli spogliatoi per la pausa lunga. Neppure l’intervallo sposta gli equilibri sul parquet con le altoatesine che pur non lesinando l’impegno non sembrano dare l’impressione di poter rientrare nel match; la neo entrata Iob prova a dare la scossa alle biancorosse di casa ma dall’altra parte le giraffe ribattono colpo su colpo, arrivando anche a toccare il +18, cosi che al 30′ la situazione rimane praticamente immutata (45-32). 10′ finali nei quali l’Alperia produce, come era lecito attendersi, il massimo sforzo per provare a rientrare nel match; è sempre Iob la spina nel fianco della difesa Autosped ma le giraffe sono brave a restare sempre sul pezzo, tenendo sempre a distanza di sicurezza le avversarie. Solo a giochi ormai fatti il Bcb riesce a portare il distacco sotto la doppia cifra ma senza mai poter mettere in discussione la meritata vittoria castelnovese. Successo per nulla scontato alla vigilia, visto che le bolzanine erano date in grande crescita tanto che una big come Moncalieri aveva dovuto sudare le proverbiale sette camicie nell’ultimo turno per espugnare il Pala Mazzali; l’autorità con cui le giraffe sono riuscite nell’impresa, nonostante la pesante assenza di Gatti, testimonia della crescita evidente del collettivo castelnovese. C’era il timore che l’aver raggiunto il traguardo Coppa potesse aver tolto ‘fame’ alle ragazze di Zara ma la prestazione di questa sera è la dimostrazione di quanto lo staff tecnico sia stato bravo non solo a preparare la partita ma anche a tenere alta la tensione e la concentrazione tra le giocatrici; che, dal canto loro, vanno elogiate per avere, tutte, interpretato al meglio sul parquet quanto studiato a tavolino.

Uff.Stampa BC Castelnuovo Scrivia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy